20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/07/2010, 00.00

    MALAYSIA

    Tre giovani musulmani processati per l’incendio e le bombe a una chiesa di Kuala Lumpur



    La Metro Tabernacle Church ha subito un’esplosione e poi l’incendio. Anche altre chiese, fra cui quella cattolica dell’Assunzione sono state colpite. Gli incidenti risalgono a gennaio, dopo la decisione dell’Alta corte di permettere l’uso della parola “Allah” anche per definire il Dio cristiano.
    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – Da due giorni è iniziato il processo contro tre giovani musulmani accusati di aver appiccato il fuoco e aver messo bombe alla Metro Tabernacle Church della capitale lo scorso gennaio.
     
    Nella notte fra il 7 e l’8 gennaio, un’esplosione ha danneggiato gli uffici amministrativi della Metro Tabernacle Church. Subito dopo, altri tre luoghi di culto cristiani, fra i quali la chiesa cattolica dell’Assunzione a Petaling Jaya, hanno subito attacchi (V. Malaysia: attaccate quattro chiese cristiane, nella diatriba sull'uso di "Allah")  
     
    Sono seguiti altri incidenti contro diversi luoghi di culto: altre 7 chiese, un tempio sikh, due moschee e tre luoghi di preghiera islamica. Gli incidenti sembrano causati dalla decisione dell’Alta corte del Paese di permettere al giornale cattolico l’uso della parola “Allah” per definire il Dio cristiano.
     
    Due degli imputati, Raja Muhd Faizal e Raja Muhd Idzham, sono fratelli; il terzo, Azuwan Sahah Ahmad, è un loro amico. Essi sono stati arrestati dopo che uno di loro si è presentato a un pronto soccorso per farsi curare di alcune gravi ustioni. Il loro avvocato ne difende l’innocenza.
     
    Se giudicati colpevoli, i tre rischiano una pena fino a 20 anni di prigione.
     
    Il pubblico ministero ha preparato 25 testimoni, fra cui alcuni poliziotti, un vigile del fuoco e testimoni oculari, che hanno visto un gruppo di giovani in motocicletta arrivare alla Metro Tabernacle Church pochi minuti prima dell’esplosione e dell’incendio. Due giorni fa sono stati ascoltati 6 testimoni; ieri altri tre, fra cui il dottore che ha curato uno degli incndiari.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/08/2010 MALAYSIA
    Incendio a una chiesa: condannati 2 giovani islamici
    A gennaio la Chiesa Metro Tabernacle è stata assaltata con oggetti incendiari e pietre. Ora i due giovani sono stati condannati a 5 anni. Il tribunale ha voluto anche dare un monito contro gli attacchi interreligiosi esplosi in quel periodo.

    25/02/2009 MALAYSIA
    Governo malaysiano sconfitto dalla storia: da secoli i cristiani usano la parola “Allah”
    Il 27 febbraio la diocesi di Kuala Lumpur va in corte contro il governo che proibisce l’uso del termine per motivi di sicurezza. Ma la Costituzione e la storia sono dalla parte dei cristiani. Il Ministro degli interni dà il permesso di usare la parola “Allah” purché sulle copertine sia stampata anche la dicitura “per soli cristiani”.

    06/02/2009 MALAYSIA
    Campagna stampa islamica contro il giornale cattolico, che non può difendersi
    I media islamici cercano di provocare accusando il giornale di usare la parola “Allah” e provocare ogni male sulla nazione. L’arcivescovo di Kuala Lumpur sceglie il silenzio - forse per non provocare tensioni inutili – e attende la decisione dell'Alta Corte. La Chiesa ha infatti citato il governo in tribunale perché il divieto viola la libertà religiosa garantita dalla Costituzione.

    07/03/2009 MALAYSIA
    Cristiani lanciano una campagna di firme per l’uso della parola “Allah”
    Si attende il sostegno anche dei musulmani, oltre che da ebrei e cristiani nel mondo. Si può firmare pure via internet. La diocesi di Kuala Lumpur continua la sua battaglia legale contro il governo per usare la parola “Allah” nelle pubblicazioni cattoliche.

    27/01/2015 MALAYSIA - ISLAM
    Arcivescovo di Kuala Lumpur: la parola “Allah” può essere usata nella Bibbia e a messa
    In una lettera pastorale il prelato torna sulla controversia legale fra il giornale Herald Malaysia e il governo. Il bando dei giudici, avverte, è limitato al settimanale cattolico, la parola può essere usata nelle funzioni e nelle altre pubblicazioni. Mons. Leow invita i fedeli a coltivare “fede e speranza” e a lottare per la giustizia e la verità.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®