18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/08/2009, 00.00

    IRAN

    Teheran, nuovo processo contro i dissidenti. Una cittadina francese fra gli imputati



    Alla sbarra più di dieci attivisti e oppositori al regime. Tra questi Clotilde Reiss, universitaria, accusata di “spionaggio” e aver “fomentato le rivolte”. Parigi definisce “infondati” i capi di imputazione.
    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Questa mattina è iniziato il processo a un secondo gruppo di attivisti e riformatori, protagonisti delle proteste anti-governative divampate in Iran all’indomani delle elezioni presidenziali. Fra gli imputati vi è anche Clotilde Reiss, 24 anni, universitaria francese che ha trascorso gli ultimi cinque mesi in Iran come insegnante di lingua.
     
    La scorsa settimana più di 100 persone sono comparse davanti ai giudici, con capi di accusa che includono anche la cospirazione. Fra loro vi sono anche figure di primo piano della dissidenza iraniana.
     
    Una parte degli imputati ha reso confessioni pubbliche, spiegando di aver protestato contro l’esito del voto con lo scopo di “creare disordini”. Attivisti denunciano che le confessioni sono state estorte mediante torture e abusi.  I leader dell’opposizione bollano i processi come “spettacoli” montati ad arte dal regime.
     
    Il processo in corso oggi vede imputate più di 10 persone, fra cui Clotilde Reiss (nella foto), arrestata il primo luglio scorso mentre si preparava a lasciare l’Iran. La ragazza, che ha compiuto gli anni il 31 luglio, è rinchiusa nel carcere per detenuti politici di Evin, a Teheran, con l’accusa di “spionaggio e aver fomentato le rivolte”.
     
    La Francia respinge i capi di imputazione, definendoli “infondati”. Bernard Poletti, ambasciatore francese a Teheran, ha potuto visitare la giovane solo una volta in carcere. Due le telefonate intercorse fra il diplomatico e la Reiss, che sembra in buono stato di salute pur non nascondendo le “preoccupazioni per il suo futuro”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/08/2009 IRAN
    Alì Khamenei: nessuna potenza straniera dietro le proteste di Teheran
    La Guida Suprema dell’Iran esclude che dietro le manifestazioni di piazza vi siano i governi occidentali. Egli afferma che “non vi sono prove”, ma aggiunge che le dimostrazioni di massa sono state pianificate in anticipo. L’ayatollah prende le distanze dalla linea dura promossa dai conservatori e dal presidente Ahmadinejad.

    28/01/2010 IRAN
    Il regime di Teheran ha giustiziato due manifestanti antigovernativi
    La condanna a morte è stata eseguita questa mattina all’alba. A carico di Mohammad Reza Ali Zamani e Arash Rahmanipour l’accusa di essere “nemici di Dio”, la militanza in gruppi armati e il tentativo di rovesciare la leadership della Repubblica islamica. Ancora oggi 200 attivisti prigionieri nelle carceri iraniane.

    18/09/2009 IRAN
    Ahmadinejad nega ancora l’Olocausto, le milizie governative aggrediscono Khatami
    Giornata di scontri e tensione in tutto il Paese. Celebrando la giornata internazionale di Gerusalemme, il presidente iraniano attribuisce al “regime sionista” i conflitti in Iraq, Afghanistan e Sudan. L’opposizione organizza contro-manifestazioni, represse con la forza dalle milizie filo-governative.

    24/05/2005 iran
    Manifestazione a Teheran contro l'esclusione di candidati riformisti

    Lo stesso Khameni chiede al Consiglio di riconsiderare le bocciature di Moin e Mehralizadeh



    13/10/2009 IRAN
    Rinviato a giudizio il riformista Karroubi
    Verrà processato per le accuse di violenza sessuale su persone incarcerate per le proteste seguite alla rielezione di Ahmadinejad rivolte ad alcuni carcerieri. La notizia del rinvio giunge dopo quella della condanna a morte di tre persone che hanno preso parte alle manifestazioni che hanno contestato i brogli al voto presidenziale.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®