30 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/08/2012, 00.00

    ISRAELE

    Tel Aviv, muore il reduce disabile auto-immolatosi contro il caro vita



    Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo. Egli è deceduto questa mattina nel Sheba Medical Center di Tel Aviv, dopo 10 giorni di agonia. È il secondo israeliano a darsi fuoco in protesta contro la manovra di austerità varata dal governo Netanyahu.

    Tel Aviv (AsiaNews/ Agenzie) - E' morto oggi il reduce disabile che si era dato fuoco lo scorso 22 luglio in protesta contro il caro vita e le ingiustizie sociali in Israele. Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo ed era ricoverato al Sheba Medical Center di Tel Aviv.

    L'uomo viveva sulla sedia a rotelle dall'età di 23 anni a causa di una ferita subita durante il servizio militare e riceveva il sussidio statale per i disabili, ma da alcuni mesi versava in gravi condizioni finanziarie.

    Mafi è il secondo israeliano ad auto-immolarsi dopo Moshe Silman, imprenditore di 57 anni, finito sul lastrico a causa di un debito contratto con l'amministrazione pubblica. Entrambi protestavano contro la recente manovra di austerità varata dal governo di Benjamin  Netanyahu, che ha dato il via a pesanti tagli alla previdenza sociale, riduzioni degli stipendi e aumento delle tasse. Le autorità hanno ridotto la spesa per il 2012 di oltre 140 milioni di euro.

    A metà luglio egli aveva partecipato alle manifestazioni dei veterani disabili contro i tagli alla previdenza sociale. Dopo la sua auto-immolazione, Udi Shani, ministro israeliano della Difesa, ha promesso la creazione di una unità speciale dedicata alle esigenze dei reduci con handicap.  

    La morte dei due uomini ha suscitato forti polemiche e critiche fra la popolazione, che considera tali atti un segno delle gravi condizioni in cui versa il Paese. Per il 4 agosto studenti e attivisti organizzano una protesta contro il caro vita e l'alto tasso di disoccupazione. L'evento avviene a un anno esatto dalle manifestazioni del 2011 che avevano richiamato in piazza decine di migliaia di persone. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/08/2011 ISRAELE
    Taxi, scuole, case: le proteste contro il carovita colpiscono Israele
    Migliaia di genitori, insegnanti e studenti marciano contro l’alto costo delle scuole. I tassisti bloccano il traffico contro l’alto prezzo del gasolio. In molte città continua la protesta delle tende contro il caro-casa. Israele, nato con sogni ugualitari e socialisti, è uno dei Paesi con un abisso fra ricchi e poveri fra i più grandi.

    14/11/2012 GIAPPONE
    Toyota richiama altre 2,77 milioni di vetture
    Tutte hanno un difetto nell'impianto idraulico. Fra i modelli anche la Prius hybrid. I casi sono stati riscontrati in patria e negli Stati Uniti. Dal 2009 sono circa 14 milioni i veicoli richiamati per problemi a impianto frenante, airbag, comando del gas. La bassa qualità frutto di politiche troppo aggressive che prediligono la quantità alla precisione e alla sicurezza delle auto.

    10/02/2010 GIAPPONE
    Tokyo: mercato dell’auto in ginocchio, Honda e Toyota ritirano milioni di vetture
    Honda ha annunciato il rientro in fabbrica di 437.763 esemplari a causa di un malfunzionamento nell’apertura degli air-bag. Dall’autunno scorso Toyota ha “richiamato” più di 8,67 milioni di modelli per difetti all’acceleratore e al freno. Premier giapponese: la sicurezza prima di tutto.

    26/01/2011 ASIA
    Rivolte per il caro prezzi: il frutto della politica della Fed
    L’Asia, l’Africa, l’America latina e l’Europa registrano aumenti enormi nei prezzi delle derrate alimentari e dei carburanti. I prezzi del grano e altri prodotti agricoli salgono anche se non vi è carenza. Tutto dipende dall’inflazione provocata dalla Fed. Si allarga l’abisso fra le elite economiche e la popolazione.

    24/04/2012 EGITTO - ISRAELE
    Giovane copto: Tagli del gas a Israele frutto della crisi economica non dell'islamismo
    L'egiziana Egas rescinde gli accordi energetici stipulati nel 2005 con Israele. Le forniture di gas sono troppo a buon mercato. Nagui Damian, racconta che ogni giorno migliaia di persone fanno la fila per riempire una bombola di metano. Fratelli musulmani in crisi a causa del populismo e dell'avidità di potere.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 10 anni dalla Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa in Cina. La debolezza di alcuni vescovi

    Fr Peter

    La Lettera esprime “l’amore del Santo Padre per la nostra Chiesa”. La “tragedia” per la Chiesa in Cina: vescovi che divengono “funzionari di Stato”, “non danno ascolto alla Lettera” e hanno paura di “dare la vita per il gregge”. Ma vi sono “vescovi e sacerdoti [che] salvaguardano la vera fede della Chiesa cattolica”. Un grazie profondo alla Chiesa universale.


    VATICANO – CINA
    Simposio AsiaNews, Savio Hon: “Va dissipato il grigio pragmatismo”



    Sorto sul principio della crescita a tutti i costi, sintetizzato da Deng Xiaoping nello slogan: “Non importa se il gatto è nero o bianco, purché catturi i topi”. Oggi non si distingue più il bianco dal nero, il vero dal falso. Così gli eroi della fede sono sfidati dai lupi travestiti da pecore


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®