26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/10/2016, 11.39

    AFGHANISTAN

    UE: rifugiati afghani via dall’Europa. Sacerdote: un controsenso



    Insieme a Pakistan e Iran l’Ue sta discutendo un piano per rimpatriare circa 3 milioni di afghani verso un Paese di fatto ancora in guerra.

    Bruxelles (AsiaNews) - Centinaia di migliaia di rifugiati afghani in Europa, Pakistan e Iran saranno costretti a tornare nel loro Paese che a tutti gli effetti è ancora una zona di guerra. Il governo di Kabul poi non ha risorse per aiutare questi rifugiati. Inoltre le autorità afghane sono ancora impegnate contro i talebani per difendere le città e finanziare l’esercito. Personalità legate all’Afghanistan hanno detto ad AsiaNews che il risultato della decisione sarà una nuova grande crisi umanitaria per una popolazione già martoriata dalla guerra. Anche il Pakistan e l’Iran hanno deciso di rimpatriare i rifugiati afghani. Il primo prevede di rimandare nel proprio Paese circa due milioni e 600mila persone; il secondo ha sul suo territorio un milione di rifugiati afghani che vuole espellere.

    La decisione dell’Unione europea si basa sul fatto che il Paese non può più essere considerato un Paese in guerra. Secondo l’Ue, a differenza della Siria, l’Afghanistan è un Paese sicuro e pronto per accogliere i propri cittadini. Alla Conferenza di Bruxelles del 5 ottobre scorso 70 donatori internazionali, inclusa l’Ue, hanno previsto 15,2 miliardi di dollari da dare al governo afghano per un piani di sviluppo fino al 2020. Altri 5 miliardi verranno dati in modo separato per finanziare l’esercito. In cambio il Paese dovrà accogliere oltre 200mila rifugiati afghani arrivati in Europa solo nel 2015.

    Tale presa di posizione preoccupa esperti e esponenti della società civile. Secondo Jamil Danish, giornalista e rifugiato afghano nel Regno Unito, “questa decisione sarà la causa di una grande crisi umanitaria. Se io tornassi in Afghanistan, rischierei di essere ucciso dai miliziani che mi costringerebbero a tornare indietro”. “Il sistema di asilo europeo infatti dovrà infrangere le sue stesse regole per rimandare delle persone verso una zona di guerra. Ciò rappresenta un cattivo esempio per altri Paesi – non da ultimo il Pakistan. Inoltre influenzerà in modo negativo anche altri rifugiati regolari, in Europa da tempo, come me. Riguardo poi il Pakistan migliaia di afghani sono di seconda o terza generazione. Sono nati e cresciuti lì. Sono andati a scuola e hanno intrapreso attività di vario genere. Per loro l’Afghanistan è un Paese straniero”.

    Un’importante voce è quella di padre Giovanni Moretti, sacerdote barnabita e per molti anni unico esponente della Chiesa cattolica in Afghanistan. Egli afferma che il Paese ha ancora troppi problemi che rendono difficile l’accoglienza dei rifugiati. “Ogni anno circa 100mila afghani muoiono prima di compiere 5 anni e il 41% è malnutrito; è raddoppiato il numero di bambini soldato rispetto al 2014; il tasso medio di alfabetizzazione è del 38% e solo il 21% delle bambine completa la scuola primaria. Va ricordato che i talebani avrebbero conquistato la città di Konduz pochi giorni fa. E’ evidente che la condizione dell’Afghanistan non è quella di un Paese in pace”. Sull’Ue aggiunge: “Sebbene la situazione non sia paragonabile a quella siriana, se gli afghani fuggono dall’Afghanistan, vuol dire che i combattimenti continuano. La presa di posizione dell’Ue di aiutare il governo e rimpatriare gli afghani è un controsenso. Infine, questi fondi che l’Ue darà al governo per cosa verranno esattamente impiegati? La stessa domanda che ci ponevamo quando dal 2002 al 2015 arrivavano fondi internazionali a dismisura”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/05/2011 AFGHANISTAN
    La "chiesa catacombale" di Kabul partecipa alla beatificazione di Giovanni Paolo II
    Nel suo pontificato, il beato Woytila ha sempre avuto a cuore la pace del popolo afghano, come quando nel Natale 2002 lanciò il grido: Salvate i bambini di Kabul. Egli ha elevato la chiesa locale a missio sui iuris. Il ricordo di padre Moretti, parroco di Kabul.

    24/03/2016 11:31:00 PAKISTAN - EUROPA
    Paul Bhatti: Diplomazia e intelligence contro il terrore. O l’Europa sarà il nuovo Pakistan

    Il leader cattolico pakistano sorpreso e scioccato dagli attacchi a Bruxelles. Egli descrive la capitale belga come una “città militarizzata”. Ma l’apparato di sicurezza “non ha saputo sventare la minaccia”. Lo Stato islamico ha generato “terrore in tutto il mondo”. All’Europa servono politici e diplomatici preparati ad affrontare la minaccia. Necessario risolvere la questione immigrazione. 



    18/08/2009 AFGHANISTAN
    Afghanistan: razzo sul palazzo presidenziale di Kabul
    I talebani colpiscono a due giorni dalle elezioni. Centrato anche il quartier generale della polizia. Nessun morto e solo danni alle strutture. In Pakistan intanto i militari di Islamabad affermano di aver catturato nella notte il portavoce della Tehrik Taliban Pakistan, braccio destro di Baitullah Mehsud.

    07/07/2006 afghanistan
    Gente di Kabul, fra le violenze di al Qaeda e un grazie ai militari stranieri

    Dopo i kamikaze a Kabul, l' unico sacerdote cattolico nel Paese parla della pericolosa alleanza qaedista-talebana, del malcontento della gente, del disordinato lavoro delle Ong. Ma anche dell'apprezzamento popolare verso i militari stranieri e la loro "opera di pace". Molto considerate anche le organizzazioni cattoliche.



    31/03/2007 UNIONE EUROPEA - IRAN
    Sui marinai catturati, la Ue si schiera al fianco di Londra
    In una nota firmata da tutti e 27 i ministri degli Esteri dell’Unione europea si chiede a Teheran il rilascio immediato dei 15 marinai britannici catturati nelle acque del Golfo. In caso contrario, sono pronte misure adeguate.



    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®