25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/07/2017, 10.37

    HONG KONG – CINA

    Tribunale esclude quattro deputati di opposizione: hanno letto male il giuramento



    Con la loro condanna l’opposizione perde la possibilità di bloccare le decisioni del parlamento. L’intervento della magistratura sollecitato dal capo dell’esecutivo su “ispirazione” di Pechino.

    Hong Kong (AsiaNews) – “Ispirato” da Pechino, il Parlamento di Hong Kong sta utilizzando irregolarità formali in occasione del giuramento di fedeltà per eliminare deputati di opposizione. Ieri, infatti, l’Alta corte ha sancito la decadenza di quattro deputati a causa del modo col quale avevano giurato.

    I quattro, in carica dall’ottobre 2016, fanno parte del partito Demosisto, la nuova opposizione pro-democrazia, più dura di quella precedente. Una minoranza in grado però, fino all’espulsione dei quattro, di bloccare le decisioni del Legislative Council (Legco), il parlamento di Hong Kong.

    Il capo dell’esecutivo di allora, Leung Chung-ying, ha modificato il precedente atteggiamento di tolleranza e dato il via al ricorso a una tattica di “eliminazione giudiziaria” sollecitando l’intervento della magistratura. A novembre, Pechino interveniva dando una lettura delle regole da osservare durante il giuramento, da pronunciare in maniera “sincera e solenne” e senza variazioni. Un intervento che rafforzava la linea del capo dell’esecutivo e che Joshua Wong, giovane esponente di Demosisto, il nuovo partito di opposizione, figlio di Occupy Central, ha definito “l’attacco più grave portato contro la democrazia”.

    Dei quattro decaduti, uno, Nathan Law, 23 anni, è stato condannato per aver usato “un tono insinuante dei dubbi, quindi una mancanza di rispetto, verso la Cina, in quanto legittimo Paese sovrano di Hong Kong”. Quanto alla parlamentare Lau Siu-lai, ha letto il suo giuramento facendo passare troppo tempo tra una parola e l’altra e rendendolo quindi “incomprensibile”. Edward Yiu, invece, per aver aggiunto delle parole.

    A fine agosto sulla vicenda interverrà la Corte d’appello, massima istanza giuridica del territorio. Essa dovrebbe far intervenire un giudice internazionale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/10/2014 CINA - HONG KONG
    Pechino ai deputati di Hong Kong: Parlate pure di Occupy, ma attenti a quello che dite
    La Conferenza consultiva politica del Popolo cinese ha espulso James Tien Pei-chun, delegato e leader del Partito liberale del Territorio, "colpevole" di aver chiesto le dimissioni del Capo dell'Esecutivo. Il presidente Yu Zhengsheng, numero 4 della leadership cinese, avverte: "Le critiche pubbliche non saranno perdonate".

    27/10/2016 11:28:00 HONG KONG-CINA
    Il parlamento di Hong Kong bloccato sul giuramento di due giovani parlamentari localisti

    Il 12 ottobre scorso Sixtus Baggio Leung Chung-hang e Yau Wai-ching hanno giurato sulla “nazione di Hong Kong” esponendo uno striscione con la scritta “Hong Kong non è la Cina”. Il governo vuole espellerli, ma le regole dicono che essi possono essere espulsi solo con il voto dei due terzi dei parlamentari. Ma i democratici hanno quasi la metà dei voti. Un segnale per Pechino.



    01/06/2015 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, i democratici compatti: Voteremo contro la riforma di Pechino
    Dopo un lungo incontro con i rappresentanti della Cina popolare, il gruppo dei deputati democratici del Territorio annuncia il veto alla proposta di riforma politica che di fatto non concede il suffragio universale. Il voto è atteso per giugno.

    02/12/2005 hong kong - Cina
    Marcia per la democrazia: invitata tutta la popolazione di Hong Kong

    I deputati democratici definiscono la manifestazione pro-suffragio universale "un evento unico". Fra i partecipanti un ex delegato della Conferenza consultiva politica popolare cinese.



    18/07/2016 12:18:00 HONG KONG – CINA
    Hong Kong: aumentano i candidati alle elezioni che non vogliono giurare fedeltà alla Cina

    Il presidente di Demosisto, Nathan Law, ha dichiarato non solo di non voler firmare la dichiarazione, ma anche di voler proporre un’azione giudiziaria a favore di chi venisse escluso dalle elezioni per non aver voluto firmare.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®