24 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/08/2012, 00.00

    ISRAELE

    Tel Aviv, muore il reduce disabile auto-immolatosi contro il caro vita



    Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo. Egli è deceduto questa mattina nel Sheba Medical Center di Tel Aviv, dopo 10 giorni di agonia. È il secondo israeliano a darsi fuoco in protesta contro la manovra di austerità varata dal governo Netanyahu.

    Tel Aviv (AsiaNews/ Agenzie) - E' morto oggi il reduce disabile che si era dato fuoco lo scorso 22 luglio in protesta contro il caro vita e le ingiustizie sociali in Israele. Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo ed era ricoverato al Sheba Medical Center di Tel Aviv.

    L'uomo viveva sulla sedia a rotelle dall'età di 23 anni a causa di una ferita subita durante il servizio militare e riceveva il sussidio statale per i disabili, ma da alcuni mesi versava in gravi condizioni finanziarie.

    Mafi è il secondo israeliano ad auto-immolarsi dopo Moshe Silman, imprenditore di 57 anni, finito sul lastrico a causa di un debito contratto con l'amministrazione pubblica. Entrambi protestavano contro la recente manovra di austerità varata dal governo di Benjamin  Netanyahu, che ha dato il via a pesanti tagli alla previdenza sociale, riduzioni degli stipendi e aumento delle tasse. Le autorità hanno ridotto la spesa per il 2012 di oltre 140 milioni di euro.

    A metà luglio egli aveva partecipato alle manifestazioni dei veterani disabili contro i tagli alla previdenza sociale. Dopo la sua auto-immolazione, Udi Shani, ministro israeliano della Difesa, ha promesso la creazione di una unità speciale dedicata alle esigenze dei reduci con handicap.  

    La morte dei due uomini ha suscitato forti polemiche e critiche fra la popolazione, che considera tali atti un segno delle gravi condizioni in cui versa il Paese. Per il 4 agosto studenti e attivisti organizzano una protesta contro il caro vita e l'alto tasso di disoccupazione. L'evento avviene a un anno esatto dalle manifestazioni del 2011 che avevano richiamato in piazza decine di migliaia di persone. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/08/2011 ISRAELE
    Taxi, scuole, case: le proteste contro il carovita colpiscono Israele
    Migliaia di genitori, insegnanti e studenti marciano contro l’alto costo delle scuole. I tassisti bloccano il traffico contro l’alto prezzo del gasolio. In molte città continua la protesta delle tende contro il caro-casa. Israele, nato con sogni ugualitari e socialisti, è uno dei Paesi con un abisso fra ricchi e poveri fra i più grandi.

    14/11/2012 GIAPPONE
    Toyota richiama altre 2,77 milioni di vetture
    Tutte hanno un difetto nell'impianto idraulico. Fra i modelli anche la Prius hybrid. I casi sono stati riscontrati in patria e negli Stati Uniti. Dal 2009 sono circa 14 milioni i veicoli richiamati per problemi a impianto frenante, airbag, comando del gas. La bassa qualità frutto di politiche troppo aggressive che prediligono la quantità alla precisione e alla sicurezza delle auto.

    10/02/2010 GIAPPONE
    Tokyo: mercato dell’auto in ginocchio, Honda e Toyota ritirano milioni di vetture
    Honda ha annunciato il rientro in fabbrica di 437.763 esemplari a causa di un malfunzionamento nell’apertura degli air-bag. Dall’autunno scorso Toyota ha “richiamato” più di 8,67 milioni di modelli per difetti all’acceleratore e al freno. Premier giapponese: la sicurezza prima di tutto.

    26/01/2011 ASIA
    Rivolte per il caro prezzi: il frutto della politica della Fed
    L’Asia, l’Africa, l’America latina e l’Europa registrano aumenti enormi nei prezzi delle derrate alimentari e dei carburanti. I prezzi del grano e altri prodotti agricoli salgono anche se non vi è carenza. Tutto dipende dall’inflazione provocata dalla Fed. Si allarga l’abisso fra le elite economiche e la popolazione.

    24/04/2012 EGITTO - ISRAELE
    Giovane copto: Tagli del gas a Israele frutto della crisi economica non dell'islamismo
    L'egiziana Egas rescinde gli accordi energetici stipulati nel 2005 con Israele. Le forniture di gas sono troppo a buon mercato. Nagui Damian, racconta che ogni giorno migliaia di persone fanno la fila per riempire una bombola di metano. Fratelli musulmani in crisi a causa del populismo e dell'avidità di potere.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®