4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2010
GIAPPONE
Tokyo, cresce la disoccupazione, scende il prodotto industriale
Meno forte del previsto la ripresa economica, che comunque tutti ritengono proseguire. Esperti: è conseguenza delle minori esportazioni in Europa e dello yen forte, ma c’è fiducia. Il governo promette aiuti all’economia e creazione di nuovi posti di lavoro.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – La disoccupazione cresce in Giappone per il 4° mese consecutivo e raggiunge il 5,3% a giugno, record nel 2010, mentre la produzione industriale registra il massimo calo in oltre un anno, secondo i dati rivelati ieri dall’Ufficio centrale di statistica. La ripresa economica torna a rallentare e il premier Naoto Kan spiega che la creazione di posti di lavoro e lo stimolo all’economia sono il primo obiettivo del prossimo bilancio statale, in corso di elaborazione.

A giugno il prodotto industriale è sceso dell’1,5% rispetto a maggio. L’indice dei prezzi al consumo, tolti gli alimentari freschi, ha perso l’1% rispetto al giugno 2009.

La situazione appare tuttavia complessa, considerato che parecchie ditte leader hanno invece aumentato la produzione. I settori più colpiti sono le manifatture elettroniche e gli autoveicoli, settori molto orientati all’esportazione: la Sony Corp. e la Panasonic Corp., leader mondiali per manufatti elettronici, dicono che le ditte giapponesi stanno scontando la minor domanda europea, anche per il rafforzamento dello yen. Inoltre la spesa per il consumo interno è cresciuta dello 0,5% a giugno, dopo le perdite dei 2 mesi precedenti, segno che la crisi sta colpendo meno le famiglie e che c’è fiducia in una prossima ripresa. Analisti osservano che sono aumentati sia il numero dei disoccupati, ma le persone che cercano un lavoro. Secondo stime private, la crescita economica nel 2° trimestre 2010 dovrebbe essere stata dell’1,9%, dopo il robusto +5% del 1° trimestre.

L’attenzione ora si sposta sul governo, al quale tutti chiedono ulteriori misure di stimolo per l’economia.

Il governo appare volere adottare una politica di piccoli passi operando le scelte in stretta corrispondenza con l’evoluzione economica. Ieri il ministro delle Finanze Satoshi Arai ha spiegato che l’economia “sta recuperando in modo graduale” e che la deflazione migliora “poco per volta”.

Tra le proposte del Partito democratico progressista c’è una nuova emissione di obbligazioni pubbliche a lungo termine per rastrellare contante e operare nuovi finanziamenti pubblici. Anche se Kan ha pure precisato che continuerà “a lavorare in modo risoluto per la riduzione del debito pubblico”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/05/2009 GIAPPONE
La produzione industriale giapponese cresce ad aprile del 5,2%, un record da 56 anni
28/12/2012 GIAPPONE
L’economia scende ancora, Tokyo aspetta le soluzioni di Abe
15/12/2011 GIAPPONE – UE
Crisi in Europa, il Giappone perde fiducia nei mercati
09/06/2015 GIAPPONE
Giappone, l’economia cresce ma non convince gli analisti
22/12/2008 GIAPPONE
Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate