20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/08/2009, 00.00

    IRAN

    Teheran offre la libertà condizionata alla Reiss



    Il regime ammette che sono 4mila le persone arrestate per le proteste. Il comandante dei basji continua a parlare di complotti. 220 parlamentari su 290 promettono fiducia ad Ahmadinejad. Un’esperta prevede la ulteriore radicalizzazione della politica iraniana.
    Beirut (AsiaNews) - L’Iran offre alla Francia la possibilità che Clotilde Reiss (nela foto), la lettrice francese dell’università di Isfahan arrestata con l’accusa di spionaggio, possa risiedere nell’ambasciata del suo Paese a Teheran “fino a termine del suo processo”. Il gesto – per il quale il presidente Sarokozy ha ringraziato Europa e Siria - è visto come un segno di apertura che segue quello della liberazione di Nazak Afshar, collaboratrice franco-iraniana del sevizio culturale dell’ambasciata di Francia in Iran, anch’essa accusata di spionaggio.
     
    A tali “aperture” fa da contraltare una dichiarazione di Hossein Taeb, comandante dei basji - i “volontari” della rivoluzione - che torna a denunciare i “complotti” dei nemici del Paese. In una dichiarazione riportata dalla semiufficiale Fars, Taeb accusa “i nemici” di “voler spargere il pessimismo” e “rompere l’integrazione nazionale”, servendosi dei “suoi agenti” e dei media. 
     
    Continuano insomma a giungere segnali contraddittori dall’Iran, che fanno sempre più pensare a un braccio di ferro in atto ai vertici del regime.
     
    Così, la televisione ha dato notizia di una lettera ad Ahmadinejad di 202 - su 290 - membri del Majlis (il Parlamento), nella quale, riporta Irib News, promettono il loro voto favorevole al governo che il presidente si prepara a formare. Purché sia composto da persone che abbiano “abilità, capacità, esperienza e sufficiente perizia”. “Avendo ad esempio le raccomandazioni della Guida suprema – prosegue la lettera – il Majlis crede che se esistono le indicate condizioni”, il presidente avrà la fiducia. Il riferimento alla Guida suprema è usuale, ma potrebbe anche essere un segno del confronto in atto tra l’ayatollah Khamenei e Ahmadinejad.
     
    Si è intanto saputo che sono 4mila le persone ufficialmente arrestate per le proteste seguite al voto presidenziale di giugno. Il dato, che contraddice le cifre fin qui fornite dalle autorità, è stato dato, riferisce Press Tv, dal portavoce del ministero della giustizia, Ali Reza. Lo stesso Reza ha aggiunto che, grazie agli sforzi dei giudici, “3.700 sono stati subito rilasciati”. Ha aggiunto che la magistratura segue gli sviluppi delle inchieste “per garantire l’osservanza dei diritti dei detenuti”. Evidente il riferimento alle accuse lanciate da Mehdi Karroubi, leader dell’opposizione e candidato alla presidenza, che le guardie carcerarie hanno stuprato uomini e donne – protagonisti delle proteste antigovernative – con una ferocia tale da causare “danni fisici e psicologici dalla portata devastante”.
     
    C’è infine chi ipotizza una ulteriore radicalizzazione della politica iraniana sia all’interno che verso l’estero. E’ un’esperta di Iran, Azadeh Kian, dell’Università di Parigi. Ahmadinejad, sostiene la Kian in un’intervista a Rooz, giornale di esuli iraniani, è alla presidenza, ma manca di legittimazione, interna e internazionale. “Coloro che lo sostengono fanno parte delle fazioni interne più radicali e, con sostenitori come quelli, non può neanche permettersi di entrare in colloqui seri per ridurre le tensioni e la sfiducia”. (PD)
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/11/2007 IRAN
    Sulla stampa di Teheran un raro attacco ad Ahmadinejad
    Un giornale vicino alla Guida suprema contesta il modo col quale il presidente ha trattato i suoi avversari politici, accusati di essere traditori e spie. Ma intanto si è dimesso anche il vice di Larjani, sostituito da un fedelissimo di Ahmadinejad.

    11/12/2006 IRAN
    Sarà cruciale il voto del 15 dicembre per l’Assemblea degli esperti
    L’organismo ha un peso concreto sulle scelte strategiche di Teheran. In lizza due correnti guidate da leader discussi: il “pragmatico” Rafsanjani e l’”ultrà” Yazdi. Il voto è anche un test sulla politica di Ahmadinejad.

    09/06/2006 iran
    Teheran verso il voto per l'assemblea degli "Esperti", la vera sede del potere

    Sono coloro che eleggono, consigliano e controllano la Guida Suprema, l'uomo che ha l'ultima parola su tutte le decisioni politiche, religiose e strategiche.



    15/06/2013 IRAN
    Elezioni presidenziali, il riformista Rohani verso la vittoria
    Il candidato, sostenuto dagli ex presidenti moderati Khatami e Rafsanjani, guida lo spoglio e sfonda la soglia del 50%. La Guida Suprema Khamenei: “Chiunque vinca, ha vinto la Repubblica islamica”.

    14/12/2006 IRAN
    A Teheran è giorno di elezioni, condizionate, ma temute
    Solo i musulmani al voto per l’Assemblea degli esperti, tutti per il governo delle città. Pur condizionata, la tornata elettorale può portare significativi cambiamenti.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®