28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2011, 00.00

    GIAPPONE

    Tokyo, rimpasto di governo per sostenere economia e spesa pubblica



    Il vero cambiamento sta nel nuovo ministro dell’economia, Kaoru Yosano, ex ministro della destra. Grazie a lui si pensa di aumentare le tasse al consumo per coprire il budget fiscale del 2011. Dal 2000, le spese sociali e sanitarie in Giappone sono cresciute del 60%, a causa dell’invecchiamento della popolazione. Una spinta anche per la Ttp, una zona di libero commercio fra nove Paesi del Pacifico.
    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il premier Naoto Kan ha annunciato oggi un rimpasto del suo governo di centrosinistra, per rilanciare la crescita economica e ridurre il debito pubblico.
     
    Il nuovo portavoce del governo, Yukio Edano ha spiegato i cambiamenti. I ministeri fondamentali – esteri, difesa e finanze - sono rimasti invariati. Altri ministri hanno cambiato il portafoglio. La vera novità sta nell’entrata di Kaoru Yosano, già ministro delle finanze nell’ultimo governo conservatore. Egli dovrebbe coprire il ministero dell’economia. Yosano, 72 anni, è accanito sostenitore di una crescita delle tasse al consumo. Kan ha in progetto di elevare del 5% le tasse al consumo per giungere a un budget di 1100 miliardi di dollari Usa nel prossimo anno fiscale.
     
    La scelta impopolare si rende necessaria perché il debito pubblico è giunto a circa il 200% del Pil e rischia di appesantirsi ancora di più dato il crescente invecchiamento della popolazione giapponese e le spese crescenti nel campo della sanità e assistenza, che dal 2000 hanno subito un incremento del 60%.
     
    Nel rimpasto perdono i posti l’ex portavoce Yoshito Sengoku; l’ex ministro dei trasporti Sumio Mabuchi; l’ex ministro della giustizia Minoru Yanagida; l’ex presidente della sicurezza Tomiko Okazaki.
     
    L’opposizione aveva minacciato di boicottare il dibattito sul bilancio se Sengoku e Mabuchi fossero rimasti al governo. I partiti di destra li criticano per aver gestito male la crisi con la Cina, dopo un incidente navale alle isole Senkaku, rivendicate insieme da Pechino e Tokyo.
     
    Il governo di Naoto Kan dura da sette mesi e questo è il secondo rimpasto dal giugno scorso.
     
    Yosano ha sostituito Banri Kaieda, che diviene ministro del commercio. Kaieda, economista, è un sostenitore delle zone di libero commercio. Tokyo sta pensando di entrare in una zona di libero commercio, la Ttp (Trans-Pacific Partnership), voluta dagli Stati Uniti e discussa da altre otto nazioni. Secondo le compagnie commerciali, il Giappone dovrebbe entrare nella Ttp, ma gli agricoltori temono che l’importazione di prodotti a prezzi meno cari potrebbe rovinarli.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/01/2012 GIAPPONE
    Tokyo accresce la pressione fiscale, ma (forse) senza risultati
    Le tasse sulle vendite da raddoppiare al 10%. La Banca centrale rivede le stime di crescita al ribasso (2%). L’economia è in crisi per una riduzione delle esportazioni in Europa e Usa. Il valore dello yen cresciuto del 17% in due anni. LO sforzo di decontaminare Fukushima.

    22/12/2004 GIAPPONE
    Più ferie ai lavoratori per fare più figli

    Nuovo piano del governo giapponese prevede vacanze apposite per fermare il calo demografico e occuparsi della famiglia.



    24/03/2014 GIAPPONE
    Tokyo vuole ridurre le spese sanitarie: "Tenete gli anziani in casa, basta ricoveri a vita"
    Il Paese invecchia a ritmi che sembrano inarrestabili, la natalità continua a calare e il costo del settore ospedaliero vola a 350 miliardi di euro l'anno. Il governo cerca di abbassare le cifre e annuncia una riduzione dei rimborsi per gli impianti di tubi alimentari, che oggi riguardano circa 260mila anziani.

    09/04/2009 GIAPPONE
    Tokyo approverà aiuti per altri 112,8 miliardi di euro
    Si prevedono aiuti per le imprese e i disoccupati e vari stimoli per aumentare il consumo. Ma esperti avvertono che simili misure sono solo palliativi momentanei e rischiano di far crescere il carico fiscale futuro.

    10/12/2012 GIAPPONE
    Tokyo scivola nella recessione
    Vi è una contrazione del Pil in due trimestri consecutive: dello 0,1 (aprile-giugno) e del 3,5 (luglio-settembre). L'opposizione chiede una politica di prestiti facili e un nuovo stimolo. In forse l'innalzamento delle tasse. I profitti di Nissan e Honda scendono del 20%.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®