17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/04/2016, 09.05

    IRAN-USA

    Teheran chiede aiuto all’Onu per i fondi iraniani congelati negli Usa, gestiti dalla Corte suprema

    Darius Karimian

    Una lettera di Javad Zarif a Ban Ki-moon, ricorda le ingiustizie subite dal popolo iraniano a causa della politica Usa. Critiche alla Corte suprema che permette lo sblocco di fondi congelati per ricompensare le vittime del terrorismo a Beirut.

    Teheran (AsiaNews) – L’Iran ha chiesto alle Nazioni Unite di intervenire presso gli Stati Uniti per fermare una decisione della Corte suprema, che permette l’uso di circa 2 miliardi di dollari in fondi iraniani congelati, per ripagare le vittime di attacchi terroristi di stampo sciita, compreso quello alla base dei marines Usa a Beirut nel 1983.

    La decisione della Corte permetterà un aiuto per 1300 parenti dei 241 marines morti nell’attacco. Il governo Usa ritiene che i responsabili dell’attentato siano gli Hezbollah ed essi, secondo il governo Usa, sono sostenuti dall’Iran. Teheran rifiuta le accuse e chiede invece che i fondi iraniani, bloccati negli Stati Uniti vengano riportati in patria, essendo ormai finito l’embargo.

    In una lettera al segretario generale Onu, Ban Ki-moon, Il ministro iraniano degli esteri, Javad Zarif, fa notare che la decisione della corte americana avrà “catastrofiche implicazioni” ed erode Il principio dell’immunità degli Stati.

    La diatriba è scoppiata proprio dopo la fine dell’embargo e quando tutti si aspettano gli Stati Uniti onorino l’accordo sul nucleare firmato a Vienna nel luglio scorso. Secondo molti osservatori, Washington sta facendo di tutto per minare l’accordo e questa polemica sui fondi per ripagare le vittime del terrorismo è un modo per evitare il libero trasferimento di fondi iraniani dagli Usa a Teheran.

    “La Repubblica islamica- si afferma nella lettera – considera il governo Usa responsabile per questo oltraggioso furto, mascherato da ordine della corte, ed è determinato a prendere ogni misura legale per recuperare le proprietà rubate e gli interessi accresciuti a partire dalla data in cui esse sono state bloccate dagli Stati Uniti”.

     “Sono gli Stati Uniti – continua la lettera – che dovrebbero pagare le riparazioni al popolo iraniano per le loro politiche di permanente ostilità”. E si accusa Washington di aver “rovesciato il governo democraticamente eletto nel 1953 [quello di Mossadek- ndr]” e di aver sostenuto “la brutale dittatura” dello scià, seguita subito dopo, dal 1953 al 1979. E si ribatte che gli Stati Uniti dovrebbero pagare a Teheran i danni per aver abbattuto un aereo passeggeri iraniano nel 1988.

    Tale lettera è l’ultima in una serie di lamenti di parte iraniana che fanno notare le difficoltà ad avere accesso al sistema finanziario internazionale – per boicottaggio Usa – pur rispettando i patti dell’accordo. L’amministrazione Usa dichiara di aver preso nota delle richieste e sta cercando di affrontare le critiche iraniane.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2016 08:57:00 IRAN-USA
    Kerry e Zarif per attuare l’accordo nucleare. Negli Usa c’è chi frena

    L’incontro è avvenuto nella sede Onu di New York. Gli Usa non hanno ancora tolto il divieto nell’uso del dollaro per l’Iran. In questo modo Teheran non può ricevere crediti per 100 miliardi accumulati in questi anni. Allo stesso tempo, banche e compagnie europee sono timorose nell’aprire contratti con Teheran perché temono multe da parte degli Stati Uniti.



    20/04/2016 15:09:00 IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.



    23/07/2015 ISRAELE-IRAN
    Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
    E’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

    19/05/2014 IRAN
    Javad Zarif: Un accordo sul nucleare è ancora possibile
    Per il ministro degli esteri è importante non perdere questa occasione. Nuova serie di colloqui dal 16 al 20 giugno.

    17/06/2016 11:58:00 IRAN - STATI UNITI - ONU
    Teheran denuncia gli Stati Uniti al tribunale Onu per “appropriazione indebita” di due miliardi

    La controversia riguarda i beni di proprietà della Banca centrale iraniana e congelati da Washington. La Corte suprema Usa ha stabilito che siano devoluti ai familiari delle vittime del terrorismo in Libano e Arabia saudita. Una accusa contestata con forza dalla Repubblica islamica, che parla di violazione del Trattato di amicizia del 1955 fra Washington e Teheran. 

     





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®