30 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/07/2007, 00.00

    UZBEKISTAN

    Torture fisiche e mentali per far abiurare i cristiani detenuti



    Continuano le violenze e le minacce contro i protestanti, puniti anche se si riuniscono in casa per pregare. Il pastore Shestakov, condannato a 4 anni di detenzione, è detenuto lontano da casa in pessime condizioni igieniche, con guardie che usano la minaccia per farlo abiurare.

    Tashkent (AsiaNews/F18) – Il pastore pentecostale Dmitry Shestakov in pochi mesi di detenzione ha perso tra 15 e 20 chilogrammi. Ora è al Campo n. 29 a Navoiy (Uzbekistan centrale)  e riceve continue pressioni perché abiuri la sua fede. Ex detenuti raccontano all’agenzia Forum 18 come si vive al Campo n. 29: le condizioni sanitarie sono pessime, i prigionieri lavorano calce viva e sapone senza adeguate misure di sicurezza, molti si ammalano e sono mal curati. Nell’acqua potabile ci sono sabbia e sale. Le guardie percuotono i detenuti con bastoni e li invitano a rinunciare in modo pubblico ai “crimini” per cui sono stati condannati e a “religioni non consentite”. La disciplina è “mantenuta” dagli stessi carcerati e ci sono veri gruppi criminali che tiranneggiano gli altri detenuti. I condannati per “estremismo religioso” sono custoditi a parte in condizioni di lavoro e di vita peggiori. Chi ha denaro può ottenere migliori condizioni di lavoro e persino una riduzione di pena: Forum 18 riporta che la riduzione di un anno di pena costa circa 750 euro.

    Shestakov è stato condannato il 9 marzo a 4 anni di detenzione in un campo di lavoro all’aperto per avere guidata la Chiesa Full Gospel e per “estremismo religioso”. Il 25 maggio un’altra sentenza ha aggravato la condanna dicendo che deve scontarla in un campo di lavoro “a regime ordinario”, con condizioni più dure. Navoiy dista oltre 560 chilometri da Andijan dove Shestakov abita e in pratica non può più vedere la moglie e i tre figli.

    Intanto prosegue la persecuzione contro le religioni diverse da islam e cristiani ortodossi. A maggio nel distretto di  Mirzo-Ulugbek a Tashkent la polizia segreta ha fatto irruzione in una casa dove erano riuniti 13 pentecostali. Otto di loro sono stati condannati a sanzioni pecuniarie e a qualche giorno di carcere perché l’incontro non era autorizzato. La polizia ha informato le autorità di quartiere, suscitando un clima di ostilità.

    Il 13 maggio a Yangiyul, vicono Tashkent, la polizia ha interrotto la funzione domenicale della Full Gospel, smalgrado sia un gruppo registrato. Ha minacciato e filmato i presenti e il pastore.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2006 UZBEKISTAN
    Sempre più grave la persecuzione religiosa in Uzbekistan

    Principale obiettivo è il controllo completo della maggioranza islamica. Si vogliono eliminare le altre religioni. Un anno fa ad Andijan l'esercito massacrò la folla inerme.



    19/09/2007 UZBEKISTAN
    Persecuzione religiosa: per il governo sono "notizie false"
    Continuano gli arresti e le multe per i cristiani solo perché possiedono il Vangelo o si riuniscono per pregare o per una festa di compleanno. Nel Karakalpakstan rifiutato il riconoscimento a tutti i gruppi religiosi. Ma il governo dice che i credenti possono liberamente “incontrarsi nelle case private”.

    28/04/2010 UZBEKISTAN
    Anni di carcere o di lavori forzati per chi si riunisce e prega
    Polizia e autorità colpiscono islamici e cristiani che svolgono attività religiosa non autorizzata. Intanto proseguono le condanne sistematiche per gli incontri non autorizzati a piccoli periodi di carcere. L’Onu chiede di cessare queste condanne.

    21/06/2010 UZBEKISTAN
    Le autorità uzbeke costringono cristiani e Testimoni di Geova all’illegalità
    Lo denunciano membri di Chiese e gruppi religiosi cui la necessaria autorizzazione statale è negata con pretesti o col silenzio. Senza autorizzazione, è punito persino riunirsi per pregare. La lunga inutile battaglia della Central Protestan Church.

    15/01/2010 UZBEKISTAN
    Tashkent, pesanti multe e carcere per i cristiani
    Anche nel periodo di Natale la polizia ha perseguitato gli incontri religiosi. Le multe spesso ammontano all’equivalente di anni di stipendio e per i recidivi c’è la prigione.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 10 anni dalla Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa in Cina. La debolezza di alcuni vescovi

    Fr Peter

    La Lettera esprime “l’amore del Santo Padre per la nostra Chiesa”. La “tragedia” per la Chiesa in Cina: vescovi che divengono “funzionari di Stato”, “non danno ascolto alla Lettera” e hanno paura di “dare la vita per il gregge”. Ma vi sono “vescovi e sacerdoti [che] salvaguardano la vera fede della Chiesa cattolica”. Un grazie profondo alla Chiesa universale.


    VATICANO – CINA
    Simposio AsiaNews, Savio Hon: “Va dissipato il grigio pragmatismo”



    Sorto sul principio della crescita a tutti i costi, sintetizzato da Deng Xiaoping nello slogan: “Non importa se il gatto è nero o bianco, purché catturi i topi”. Oggi non si distingue più il bianco dal nero, il vero dal falso. Così gli eroi della fede sono sfidati dai lupi travestiti da pecore


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®