12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/07/2017, 08.20

    IRAN

    Teheran lancia la prima asta dell’era post-sanzioni per 14 campi di petrolio e gas



    Ad annunciarlo la Compagnia nazionale per il petrolio (Nioc), che prevede tempi di “due o tre mesi” per l’assegnazione. Prezzi base dell’asta da 14 a 80 milioni di euro a seconda del giacimento. Un bando che l’interesse dei giganti occidentali (e russi) del settore. Diplomatico iraniano: Vogliamo allentare “i timori” degli europei e occidentali.

    Teheran (AsiaNews) - Teheran è pronta a indire la prima gara di appalto per l’esplorazione e lo sfruttamento di 14 campi di petrolio e gas naturale, dalla (parziale) rimozione delle sanzioni da parte dell’Occidente. Ad annunciarlo nei giorni scorsi è stata la Compagnia nazionale iraniana per il petrolio (Nioc), secondo cui le aste dovrebbero tenersi entro i prossimi due, al massimo tre mesi.

    Fonti ufficiali iraniane riferiscono che l’obiettivo è quello di attirare nuove investimenti dei giganti internazionali del settore degli idrocarburi. Fra questi la britannica Bp e il colosso russo dell’energia Gazprom.

    La Repubblica islamica dispone di alcune delle più importanti riserve di energia del pianeta e da tempo sta lavorando ad accordi mirati per lo sfruttamento. Fra i tanti ricordiamo i giacimenti di South Pars, South Azadegan, Yadavaran, West Karoon, Mansuri e Abe-Timur.

    La scorsa settimana la Total, gigante francese del settore, è stata la prima grande impresa occidentale a siglare un accordo di collaborazione e di sviluppo con Teheran nell’era post-sanzioni. Commentando la firma, l’ambasciatore iraniano a Parigi ha affermato che questo contratto sottoscritto da Nioc e il gigante transalpino “apre le porte” alle altre più importanti imprese al mondo nell’energetico. La Repubblica islamica, ha aggiunto, sarà una delle realtà più interessanti del settore. “[L’accordo] ha spezzato un tabù - ha concluso Ali Ahani - per il lavoro e gli investimenti in Iran delle compagnie internazionali” allentando al contempo “i timori” degli europei e dell’Occidente in genere.

    Fra i potenziali investitori, in prima fila troviamo anche i russi di Lukoil, la danese Maersk, gli austriaci di Omv, l’italiana Edison e Petronas, la compagnia di Stato della Malaysia. La maggior parte dei campi all’asta sono localizzati nelle regioni di Zagros, Koppet Dagh e nel Golfo persico. La base minima per partecipare varia a seconda dei giacimenti da 14 a 80 milioni di euro.

    Il settore del petrolio e dei gas naturali si rivela dunque decisivo nel rilanciare l’economia della Repubblica islamica nell’era post sanzioni, che registra una crescita superiore all’8%. L’accelerazione decisiva per la crescita del Pil deriva dai proventi della vendita dell’oro nero, che è tornato sui mercati in seguito allo storico accordo sul programma atomico, che ha determinato un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente.

    Il settore del petrolio si rivela inoltre uno degli ambiti in cui le donne possono affermarsi a livello professionale. Soprattutto grazie alla recente direttiva ministeriale che ha rimosso barriere e discriminazioni, offrendo all’universo rosa opportunità di carriera ai più alti livelli dirigenziali. A tutt’oggi sono circa 17mila le donne che lavorano nell’industria petrolifera iraniana. Di queste, almeno 7mila sono dipendenti e altre 10mila collaborano grazie a forme contrattuali di varia natura. Una quota pari a circa l’8% del totale della forza lavoro nel settore. Il dato si abbassa al 7% se si prendono in considerazione i ruoli manageriali o con gradi di responsabilità. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/03/2013 MYANMAR
    Naypyidaw: gas e petrolio all’asta, per attirare gli investimenti esteri
    Ad aprile oltre 20 blocchi produttivi al largo della costa andranno al miglior offerente. Il governo birmano intende attirare i capitali dall’estero, ma deve fare i conti pure con il fabbisogno interno. Con i vecchi contratti stipulati dai militari, circa l’80% della produzione finisce all’estero. Aung San Suu Kyi: riforme economiche di pari passo con la fiducia degli investitori.

    19/11/2005 CINA
    La cinese Alibaba.com supera E-bay e sfida Google

    Jack Ma, capo esecutivo della compagnia, vuole renderla la più diffusa in Cina. Già superata e-bay come principale sito di vendita telematica. In programma l'espansione in tutta l'Asia e in Europa.



    18/02/2017 09:10:00 IRAN
    Iran, scoperti enormi giacimenti di petrolio e gas. Obiettivo 50 miliardi di utili per il 2018

    Secondo il responsabile Nioc sarebbero emersi una dozzina di nuovi giacimenti con una riserva complessiva di 30 miliardi di barili. Rinvenuti 128mila miliardi di metri cubi di gas naturale. Ministro del Petrolio: export giornaliero di 2,8 milioni di barili, equivalente al periodo pre-sanzioni.



    15/04/2008 IRAQ
    L’Iraq apre i suoi giacimenti a 35 compagnie straniere
    Pubblicato l’elenco delle ditte ammesse a partecipare a gare d’appalto per i contratti di servizio e d'estrazione di petrolio; tra le major: Exxon, Chevron e Total. Escluse le compagnie che avevano già stretto accordi separati con il governo del Kurdistan.

    03/02/2005 INDIA - IRAN
    In crescita i rapporti energetici fra New Delhi e Teheran




    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®