22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/06/2017, 12.36

    VIETNAM

    Thiên An, abbattuta la croce del monastero; aggrediti monaci e fedeli

    Ngoc Linh

    Un centinaio di persone mobilizzate dal governo comunista della città di Huế. Gli assalitori hanno malmenato i monaci accorsi per difendere il simbolo sacro. In due sono rimasti feriti ed un altro è rimasto privo di sensi. Fra i picchiatori riconosciuti esponenti di spicco della polizia locale. Una parrocchiana: “Forti interessi di potere ed economici dietro quest’aggressione”. Il monastero al centro di un’annosa disputa col governo.

    Hanoi (AsiaNews) – Poliziotti in borghese e picchiatori assoldati dalle autorità locali hanno ancora una volta aggredito e percosso un gruppo di monaci e fedeli del monastero cattolico di Thiên An (Huế, nel Vietnam centrale). Essi tentavano di difendere dagli aggressori la croce e la statua del Cristo eretti su un terreno che da anni l’amministrazione provinciale cerca di requisire in maniera illegale.

    Intorno alle 8 di mattina dello scorso 28 giugno, un centinaio di teppisti hanno fatto irruzione nei terreni del monastero e, mentre urlavano frasi blasfeme, hanno abbattuto la grande croce. Gli assalitori hanno poi malmenato i monaci accorsi per innalzare di nuovo il simbolo sacro e proteggere l’adiacente statua di Gesù, sotto gli occhi dei fedeli che tentavano di scattare fotografie per documentare il violento attacco. Nel frattempo, le autorità di Huế avevano dispiegato alcuni reparti della polizia per impedire ai cattolici della comunità locale l’accesso al monastero.

    “Hanno lanciato pietre contro i monaci e ne hanno malmenati tre o quattro”, racconta a Rfa P. Peter Cao Đức Lợi, sacerdote del monastero, aggiungendo che i poliziotti in borghese sono stati aiutati da “donne e teppisti” ad abbattere la croce. “Ci hanno impedito di innalzarla di nuovo e tiravano per i capelli ed i vestiti i monaci che vi erano rimasti aggrappati . Due di loro sono rimasti feriti ed un altro è rimasto privo di sensi. È stato orribile”.

    Nonostante gli aggressori indossassero vestiti civili, p. Loi è riuscito ad identificare tra loro alcuni ufficiali di spicco delle forze di polizia. Il sacerdote dichiara ad AsiaNews: “Ho visto con i miei stessi occhi alcuni personaggi chiave, come Võ Trọng Nhơn e Dương Văn Hiếu, della polizia cittadina; il sig. Minh, della polizia distrettuale; Trần Công Quý, di quella provinciale. Erano presenti molti poliziotti in borghese, li ho riconosciuti perché incontrati molte volte”.

    La Sig.ra Lee, parrocchiana della diocesi di Huế, riferisce ad AsiaNews: “Più di 100 persone sono venute al monastero per dissacrare la croce e la statua, non può essere un atto spontaneo. Questa è opera del governo della città. Vi sono forti interessi di potere ed economici dietro quest’aggressione, mirati all’occupazione di questa terra e che coinvolgono polizia, teppisti e autorità locali. Essi si spartiranno tra loro il denaro”.

    Il monastero cattolico di Thiên An non è nuovo a questi attacchi ed è spesso oggetto di persecuzione da parte dello Stato. La croce e la statua di Gesù Cristo dissacrate lo scorso 28 giugno erano già state distrutte nel 2015 e nel 2016 e prontamente ricostruite da monaci e fedeli.

    Seppur riconosciuto dalla legge del Vietnam, il luogo di culto cattolico è al centro di una dolorosa disputa con il regime comunista, che da tempo mira ad impossessarsi degli oltre 110 ettari di foresta protetta e sradicare la pratica religiosa. Nel 1998 il vice primo ministro Nguyen Cong Tan firmò l’ordine (illegale) di esproprio dei terreni adiacenti al monastero. Da anni l’amministrazione locale intende requisire l’area e l’annessa struttura, per metterla a disposizione di un’agenzia di viaggi. Il monastero è spesso oggetto degli attacchi di teppisti assoldati dalle autorità locali per impaurire i cattolici e convincerli ad abbandonare l’area. A questi si aggiungono i raid di poliziotti che, a più riprese, hanno fatto irruzione nella struttura e minacciato di occuparla.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/01/2018 15:20:00 VIETNAM
    Thien An, pressioni e ingerenze: monaci benedettini contro le autorità locali

    Il Comitato popolare provinciale chiede il trasferimento del superiore per le sue proteste contro gli espropri al monastero.  Da tempo il governo mira ad impossessarsi degli oltre 110 ettari di foresta protetta e sradicare la pratica religiosa. La struttura attaccata da teppisti per impaurire i cattolici e convincerli ad abbandonare l’area.



    13/04/2017 15:18:00 VIETNAM
    Thien An, cinque ordinazioni sacerdotali nonostante le persecuzioni del regime

    Il vescovo di Kontum in visita pastorale al monastero. L’amministrazione locale intende requisire l’area e l’annessa struttura. Il monastero spesso oggetto degli attacchi di teppisti e polizia.



    20/05/2015 VIETNAM
    Hue: sacerdoti e fedeli a difesa del monastero di Thiên An, nel mirino delle autorità comuniste
    Il luogo di culto oggetto di attacchi da parte di polizia e teppisti assoldati dall’amministrazione locale. Il governo vuole requisire la struttura e il parco, che ospita una foresta protetta, per costruire un parco di divertimenti. Studenti cattolici: "Terrorismo psicologico per costringere la Chiesa a vendere i terreni".

    30/11/2005 CINA
    Suore picchiate a Xian: il governo chiede alla diocesi di pagare la scuola che è già sua

    Una delle suore rischia di rimanere paralizzata; un'altra ha perso la vista da un occhio. Il governo offre 3 mila yuan di risarcimento. Parlamentari europei e italiani chiedono alla Cina il pieno rispetto della libertà religiosa.



    07/07/2016 11:27:00 VIETNAM
    Hue, la polizia torna all’attacco del monastero di Thien An

    Il luogo di culto cattolico è oggetto di espropri da parte della autorità comuniste. Il 26 giugno scorso la polizia ha interrotto i monaci mentre costruivano una strada. Il giorno seguente l’abate ha inviato una petizione di protesta alle autorità locali e internazionali: “Possiamo perdere la causa solo se Hanoi non rispetterà la legge”.

     





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®