19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/07/2017, 12.50

    CAMBOGIA

    Thailandia, l’esodo di migliaia di migranti cambogiani senza documenti



    Dal 28 giugno scorso, in 8.328 hanno fatto ritorno in Cambogia. Rischiano multe tra i 1.000 e i 2.000 euro e pene fino a cinque anni di reclusione. La mancanza di denaro è il fattore principale che incentiva i migranti a restare senza documenti. I rimpatriati decidono di rimanere nel Paese d’origine o di ritornare in Thailandia senza documentazione.

    Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) - Per paura delle sanzioni del governo thailandese, nelle ultime settimane migliaia di cambogiani senza regolari documenti hanno fatto ritorno, per volontà o costretti, al loro Paese natio.

    Con la nuova legge sul lavoro, approvata alla fine di giugno, i lavoratori stranieri senza permesso rischiano multe tra i 1.000 e i 2.000 euro e pene fino a cinque anni di reclusione. Per i loro datori di lavoro, le autorità hanno disposto ammende di 23.500 euro circa per ciascun lavoratore illegale.

    In totale, dal 28 giugno scorso 8.328 migranti hanno attraversato il confine thailandese-cambogiano. Molti dei rimpatriati sono tornati in Cambogia per propria volontà, alcuni su disposizione dei loro datori di lavoro. L'esodo è rallentato durante la settimana scorsa, tornando alla normalità dopo che il governo thailandese ha sospeso l'applicazione delle sanzioni fino alla fine dell'anno.

    In cerca di reddito per sostenere se stessi e le loro famiglie, molti dei cambogiani che attraversano il confine per lavorare in Thailandia sono minori, categoria più a rischio di sfruttamento, abuso e traffico di esseri umani. Molto spesso essi ricevono il loro stipendio ogni anno in una somma forfettaria, il che significa che sono costretti a prendere in prestito denaro dal loro datore di lavoro per comprare qualsiasi cosa. Un simile accordo espone i migranti ad una serie di problemi, quali “malattie dovute a povertà e malnutrizione, violazioni di diritti umani e debiti”. Si stima che i minori costituiscano dal 10 al 15% dei migranti di ritorno.

    La mancanza di denaro è il fattore principale che incentiva i migranti a restare senza documenti, dal momento che molti di loro non sono in grado di permettersi le tasse per il rilascio di un passaporto. La maggior parte delle migrazioni è finanziata da prestiti, che spingono i migranti a trovare lavoro in modo rapido all'arrivo e spesso provocano maggiore indebitamento quando la ricerca fallisce.

    Secondo alcune Ong, molte delle persone che hanno fatto ritorno in Cambogia, non potendo pagare le tasse per le certificazioni, decidono di rimanere nel Paese d’origine o di ritornare in Thailandia senza documentazione, a proprio rischio. Molti rimpatriati affermano che i datori di lavoro hanno prestato loro il denaro per tornare in maniera legale. Tuttavia, essi aggiungono che l'importo spesso non è sufficiente a coprire i costi e che le tasse per il passaporto sarebbero detratte dai loro stipendi mensili.

    Un recente comunicato del ministero del Lavoro ha chiarito che il costo per un passaporto normale è di circa 100 euro e di 200 euro per un passaporto rilasciato in un giorno. In realtà, spesso i migranti pagano molto di più, quasi otto volte il dovuto.

    Per ottenere un maggior numero di migranti regolari, il portavoce del ministero del Lavoro Heng Sour ha dichiarato la scorsa settimana che il ministero produrrà documenti di viaggio equivalenti ai passaporti, a partire dalla prima settimana di agosto. Il documento, che costerà circa 110 euro, sarà valido per cinque anni e verrà rilasciato negli uffici governativi in Thailandia. Quelli che sono completamente privi di documenti, ha affermato il portavoce, dovranno registrarsi presso il Dipartimento di occupazione thailandese durante una finestra di due settimane che terminerà il 7 agosto. Vi sarà poi un “processo di verifica” con i rappresentanti del governo cambogiano.

    La maggior parte dei lavoratori non sarebbe però in grado di richiedere il libretto di viaggio disponibile in Thailandia, in quanto per richiederne il rilascio è necessario avere con sé un certificato di famiglia, una carta d'identità e il certificato di nascita. Senza questi documenti, la maggior parte dei migranti non avrebbe altra scelta se non tornare volontariamente in Cambogia.

    Per risparmiare sul viaggio di ritorno, molti migranti si recano presso posti di blocco della polizia situati sul lato thailandese del confine e poi si consegnano alla polizia, che li trasporta verso il lato cambogiano. Tuttavia, gli arresti e le deportazioni per i lavoratori illegali sono tuttora diffusi, seppur diminuiti in virtù dell’esodo volontario.

    Nonostante l'apparente ritorno dei flussi alla normalità, dopo i picchi dovuti all’entrata in vigore della nuova legge, resta da vedere quanti lavoratori illegali cambogiani riceveranno i regolari documenti prima della fine dell'anno e cosa accadrà nel 2018, quando le dure sanzioni entreranno in vigore.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2017 10:31:00 MYANMAR-THAILANDIA
    In cinque mesi, oltre 155mila lavoratori birmani irregolari tornati dalla Thailandia

    L’esodo causato dalla paura per una nuova legge sul lavoro del governo di Bangkok. Multe tra i 1000 e i 2mila euro per tutti gli stranieri senza regolare permesso e pene fino a cinque anni di carcere. L'afflusso ha sovraccaricato le agenzie sociali ed il valico di frontiera tra Myanmar e Thailandia. I migranti di ritorno vittime di  estorsione da parte delle forze di sicurezza thai. In Thailandia presenti circa 4-5 milioni di lavoratori migranti e 1 milione di illegali.



    05/07/2017 14:45:00 THAILANDIA - MYANMAR
    Bangkok, entra in vigore la nuova legge sul lavoro: esodo dei lavoratori stranieri

    Alla fine di giugno circa 60mila immigrati hanno lasciato la Thailandia per paura delle sanzioni. Previste multe fino a 2.000 euro per gli stranieri senza permesso e pene fino a cinque anni di carcere. Quello birmano è il gruppo etnico più colpito. I rimpatriati vittime di estorsione da parte dei funzionari thai. Effetti negativi sull’economia della Thailandia.



    18/01/2018 11:05:00 THAILANDIA-MYANMAR
    Bangkok, Caritas Thailandia difende i diritti dei lavoratori migranti

    Il Paese è uno dei maggiori centri migratori di tutto il sud-est asiatico. I migranti economici sono 4-5 milioni, cui si aggiungono circa un milione di illegali. Dal 1 gennaio in vigore la nuova legge sui lavoratori non registrati. Da giugno è in corso un esodo di lavoratori birmani, cambogiani e laotiani.



    01/05/2017 09:44:00 PAPUA N. GUINEA – VIETNAM
    L’eroica carità di suor Trinh per i pescatori vietnamiti detenuti in Papua

    I giovani pescatori vietnamiti sfruttati per la pesca illegale. Il pericolo della tratta di esseri umani. La suora in grado di ottenere il rimpatrio di 87. Altri 18 seguiranno a breve. La gratitudine del governatore guineano e l’orgoglio della diocesi.



    25/06/2014 THAILANDIA
    Traffico di esseri umani, la Thailandia di nuovo fra i peggiori Paesi al mondo
    Il Rapporto 2014 del Dipartimento di Stato Usa declassa il Paese asiatico, che lo scorso anno invece aveva mostrato miglioramenti. Per il documento gli sforzi mostrati da Bangkok sono stati "insufficienti" data l'entità del problema e il coinvolgimento di civili corrotti e ufficiali dell'esercito "conniventi".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®