27 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/02/2007, 00.00

    CINA - GIAPPONE

    Tokyo e Pechino tentano di ricominciare a parlarsi



    Il ministro cinese degli Esteri in visita a Tokyo. E’ la prima visita ufficiale dopo le polemiche tra i due Stati dell’anno scorso. Si discute di nucleare nord coreano e del Mar Cinese orientale e si organizza una visita di Wen Jiabao per aprile.

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il ministro cinese degli Esteri Li Zhaoxing è arrivato oggi a Tokyo per una visita di tre giorni. E’ la visita cinese di più alto livello dopo le tensioni tra i due Stati nel 2006.

    Oggi Li  si incontra con Yohei Kono, portavoce della Camera bassa del Parlamento, e con i dirigenti di New Komeito, partito che partecipa alla coalizione di governo. Domani sono previsti colloqui con il premier giapponese Shinzo Abe e con il ministro degli Esteri Taro Aso. In programma l’organizzazione della visita del premier cinese Wen Jiabao per aprile e questioni “di reciproco interesse” come il nucleare nord coreano.

    Durante i colloqui a sei, due giorni fa la Corea del Nord si è impegnata a rinunciare al suo programma nucleare, in cambio di una notevole fornitura di petrolio. Tokyo ha però assunto una posizione dura contro Pyongyang, rifiutando di sottoscrivere qualsiasi accordo in quanto la Corea ha rapito e detiene da anni cittadini giapponesi.

    Altra questione irrisolta riguarda lo sfruttamento delle risorse naturali, soprattutto energetiche, del Mar Cinese orientale, che entrambi gli Stati rivendicano. All’inizio di febbraio una nave cinese è penetrata nelle acque che Tokyo considera proprie, suscitando una protesta formale. Pechino, a sua volta, ammonisce Tokyo di non intraprendere attività di ricerca nell'area.

    Il Giappone ha avuto accesi contrasti con Cina e Corea del Sud dal 2001 al 2006, soprattutto a causa delle ripetute visite che l’allora premier Junichiro Koizumi ha fatto al tempio Yasukuni, dove sono ricordati i caduti in guerra giapponesi, compresi akcuni criminali di guerra responsabili di atrocità durante la guerra tra il Giappone e gli altri due Stati. Cina e Corea hanno protestato che così il Giappone celebra il suo passato militarista e invasore, mentre Koizumi ha sempre risposto che le visite avevano un “carattere privato”. Abe, assunto l’incarico lo scorso settembre, non risulta avere poi visitato questo tempio. Il premier si è già recato a Pechino e a Seoul e ha riallacciato i rapporti con i due vicini.

    Nonostante le frequenti tensioni, la Cina è il primo partner commerciale del Giappone. Pechino negli ultimi mesi sta svolgendo un’intensa attività diplomatica, specie nello scacchiere asiatico.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/01/2007 CINA - GIAPPONE
    Wen invita in Cina il premier giapponese Abe
    A Cebu incontro tra i due leader e il presidente sud coreano. Hanno discusso i reciproci rapporti e il nucleare nord coreano. Nei giorni precedenti Abe, durante un viaggio in Europa, ha invitato gli Stati europei a mantenere l’embargo per la vendita delle armi alla Cina, per non compromettere la sicurezza dell’Asia orientale.

    28/04/2009 GIAPPONE - CINA
    Domani il premier giapponese vola in Cina, per parlare di economia e di influenza suina
    Previsti anche colloqui sul nucleare della Corea del Nord, ma soprattutto la ricerca di misure congiunte contro la crisi economica. Pechino ha deciso di “passar sopra” alla visita di Taro Aso nei giorni scorsi al tempio Yasukuni, dove sono commemorati anche criminali di guerra.

    19/03/2007 NORDCOREA – USA
    Washington scongela i fondi nordcoreani fermi a Macao
    Con questa decisione si apre la strada allo smantellamento dei reattori nucleari della Corea del Nord. Cauto ottimismo da Tokyo e Pechino.

    01/03/2011 CINA - IRAN
    La Cina fa grandi affari in Iran grazie alle sanzioni degli altri Stati
    Molti Stati colpiscono l’Iran con sanzioni per la sua politica estera e il programma nucleare. Ne approfitta la Cina che ha decuplicato gli scambi commerciali con Tehran, compra soprattutto energia. Pechino ha stretti rapporti commerciali con molti regimi dittatoriali.

    14/02/2007 CINA – COREA – USA
    Dopo l’accordo sul nucleare, Washington “apre” a Pyongyang
    Il governo americano ha accettato di avviare colloqui diretti con la Corea del Nord, tesi a stabilire piene relazioni diplomatiche ed a cancellare Pyongyang dalla lista degli Stati terroristi. Soddisfazione di Seoul e Pechino, i dubbi di Tokyo.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®