26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/12/2011, 00.00

    CINA-TIBET

    Tibet: un altro monaco si dà fuoco per protestare contro l’occupazione cinese



    E’ il dodicesimo caso. L’episodio è avvenuto a Khamar, vicino al monastero di Karma. E’ il primo episodio del genere nella regione autonoma del Tibet. L’uomo è stato ricoverato in ospedale. Si è auto-immolato dopo aver gridato slogan a favore della libertà del Tibet e aver gettato manifestini.
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Un ex monaco tibetano è stato ricoverato in ospedale dopo essersi dato fuoco in quello che è il dodicesimo caso di auto-immolazione in segno di protesta contro l’occupazione e la repressione cinese in Tibet. L’episodio è avvenuto a Khamar, nella regione del Chamdo, (Ghangu in cinese) vicino al monastero di Karma. L’uomo, Tenzin Phuntsog, di 46 anni, si è dato fuoco ieri pomeriggio:  ha gridato slogan, e gettato in aria volantini prima di compiere il gesto, che sarebbe il primo evento del genere nella regione autonoma del Tibet. Tutti gli altri casi precedenti erano avvenuti nel Sichuan.(23/11/2011 Darsi fuoco per il Tibet: il grido di dolore e l’indifferenza del mondo).

    Secondo fonti dei tibetani in esilio in India, che hanno preso contatto con persone del luogo, “l’ex monaco era molto colpito e frustrato dall’imposizione di restrizioni sul monastero di Karma, e per l’imprigionamento di molti monaci. C’è stato addirittura, fra le autorità cinesi, chi ha parlato della possibilità di chiudere il monastero”. Phuntosg era molto scosso da questa minaccia, e ne aveva discusso a lungo in pubblico.

    A Khamar lo scorso 26 ottobre, fu fatto esplodere un ordigno contro un ufficio governativo senza che ci fossero vittime. Le mura del palazzo governativo furono dipinte con slogan anticinesi e inneggianti alla liberazione del Tibet e furono distribuiti volantini e bandiere tibetane. La polizia cinese arrivò in massa e mise la città sotto controllo, stringendo d'assedio il monastero di Karma, che i cinesi ritenevano fosse il luogo da dove era partito l'attacco.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/03/2012 TIBET
    Ngaba, muore monaco tibetano auto immolatosi per protesta contro il regime
    Lobsang Tsultrim, 20 anni, è deceduto questa notte a Barkham (Sichuan). Il giovane si era dato fuoco lo scorso 16 febbraio davanti al monastero di Kirti. Le autorità hanno cremato il corpo subito dopo il decesso.

    21/03/2012 TIBET - CINA
    Draggo, scomparsi 10 tibetani arrestati per il ritorno del Dalai Lama
    All'appello mancano anche alcuni leader religiosi del locale monastero. Essi erano sfuggiti agli arresti avvenuti durante le proteste del gennaio scorso. Le autorità locali aumentano la sicurezza nella regione per evitare nuove manifestazioni.

    17/03/2012 TIBET - CINA
    Monaco tibetano si autoimmola. In mille in piazza chiedono libertà
    Lobsang Tsultrim, 20 anni, si è dato fuoco ieri di fronte al monastero di Kirti, nel Sichuan, per protesta contro la presenza cinese. Nella vicina provincia di Qinghai almeno mille tibetani dimostrano in modo pacifico per la liberazione di 50 religiosi, arrestati perché invocavano il ritorno del Dalai Lama.

    25/09/2012 TIBET - CINA
    Un summit tibetano per uscire dal tunnel delle auto-immolazioni
    Il governo in esilio convoca a Dharamsala 400 delegati da tutto il mondo per preparare una nuova politica che possa bloccare l'ondata di suicidi che attraversa la regione. Il primo ministro in esilio: "Dobbiamo fare in modo che la sofferenza dei nostri compatrioti non vada sprecata".

    08/03/2016 08:27:00 TIBET – CINA
    Madre tibetana: Basta auto-immolazioni, la vita è sacra

    Nyima Yangkyi ha perso il figlio 16enne Dorjee Tsering, che ha scelto di darsi fuoco contro l’occupazione cinese in Tibet. Ai funerali, che si sono svolti a Dharamsala, la donna si è appellata ai giovani presenti: “Avete molti modi per servire il loro Paese e il Dalai Lama, nostro grande leader spirituale. Dovete studiare, dovete lavorare per la nostra patria. Ma non auto-immolatevi! Mi appello a tutti voi: rimanete vivi”.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®