21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/04/2008, 00.00

    IRAQ

    Tutte le denominazioni cristiane ai funerali del sacerdote ucciso



    Ieri nella chiesa dei SS. Pietro e Paolo a Baghdad si sono svolte le esequie di Youssef Adel, ucciso sabato da sconosciuti. Presenti alla funzione anche il nunzio e il card. Delly. Il piano per cacciare i cristiani dall’Iraq, potrebbe rientrare nel più generale programma di supremazia sciita in Medio Oriente.
    Baghdad (AsiaNews) – Il clima è di “forte paura” nella comunità cristiana irachena a Baghdad, dove ieri si sono svolti i funerali del sacerdote siro-ortodosso, Youssef Adel, ucciso a sangue freddo lo scorso 5 aprile nella capitale. Le esequie, nella chiesa dei SS. Pietro e Paolo nel quartiere di Karrada, sono state celebrate dall'arcivescovo siro-ortodosso di Baghdad e Bassora, Saverius Jamil Hawa. Erano presenti diversi fedeli e rappresentanti religiosi di tutte le denominazioni cristiane, tra cui mons. Athanase Matti Shaba Matoka, vescovo siro-cattolico della capitale, il patriarca dei caldei, card. Emmanuel III Delly, il nunzio  in Iraq e Giordania, mons. Francis Assisi Chullikat.
     
    Youssef Adel, sposato ma senza figli, aveva circa 40 anni ed era direttore d'una scuola superiore mista, frequentata cioè da cristiani e musulmani, ragazzi e ragazze. È stato assassinato da un gruppo di sconosciuti. In passato aveva già ricevuto diverse minacce. Condanna per l’attentato è stato espresso dal vice presidente iracheno, il sunnita Tareq al-Hashemi e dal patriarca siro-ortodosso di Damasco. Benedetto XVI, appena arrivata la notizia, ha espresso il suo profondo dolore. In un telegramma inviato a Saverius Jamil Hawa il Papa "invoca il Signore affinché il popolo iracheno trovi la via della pace per costruire una società giusta e tollerante".
     
    Quest’ultimo omicidio colpisce una comunità ancora scioccata dall’uccisione dell’arcivescovo caldeo di Mosul, mons. Rahho, trovato morto il 13 marzo dopo 14 giorni di sequestro. Per sopravvivere alla persecuzione molti cristiani fuggono e ormai si parla di appena 400-500mila fedeli rimasti in patria. Nel 2003 la cifra era intorno al milione. Ma ai funerali del sacerdote ieri c’era anche chi – citato dalle agenzie internazionali – si diceva convinto a rimanere: “è una questione di fede”.
    I leader cristiani hanno spesso denunciato un piano per cancellare la loro millenaria presenza dal Paese dei due fiumi. E alcuni avanzano l’ipotesi che sia in atto un programma ben preciso degli sciiti per il Medio Oriente. Lo dimostrano gli scontri a Bassora di questi giorni e quanto sta accadendo in Libano e in Palestina. Nell’ottica di questo piano di supremazia sciita, i cristiani – identificati con l’occidente – vanno allontanati.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/01/2008 IRAQ
    Autobomba contro chiese a Kirkuk
    Ancora da accertare danni a cose e persone.

    07/02/2007 IRAQ
    Ordinati tre diaconi caldei, "veri segni di speranza” per i cristiani in Iraq
    Il vescovo di Kirkuk, presente alla cerimonia ad Ankawa, commenta: “Un segno positivo, ma la Chiesa irachena vive un preoccupante vuoto a livello pastorale”. Anche nel nord continuano rapimenti e minacce ai cristiani.

    29/03/2008 IRAQ
    Cortei nei villaggi cristiani: giustizia per la morte di mons. Rahho
    Rispondendo ad un appello del Consiglio dei vescovi di Niniveh la comunità cristiana al nord scende in piazza: da quasi una settimana ogni giorno sfilano centinaia di persone con in mano le foto dei “martiri” di cinque anni di guerra. Ancora mistero sui responsabili del sequestro e dell’uccisione dell’arcivescovo caldeo di Mosul.

    12/01/2007 IRAQ
    Uccisi, rapiti, minacciati: vita dei cristiani a Mosul
    Crescono ogni giorno le violenze ai danni della comunità; donne assassinate per strada, uomini rapiti nelle loro case, parroci che continuano a ricevere intimidazioni telefoniche.

    17/01/2008 IRAQ
    Un altro attentato contro una chiesa a Mosul
    L’autobomba ha colpito la chiesa caldea della Vergine Immacolata, nella parte vecchia della città. Due i feriti. È il quinto attentato a Mosul contro obiettivi cristiani in soli 11 giorni. Colpita anche la comunità sciita: kamikaze contro fedeli in processione per l’Ashura fa 10 morti.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®