03/01/2017, 09.00
COREA DEL SUD

Templi buddisti come patrimonio dell’Unesco, la richiesta di Seoul

Saranno necessari lunghi esami. La decisione definitiva sarà presa nel 2018. 

Seoul (AsiaNews) – Il governo sudcoreano sta lavorando alla registrazione di sette templi buddisti montani nell’elenco del patrimonio mondiale dell’Unesco. Lo ha comunicato ieri un funzionario dell’Amministrazione del patrimonio culturale (Cha).

La domanda verrà presentata entro fine mese e secondo il funzionario includerà il tempio Beopju sul monte Songni, il tempio Tongdo sul monte Yeongchuk, il tempio Buseok sul monte Bonghwang, il tempio Bongjeong sul monte Cheondeung, il tempio Magok sul monte Taehwa, il tempio Seonam sul monte Jogye e il tempio Daehung sul monte Suryun.

Il funzionario ha anche affermato che la decisione finale sullo status dei templi verrà presa nel 2018 a seguito di un riesame della durata di 18 mesi. Prima dell’invio della richiesta l’Amministrazione ha sottoposto i siti a seminari e progetti di conservazione, inserendo i templi nella lista provvisoria del patrimonio mondiale dell’Unesco nel 2013.

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Con le risaie dello Yunnan e i monti Tianshan la Cina scala l’Unesco
24/06/2013
Meraviglie della natura e dell'arte asiatica diventano patrimonio dell'umanità
10/07/2004
Corea in festa, il kimchi diventa Patrimonio dell'umanità
12/12/2013
Seoul, pubblicati i “redditi” del buddismo Jogye: Promettiamo trasparenza
07/04/2016 15:07
Seoul: nel 2005 accolti quasi 1400 rifugiati dal Nord
24/01/2006