24 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/08/2012
ISRAELE
Tel Aviv, muore il reduce disabile auto-immolatosi contro il caro vita
Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo. Egli è deceduto questa mattina nel Sheba Medical Center di Tel Aviv, dopo 10 giorni di agonia. È il secondo israeliano a darsi fuoco in protesta contro la manovra di austerità varata dal governo Netanyahu.

Tel Aviv (AsiaNews/ Agenzie) - E' morto oggi il reduce disabile che si era dato fuoco lo scorso 22 luglio in protesta contro il caro vita e le ingiustizie sociali in Israele. Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo ed era ricoverato al Sheba Medical Center di Tel Aviv.

L'uomo viveva sulla sedia a rotelle dall'età di 23 anni a causa di una ferita subita durante il servizio militare e riceveva il sussidio statale per i disabili, ma da alcuni mesi versava in gravi condizioni finanziarie.

Mafi è il secondo israeliano ad auto-immolarsi dopo Moshe Silman, imprenditore di 57 anni, finito sul lastrico a causa di un debito contratto con l'amministrazione pubblica. Entrambi protestavano contro la recente manovra di austerità varata dal governo di Benjamin  Netanyahu, che ha dato il via a pesanti tagli alla previdenza sociale, riduzioni degli stipendi e aumento delle tasse. Le autorità hanno ridotto la spesa per il 2012 di oltre 140 milioni di euro.

A metà luglio egli aveva partecipato alle manifestazioni dei veterani disabili contro i tagli alla previdenza sociale. Dopo la sua auto-immolazione, Udi Shani, ministro israeliano della Difesa, ha promesso la creazione di una unità speciale dedicata alle esigenze dei reduci con handicap.  

La morte dei due uomini ha suscitato forti polemiche e critiche fra la popolazione, che considera tali atti un segno delle gravi condizioni in cui versa il Paese. Per il 4 agosto studenti e attivisti organizzano una protesta contro il caro vita e l'alto tasso di disoccupazione. L'evento avviene a un anno esatto dalle manifestazioni del 2011 che avevano richiamato in piazza decine di migliaia di persone. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/11/2012 GIAPPONE
Toyota richiama altre 2,77 milioni di vetture
10/02/2010 GIAPPONE
Tokyo: mercato dell’auto in ginocchio, Honda e Toyota ritirano milioni di vetture
04/08/2011 ISRAELE
Taxi, scuole, case: le proteste contro il carovita colpiscono Israele
di Joshua Lapide
26/01/2011 ASIA
Rivolte per il caro prezzi: il frutto della politica della Fed
di Maurizio d’Orlando
24/04/2012 EGITTO - ISRAELE
Giovane copto: Tagli del gas a Israele frutto della crisi economica non dell'islamismo

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate