23/08/2017, 12.10
USA - AFGHANISTAN

Trump annuncia l’invio di nuove truppe a Kabul. Il voltafaccia ‘militarista’

La missione non avrà lo scopo di costruire democrazie, ma uccidere terroristi. Il plauso del governo afghano e della Nato. I talebani promettono che continueranno il jihad finché ci sarà “un singolo soldato americano” e che trasformeranno l’Afghanistan in un “cimitero”. Fonte di AsiaNews : I talebani non si fermeranno. Analista: Trump è diventato un manichino per l’esercito.

Washington (AsiaNews) – Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, dichiara di voler inviare nuove forze armate in Afghanistan. Una missione che non avrà lo scopo di “costruire democrazie” ma “uccidere terroristi”. Il governo afghano e la Nato applaudono la decisione, i talebani promettono di trasformare il Paese in un “cimitero americano”. Questo è un significativo dietro-front rispetto alla sua campagna elettorale “prima l’America”.

Trump ha annunciato la nuova strategia rivolgendosi l'altro ieri ai soldati nella base militare di Fort Myer ad Arlington (Virginia). Per il presidente Usa un ritiro affrettato delle truppe Usa dall’Afghanistan lascerebbe un vuoto di facile riempimento per i terroristi. Per cui, nonostante il primo istinto fosse “tirarsi fuori”, ha deciso di restare e “combattere per vincere”. Trump ha poi continuato minacciando il Pakistan che gli Usa non sono più disposti a tollerare la sua offerta di “rifugio sicuro” agli “agenti del caos”. L'accusa è stata subito respinta dal portavoce dell’esercito pakistano. Infine, il presidente non ha escluso una “risoluzione politica che includa elementi dei talebani”, dopo uno “sforzo militare efficace”.

Nel discorso di Trump sono mancati dei dati concreti sul numero dei militari statunitensi che saranno inviati in Afghanistan. Voci non confermate affermano che sarebbe già stato approvato l’invio di 4mila truppe.

Il presidente afghano Ashraf Ghani ha accolto il piano affermando che le relazioni Usa-Afghanistan sono “più forti che mai nello sconfiggere la minaccia del terrorismo che ci riguarda tutti”. Il capo della Nato, Jens Stoltenberg, ha applaudito la strategia e dichiarato che gli alleati (circa 12mila truppe) non permetteranno che l’Afghanistan diventi un “rifugio per i terroristi che attaccherebbero i nostri Paesi”.

Diversa la risposta dei talebani. Il loro portavoce Zabihulla Mujahid ha messo in guardia che “se l’America non ritira le sue truppe dall’Afghanistan, presto l’Afghanistan diventerà un altro cimitero del 21mo secolo per questa superpotenza”. “Fin quando ci sarà un singolo soldato americano sul nostro territorio – ha aggiunto – e proseguiranno a farci la guerra, noi, con decisione continueremo il nostro jihad”.

Una fonte di AsiaNews conferma che “finché rimane un soldato straniero, i talebani continueranno la loro offensiva”. Sebbene sia vero che l’esercito afghano non sia in grado di sconfiggere i talebani, la fonte commenta che il piano dell’America non è chiaro: “[Trump] dice che non andranno via finché non avranno distrutto i nemici, ma è facile dirlo. I terroristi conoscono il territorio. Alcuni generali conoscono bene l’Afghanistan, sanno benissimo che molte aree non sono mai state raggiunte da truppe della Nato. Non è una prospettiva di pace”.

Per Finian Cunningham, analista, la decisione di Trump di continuare la guerra più “lunga dell’America” avrebbe radici in un crescente militarismo in seno all’amministrazione Usa. Lo stesso Trump aveva criticato Obama e il suo impegno militarista, promettendo in campagna elettorale di convogliare le risorse economiche verso le “dimenticate” comunità nazionali. Ma per Cunningham ora Trump è un “manichino che siede alla Casa Bianca prendendo ordini dai suoi generali”.

Proprio in questa ottica l’analista sottolinea la tempistica della rimozione di Stephen Bannon dalla squadra di Trump: la scorsa settimana Bannon aveva contraddetto la politica militarista verso la Corea del nord e in passato aveva messo in guardia Trump dall’abbracciare il militarismo verso l’estero, in particolare riguardo l’Afghanistan. Per l’analista “non è una coincidenza che Trump abbia deciso di liberarsi di Bannon mentre era circondato da generali e capi dei servizi segreti a Camp David, lo scorso weekend”.

Nel 2010 gli Stati Uniti avevano un personale militare di 100mila persone in Afghanistan. Ora la cifra ammonta a 8.400 truppe. Intanto, in Afghanistan le violenze continuano: dall’inizio dell’anno si sono registrate solo fra la polizia e le truppe afghane più 2.500 morti.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pakistan, bambini kamikaze pronti a colpire in tutto il Paese
06/08/2008
Ancora kamikaze a Kabul, gli Usa chiedono “maggiore sforzo bellico”
05/12/2007
Afghanistan: l’Onu evacua 600 impiegati. Motivi di sicurezza
05/11/2009
La strage di Kandahar e l’urgenza di una soluzione “politica” per l’Afghanistan
18/02/2008
Kabul assume il controllo di Bagram, mentre la Clinton “salva” i talebani
10/09/2012