29 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/05/2005
UE-GIAPPONE
Ue: Koizumi chiede di mantenere il bando sulla vendita delle armi alla Cina

Lussemburgo (AsiaNews/Agenzie) - Il premier giapponese Junichiro Koizumi ha chiesto all'Unione europea di non revocare l'embargo sulla vendita di armi alla Cina.

"Ho espresso solo le nostre preoccupazioni" ha detto ieri il premier nipponico in una conferenza stampa nel corso del vertice Ue-Giappone a Lussemburgo. L'Unione ha risposto che sul tema dell'embargo "si comprendono bene le preoccupazioni del Giappone" e che - vista la situazione -  l'Ue "vorrebbe affrontare la questione in modo che non si crei un problema".

Il premier lussemburghese Jean-Claude Juncker, presidente di turno dell'Unione, ha rassicurato Koizumi: qualora i 25 membri europei decideranno di togliere il divieto di vendita di armi alla Cina -  imposto dopo la repressione del movimento democratico nel 1989 - non hanno intenzione di aumentare l'esportazione in modo da mettere in pericolo la sicurezza dell'Asia.

Koizumi ha parlato inoltre delle recenti manifestazioni anti-giapponesi in Cina, ed ha espresso "preoccupazione" per una possibile nuova ondata di proteste il prossimo 4 maggio - anniversario delle proteste studentesche in Cina contro gli interessi e le ingerenze giapponesi del 4 maggio 1919.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/07/2005 CINA – UNIONE EUROPEA
Cina, Barroso: "servono reali miglioramenti nel campo dei diritti umani"
14/07/2005 CINA – UNIONE EUROPEA
Barroso a Pechino per lanciare un "partnerariato strategico"
03/12/2004 CINA – UNIONE EUROPEA
Il bando sulle armi al centro dei colloqui fra Cina e UE
08/12/2004 UNIONE EUROPEA – CINA
L'Europa non cancella l'embargo sulle armi per Pechino
21/12/2004 CINA
Nel 2005 Pechino spenderà 20 miliardi di euro in armi

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate