20 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/01/2011, 00.00

    GIAPPONE

    Tokyo, rimpasto di governo per sostenere economia e spesa pubblica



    Il vero cambiamento sta nel nuovo ministro dell’economia, Kaoru Yosano, ex ministro della destra. Grazie a lui si pensa di aumentare le tasse al consumo per coprire il budget fiscale del 2011. Dal 2000, le spese sociali e sanitarie in Giappone sono cresciute del 60%, a causa dell’invecchiamento della popolazione. Una spinta anche per la Ttp, una zona di libero commercio fra nove Paesi del Pacifico.
    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il premier Naoto Kan ha annunciato oggi un rimpasto del suo governo di centrosinistra, per rilanciare la crescita economica e ridurre il debito pubblico.
     
    Il nuovo portavoce del governo, Yukio Edano ha spiegato i cambiamenti. I ministeri fondamentali – esteri, difesa e finanze - sono rimasti invariati. Altri ministri hanno cambiato il portafoglio. La vera novità sta nell’entrata di Kaoru Yosano, già ministro delle finanze nell’ultimo governo conservatore. Egli dovrebbe coprire il ministero dell’economia. Yosano, 72 anni, è accanito sostenitore di una crescita delle tasse al consumo. Kan ha in progetto di elevare del 5% le tasse al consumo per giungere a un budget di 1100 miliardi di dollari Usa nel prossimo anno fiscale.
     
    La scelta impopolare si rende necessaria perché il debito pubblico è giunto a circa il 200% del Pil e rischia di appesantirsi ancora di più dato il crescente invecchiamento della popolazione giapponese e le spese crescenti nel campo della sanità e assistenza, che dal 2000 hanno subito un incremento del 60%.
     
    Nel rimpasto perdono i posti l’ex portavoce Yoshito Sengoku; l’ex ministro dei trasporti Sumio Mabuchi; l’ex ministro della giustizia Minoru Yanagida; l’ex presidente della sicurezza Tomiko Okazaki.
     
    L’opposizione aveva minacciato di boicottare il dibattito sul bilancio se Sengoku e Mabuchi fossero rimasti al governo. I partiti di destra li criticano per aver gestito male la crisi con la Cina, dopo un incidente navale alle isole Senkaku, rivendicate insieme da Pechino e Tokyo.
     
    Il governo di Naoto Kan dura da sette mesi e questo è il secondo rimpasto dal giugno scorso.
     
    Yosano ha sostituito Banri Kaieda, che diviene ministro del commercio. Kaieda, economista, è un sostenitore delle zone di libero commercio. Tokyo sta pensando di entrare in una zona di libero commercio, la Ttp (Trans-Pacific Partnership), voluta dagli Stati Uniti e discussa da altre otto nazioni. Secondo le compagnie commerciali, il Giappone dovrebbe entrare nella Ttp, ma gli agricoltori temono che l’importazione di prodotti a prezzi meno cari potrebbe rovinarli.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/01/2012 GIAPPONE
    Tokyo accresce la pressione fiscale, ma (forse) senza risultati
    Le tasse sulle vendite da raddoppiare al 10%. La Banca centrale rivede le stime di crescita al ribasso (2%). L’economia è in crisi per una riduzione delle esportazioni in Europa e Usa. Il valore dello yen cresciuto del 17% in due anni. LO sforzo di decontaminare Fukushima.

    24/03/2014 GIAPPONE
    Tokyo vuole ridurre le spese sanitarie: "Tenete gli anziani in casa, basta ricoveri a vita"
    Il Paese invecchia a ritmi che sembrano inarrestabili, la natalità continua a calare e il costo del settore ospedaliero vola a 350 miliardi di euro l'anno. Il governo cerca di abbassare le cifre e annuncia una riduzione dei rimborsi per gli impianti di tubi alimentari, che oggi riguardano circa 260mila anziani.

    25/02/2017 09:01:00 GIAPPONE
    Tokyo, le sterilizzazioni forzate del passato e l’inverno demografico attuale

    Con l’Eugenic Protection Act operati circa 25 mila sterilizzazioni e 60 mila aborti forzati. Le normative sull’eugenetica rimosse nel 1996. Richieste scuse ufficiali e indennizzi per le vittime. La profonda crisi demografica del Giappone. Le nuove politiche per la promozione della vita.

     



    07/07/2017 11:49:00 GIAPPONE
    Continua il crollo demografico del Giappone. È il declino più veloce dal 1968

    La popolazione cala per l’ottavo anno consecutivo. Il numero delle nascite è sceso del 2,9%, il più basso mai registrato. Aumentano gli stranieri a discapito della riluttanza giapponese e dell’orgoglio per la “omogeneità culturale ed etnica” del Paese.



    05/05/2017 09:04:00 GIAPPONE
    Tokyo, mai così pochi bambini. Solo 15,71 milioni sotto i 15 anni

    Più di 890 comunità rurali rischiano l’eclissi entro il 2040. I maschi sono 8,05 milioni, le femmine 7,67 milioni. I bambini rappresentano il 12,4% della popolazione totale. La prefettura di Tokyo in controtendenza col resto del Paese. Mons. Tarcisio Isao Kikuchi: “Questo andamento può colpire l’esistenza stessa delle parrocchie”.  





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®