27 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/10/2006
THAILANDIA
Thailandia, cattolici e buddisti contro la legalizzazione dell'aborto
di Weena Kowitwanji

Per il card. Kitbunchu è "tragico che a chiedere l'aborto siano le madri" mentre un monaco buddista spiega che non vi è bisogno di uccidere, basta aiutare chi ne ha bisogno. La proposta avanzata da alcune Ong thai, che definiscono l'interruzione di gravidanza un problema delle donne, non di morale.



Bangkok (AsiaNews) – E' "ironicamente tragico" che "a volere la morte del figlio sia la madre, che dovrebbe invece proteggerlo al meglio delle sue capacità". E' questo il commento rilasciato ad AsiaNews dal card. Michai Kitbunchu, arcivescovo di Bangkok, dopo che alcune Organizzazioni non governative hanno chiesto libertà di aborto in Thailandia.

Il porporato spiega che "l'insegnamento cattolico si oppone con forza all'aborto, in quanto l'uomo è creatura di Dio, che l'ha fatto a sua immagine e l'ha benedetto al di sopra di ogni creatura. La vita umana è il dono più prezioso del Padre, pieno di valori e dignità".

La proposta di legalizzare l'aborto è stata avanzata durante un incontro promosso dalla facoltà di Scienze sociali dell'Università Thammasat, che ha riunito le Ong thai per discutere dell'interruzione di gravidanza, che "non è una questione morale, ma materia di diritti umani. E' un problema di donne".

Secondo Chiara Kochadej, presidente dell'Unione sindacati, i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità "mostrano 200mila donne che muoiono per aborto illegale ogni anno: di queste, 5mila sono dei Paesi del Sud-Est asiatico. La nostra società deve dare la possibilità alle donne di ricorrere all'aborto in maniera legale e sicura".

Per Nattaya Boonpakdee, coordinatrice della Fondazione "Capire la salute delle donne", in molti villaggi "avvengono aborti non controllati, che uccidono molte donne subito dopo l'intervento. E' chiaro che morale e legge non vanno di pari passo nella nostra società".

Il presidente dei vescovi thailandesi, mons. George Yod Phimphisan, dice ad AsiaNews che "la Chiesa non può sostenere l'aborto, quale che sia il motivo alla base. Abortire significa uccidere una vita, un dono prezioso di Dio all'umanità. Rendere l'aborto legale significa dare meno responsabilità alla vita stessa".

Phra Mahamanoj, monaco assistente presso il tempio buddista di Suan Kaew, aggiunge: "Noi buddisti, la maggioranza della popolazione nazionale, siamo contrari all'aborto, alla distruzione della vita. Noi diciamo che 'se non vuoi che qualcosa accada, non farla'".

"Nel tempio – aggiunge - abbiamo creato una sorta di casa di emergenza per chi non è pronto ad avere un figlio. Non vi è bisogno di ricorrere all'aborto. Chi viene da noi riceve una casa ed un lavoro fino a che non si sente pronto a tornare alla propria vita, senza ucciderne un'altra".

La Thailandia conta 62 milioni di abitanti: di questi, il 95% è buddista, il 4 % musulmano e l'1 % cristiano. I cattolici sono circa 300 mila.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/08/2006 INDONESIA
Card. Darmaatmadja: "Combattere l'influenza negativa del denaro nella società"
di Benteng Reges
31/12/2009 THAILANDIA
Per il 2010 cattolici e buddisti thai portatori di pace e amore
di Weena Kowitwanij
24/05/2005 COREA DEL SUD
Immorale e pericolosa per la salute delle donne la clonazione "su misura"
12/02/2007 THAILANDIA
Vescovo thai: evangelizzare nel dialogo con buddisti e musulmani
di Weena Kowitwanij
02/04/2010 THAILANDIA
Chieng Rai, suore del Sacro Cuore promuovono un campo per 150 giovani thai
di Weena Kowitwanij

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate