20 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/05/2005
UE-GIAPPONE
Ue: Koizumi chiede di mantenere il bando sulla vendita delle armi alla Cina

Lussemburgo (AsiaNews/Agenzie) - Il premier giapponese Junichiro Koizumi ha chiesto all'Unione europea di non revocare l'embargo sulla vendita di armi alla Cina.

"Ho espresso solo le nostre preoccupazioni" ha detto ieri il premier nipponico in una conferenza stampa nel corso del vertice Ue-Giappone a Lussemburgo. L'Unione ha risposto che sul tema dell'embargo "si comprendono bene le preoccupazioni del Giappone" e che - vista la situazione -  l'Ue "vorrebbe affrontare la questione in modo che non si crei un problema".

Il premier lussemburghese Jean-Claude Juncker, presidente di turno dell'Unione, ha rassicurato Koizumi: qualora i 25 membri europei decideranno di togliere il divieto di vendita di armi alla Cina -  imposto dopo la repressione del movimento democratico nel 1989 - non hanno intenzione di aumentare l'esportazione in modo da mettere in pericolo la sicurezza dell'Asia.

Koizumi ha parlato inoltre delle recenti manifestazioni anti-giapponesi in Cina, ed ha espresso "preoccupazione" per una possibile nuova ondata di proteste il prossimo 4 maggio - anniversario delle proteste studentesche in Cina contro gli interessi e le ingerenze giapponesi del 4 maggio 1919.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/07/2005 CINA – UNIONE EUROPEA
Cina, Barroso: "servono reali miglioramenti nel campo dei diritti umani"
14/07/2005 CINA – UNIONE EUROPEA
Barroso a Pechino per lanciare un "partnerariato strategico"
03/12/2004 CINA – UNIONE EUROPEA
Il bando sulle armi al centro dei colloqui fra Cina e UE
08/12/2004 UNIONE EUROPEA – CINA
L'Europa non cancella l'embargo sulle armi per Pechino
21/12/2004 CINA
Nel 2005 Pechino spenderà 20 miliardi di euro in armi

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate