04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/09/2014, 00.00

    GIAPPONE

    Tokyo "riapre" la centrale nucleare di Kagoshima: la prima dopo il disastro di Fukushima



    L'Autorità per la regolamentazione nucleare ha stabilito che i due reattori gestiti dalla Kyushu Electric Power Co. sono idonei a riprendere la produzione di energia. Superiore regionale del Pime: "I giapponesi sono fatalisti, ma i fatti dimostrano che se lo volessero davvero potrebbero fare a meno delle centrali atomiche".

    Tokyo (AsiaNews) - Il governo giapponese ha concesso a una centrale nucleare della Prefettura di Kagoshima il permesso di riprendere la produzione di energia elettrica. L'Autorità per la regolamentazione nucleare ha infatti stabilito che i due reattori gestiti dalla Kyushu Electric Power Co. nell'area rispondono ai requisiti di sicurezza imposti dopo il disastro atomico di Fukushima. Al momento, tutte le 48 centrali ad energia nucleare del Paese sono ferme. In ogni caso, la produzione non riprenderà prima di dicembre 2014.

    Secondo i media nazionali, si tratta di una vittoria del governo guidato dal premier conservatore Shinzo Abe. Questi ha sempre insistito sulla necessità del nucleare per tenere in piedi la forte produzione industriale nipponica e mantenere bassi i costi relativi all'energia. Dopo il collasso delle centrali avvenuto nel marzo 2011, ha presentato le proprie condoglianze alle vittime e ha imposto lo stop alle operazioni: tuttavia il suo governo ha rilanciato subito dopo la riapertura delle industrie nucleari.

    La Chiesa cattolica giapponese è invece da sempre contraria a questa forma di energia. Un primo documento, di circa 10 anni fa, chiedeva al governo di ripensare le politiche atomiche nazionali; subito dopo il disastro di Fukushima, inoltre, i presuli hanno chiesto all'esecutivo di fermare "da ora e per sempre" le centrali presenti sul territorio.

    Il Superiore regionale del Pontificio Istituto Missioni Estere nel Sol Levante, p. Mario Bianchin, spiega ad AsiaNews: "La coscienza della Chiesa in Giappone è stata sempre contraria al nucleare, e i vescovi si sono espressi in tal senso in diverse occasioni. Per quanto riguarda invece la popolazione penso che in generale vi sia una sorta di 'allergia di fondo' all'uso dell'energia atomica, ma non una vera e propria opposizione organizzata".

    "I giapponesi - spiega ancora il missionario del Pime - sono fatalisti, hanno questo concetto che se una cosa si deve fare va fatta. Qui nel Paese c'è un'espressione molto comune che tradotta recita più o meno 'Non c'è via di uscita', ed è questa che applicano alla questione". Tuttavia, conclude p. Bianchin, il disastro energetico paventato dal governo Abe a causa della chiusura delle centrali "non si è verificato. Ci sono nuove tasse, ma quelle riguardano il commercio e non l'energia. Credo che se volessero davvero, i giapponesi potrebbero fare a meno del nucleare". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/06/2013 GIAPPONE – COREA DEL SUD
    L’economia giapponese riparte, ma il Paese ha bisogno del nucleare
    Per l’Asahi Shimbun, la popolazione è confusa sulla riapertura delle centrali atomiche fondamentali per la produzione industriale nazionale: da una parte si teme ancora “l’effetto Fukushima”, dall’altra cresce il fronte di chi appoggia il premier Abe e la sua politica energetica. In Corea la chiusura delle strutture crea tensioni sociali: la Chiesa invita tutti alla calma e al dialogo.

    13/11/2015 GIAPPONE
    Tokyo, Abe promette “un impegno serio” per affrontare l'inverno demografico
    Il Sol Levante ha un tasso di natalità pari a 1,42 figli per coppia: con questi ritmi, fra 50 anni la popolazione perderà 50 milioni di persone. Il sistema pensionistico oramai “schiaccia” l’ambito economico, e la pressione sociale spinge le famiglie a essere sempre meno numerose. Missionario Pime: “Problema complesso, la cultura nipponica è ormai di fatto individualista”.

    13/05/2014 CINA
    Incubo nucleare in Cina, il governo prepara un'esercitazione post-apocalisse
    Nel 2015 andrà in scena nella ricca provincia meridionale del Guangdong una finta catastrofe atomica: si fingerà un incidente durante il rimpiazzo delle barre d'uranio. Con 19 impianti in funzione e 29 in costruzione, il Paese vanta il numero più alto di centrali nucleari al mondo. La più vecchia ha iniziato a produrre energia nel 1994.

    21/08/2013 GIAPPONE
    Fukushima, acqua radioattiva. Il governo verso l’emergenza nucleare
    Dopo le ammissioni della Tepco l’esecutivo giapponese alza a “livello 3”, ovvero “incidente grave”, la situazione delle coste orientali del Paese. Nei giorni scorsi oltre 300 tonnellate di acqua radioattiva sono fuoriuscite da un serbatoio della centrale nucleare colpita dal terremoto dell’11 marzo 2011.

    23/05/2016 12:24:00 GIAPPONE – USA
    Vescovo di Niigata: Obama ascolti le voci dei sopravvissuti di Hiroshima

    Il presidente degli Stati Uniti e il mondo “devono comprendere che quando parliamo dell’olocausto atomico non parliamo di numeri, ma di vite umane. Di storie e di lacrime. È lodevole il suo impegno per il disarmo, ma questa volontà si concretizzerà soltanto rispettando la vita umana e la sua dignità garantita dal Creatore”.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®