20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/01/2017, 13.05

    STATI UNITI - A. SAUDITA - IRAN

    Trump e re Salman favorevoli a un applicazione “rigorosa” dell’accordo nucleare iraniano



    Il presidente Usa e il monarca saudita hanno discusso ieri della questione in una conversazione telefonica. L’obiettivo è “fronteggiare” le attività “destabilizzanti” di Teheran nella regione. In campagna elettorale Trump aveva minacciato di stralciare l’accordo. I due leader hanno parlato anche di terrorismo islamico e zone sicure in Yemen e Siria. 

     

    Washington (AsiaNews/Agenzie) - Il presidente Usa Donald Trump e il re saudita Salman sono favorevoli a una “applicazione rigorosa” dei termini previsti nell’accordo internazionale sul nucleare iraniano (Jcpoa). È quanto riferisce un portavoce della Casa Bianca, al termine di un colloquio telefonico avvenuto ieri fra i leader di Stati Uniti e Arabia Saudita due alleati storici ma i cui rapporti si erano “raffreddati” nell’ultimo periodo della presidenza Obama. 

    Entrambi hanno ricordato il bisogno di rispondere alle “attività destabilizzanti” promosse da Teheran nella regione mediorientale; al contempo, essi auspicano un rinnovato impegno nella lotta al “terrorismo di matrice islamica” e chiedono la creazione di “zone sicure” in Yemen e Siria. 

    Dopo anni di embargo, nel 2015 l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche occidentali, in cambio di un accordo sul controverso programma atomico. Un’intesa accolta in maniera positiva dalla maggioranza della comunità internazionale.

    Tuttavia, in campagna elettorale il neo presidente Trump aveva più volte criticato l'accordo, definendolo fra i peggiori mai conclusi. Una posizione apprezzata e condivisa da Israele e da gran parte Congresso americano (a maggioranza repubblicano). 

    Secondo quanto riferisce la nota della Casa Bianca, Trump e re Salman avrebbero “concordato sull’importanza di una rigorosa applicazione” del Jcpoa con l’Iran e di “fronteggiare” le attività “destabilizzanti” di Teheran nella regione. Il comunicato dello staff presidenziale non aggiunge però ulteriori dettagli e non spiega in che modo Washington e Riyadh intendono vigilare sull’applicazione dell’accordo stesso e cosa comporta. 

    Anche la stampa saudita ha confermato questa mattina la conversazione telefonica fra Trump e re Salman; pur senza menzionare direttamente l’Iran, i giornali del regno hanno sottolineato “la stessa visione” che hanno i due leader sulle principali problematiche regionali, inclusa la necessità di rispondere a quanti “minano la sicurezza e  la stabilità o interferiscono negli affari interni”

     Un richiamo, questo, rivolto a Teheran spesso “accusata” da Riyadh di “interferenza” nelle questioni interne. 

    Le parole della Casa Bianca hanno trovato ampio risalto anche in Israele, dove si ricorda la posizione di aperta opposizione manifestata da Trump nei mesi scorsi rispetto all’accordo nucleare. Dall’elezione del novembre scorso, sottolineano diversi analisti, i portavoce e consiglieri di Trump hanno sottolineato che il presidente non avrebbe stralciato “in modo unilaterale” l’accordo, a meno che non vi sia una palese violazione dei termini da parte della Repubblica islamica. 

    Assieme all’Arabia Saudita, Israele è una delle voci più critiche della regione mediorientale in merito alla firma del Jcpoa. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha ricordato il mese scorso che vi sono molti modi diversi per “annullare” l’accordo e che ne avrebbe discusso con Trump. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/01/2017 09:21:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran, il Parlamento approva l’aumento delle spese militari: fino al 5% del bilancio statale

    Il piano quinquennale prevede il potenziamento di missili balistici, droni armati e cyber-guerra. I parlamentari hanno approvato con 173 voti favorevoli e 10 contrari. Intellettuali, artisti e attivisti di origine iraniana in Usa scrivono al neo presidente Trump: salvaguardare l’accordo sul nucleare per evitare nuovi conflitti nella regione.

     



    26/03/2007 RUSSIA - CINA
    Hu a Mosca per rinsaldare i rapporti politici ed economici
    Il viaggio di tre giorni avviene per l’inizio dell’Anno della Cina in Russia. Per Pechino sono importanti petrolio e gas della Russia, che guarda con interesse ad Oriente, ma anche commercio e collaborazione militare. Entrambi gli Stati vogliono diminuire il ruolo degli Usa.

    05/03/2009 CINA - SUDAN
    La Cina chiede all’Onu di sospendere il mandato di arresto contro Omar al-Bashir
    Pechino esprime il timore che questo “possa peggiorare la situazione in Darfur”. Ma in anni non risulta essersi attivata per impedire il genocidio in atto, preferendo fare ottimi affari economici con Khartoum.

    14/01/2016 ASIA
    Il petrolio scende sotto i 30 dollari al barile, tremano le oligarchie del mondo
    Il brent crude rimbalza dopo poche transazioni a 30,22 dollari, ma il prezzo continua a scendere da 15 mesi di fila. Pesano il calo della domanda energetica in Cina e le tensioni geopolitiche internazionali, ma il punto centrale rimane la sovrabbondanza di petrolio a fronte di una richiesta in calo continuo. Mosca annuncia una revisione del budget per il 2016; Washington si affida alle trivellazioni offshore. L’Arabia Saudita rischia più di tutti e interviene per calmierare il settore idrico e i carburanti. Unico superstite, l’Iran.

    28/12/2016 12:57:00 IRAN
    Teheran, boom nell’export di prodotti non petroliferi: +10%, per un valore di 31,6 miliardi

    La bilancia commerciale registra un saldo positivo di 55 milioni. Le importazioni si sono assestate sui 31,5 miliardi, con un incremento del 4,3%. Fra i beni più esportati il gas naturale, il Gpl e l’olio lubrificante leggero. Fra i partner commerciali prevalgono Cina, Emirati e Turchia. Cresce la partnership economica e commerciale con la Germania. 

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®