31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2010
GIAPPONE
Tokyo, cresce la disoccupazione, scende il prodotto industriale
Meno forte del previsto la ripresa economica, che comunque tutti ritengono proseguire. Esperti: è conseguenza delle minori esportazioni in Europa e dello yen forte, ma c’è fiducia. Il governo promette aiuti all’economia e creazione di nuovi posti di lavoro.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – La disoccupazione cresce in Giappone per il 4° mese consecutivo e raggiunge il 5,3% a giugno, record nel 2010, mentre la produzione industriale registra il massimo calo in oltre un anno, secondo i dati rivelati ieri dall’Ufficio centrale di statistica. La ripresa economica torna a rallentare e il premier Naoto Kan spiega che la creazione di posti di lavoro e lo stimolo all’economia sono il primo obiettivo del prossimo bilancio statale, in corso di elaborazione.

A giugno il prodotto industriale è sceso dell’1,5% rispetto a maggio. L’indice dei prezzi al consumo, tolti gli alimentari freschi, ha perso l’1% rispetto al giugno 2009.

La situazione appare tuttavia complessa, considerato che parecchie ditte leader hanno invece aumentato la produzione. I settori più colpiti sono le manifatture elettroniche e gli autoveicoli, settori molto orientati all’esportazione: la Sony Corp. e la Panasonic Corp., leader mondiali per manufatti elettronici, dicono che le ditte giapponesi stanno scontando la minor domanda europea, anche per il rafforzamento dello yen. Inoltre la spesa per il consumo interno è cresciuta dello 0,5% a giugno, dopo le perdite dei 2 mesi precedenti, segno che la crisi sta colpendo meno le famiglie e che c’è fiducia in una prossima ripresa. Analisti osservano che sono aumentati sia il numero dei disoccupati, ma le persone che cercano un lavoro. Secondo stime private, la crescita economica nel 2° trimestre 2010 dovrebbe essere stata dell’1,9%, dopo il robusto +5% del 1° trimestre.

L’attenzione ora si sposta sul governo, al quale tutti chiedono ulteriori misure di stimolo per l’economia.

Il governo appare volere adottare una politica di piccoli passi operando le scelte in stretta corrispondenza con l’evoluzione economica. Ieri il ministro delle Finanze Satoshi Arai ha spiegato che l’economia “sta recuperando in modo graduale” e che la deflazione migliora “poco per volta”.

Tra le proposte del Partito democratico progressista c’è una nuova emissione di obbligazioni pubbliche a lungo termine per rastrellare contante e operare nuovi finanziamenti pubblici. Anche se Kan ha pure precisato che continuerà “a lavorare in modo risoluto per la riduzione del debito pubblico”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/05/2009 GIAPPONE
La produzione industriale giapponese cresce ad aprile del 5,2%, un record da 56 anni
28/12/2012 GIAPPONE
L’economia scende ancora, Tokyo aspetta le soluzioni di Abe
15/12/2011 GIAPPONE – UE
Crisi in Europa, il Giappone perde fiducia nei mercati
09/06/2015 GIAPPONE
Giappone, l’economia cresce ma non convince gli analisti
22/12/2008 GIAPPONE
Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate