4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/08/2012
ISRAELE
Tel Aviv, muore il reduce disabile auto-immolatosi contro il caro vita
Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo. Egli è deceduto questa mattina nel Sheba Medical Center di Tel Aviv, dopo 10 giorni di agonia. È il secondo israeliano a darsi fuoco in protesta contro la manovra di austerità varata dal governo Netanyahu.

Tel Aviv (AsiaNews/ Agenzie) - E' morto oggi il reduce disabile che si era dato fuoco lo scorso 22 luglio in protesta contro il caro vita e le ingiustizie sociali in Israele. Akiva Mafi, 45 anni, aveva ustioni sull'80% del corpo ed era ricoverato al Sheba Medical Center di Tel Aviv.

L'uomo viveva sulla sedia a rotelle dall'età di 23 anni a causa di una ferita subita durante il servizio militare e riceveva il sussidio statale per i disabili, ma da alcuni mesi versava in gravi condizioni finanziarie.

Mafi è il secondo israeliano ad auto-immolarsi dopo Moshe Silman, imprenditore di 57 anni, finito sul lastrico a causa di un debito contratto con l'amministrazione pubblica. Entrambi protestavano contro la recente manovra di austerità varata dal governo di Benjamin  Netanyahu, che ha dato il via a pesanti tagli alla previdenza sociale, riduzioni degli stipendi e aumento delle tasse. Le autorità hanno ridotto la spesa per il 2012 di oltre 140 milioni di euro.

A metà luglio egli aveva partecipato alle manifestazioni dei veterani disabili contro i tagli alla previdenza sociale. Dopo la sua auto-immolazione, Udi Shani, ministro israeliano della Difesa, ha promesso la creazione di una unità speciale dedicata alle esigenze dei reduci con handicap.  

La morte dei due uomini ha suscitato forti polemiche e critiche fra la popolazione, che considera tali atti un segno delle gravi condizioni in cui versa il Paese. Per il 4 agosto studenti e attivisti organizzano una protesta contro il caro vita e l'alto tasso di disoccupazione. L'evento avviene a un anno esatto dalle manifestazioni del 2011 che avevano richiamato in piazza decine di migliaia di persone. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/08/2011 ISRAELE
Taxi, scuole, case: le proteste contro il carovita colpiscono Israele
di Joshua Lapide
14/11/2012 GIAPPONE
Toyota richiama altre 2,77 milioni di vetture
10/02/2010 GIAPPONE
Tokyo: mercato dell’auto in ginocchio, Honda e Toyota ritirano milioni di vetture
26/01/2011 ASIA
Rivolte per il caro prezzi: il frutto della politica della Fed
di Maurizio d’Orlando
24/04/2012 EGITTO - ISRAELE
Giovane copto: Tagli del gas a Israele frutto della crisi economica non dell'islamismo

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate