16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/03/2014, 00.00

    VATICANO

    Un accordo contro la schiavitù moderna firmato da grandi religioni



    Tra i firmatari papa Francesco e Al Azhar. Un invito alle altre fedi e ai governi a unirsi e sostenere il Global Freedom Network. "La schiavitù moderna e la tratta di esseri umani sono un crimine contro l'umanità. Lo sfruttamento fisico, economico e sessuale di uomini, donne e bambini condanna 30 milioni di persone alla deumanizzazione e al degrado".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Sradicare la schiavitù moderna e la tratta di esseri umani in tutto il mondo entro il 2020 è l'obiettivo di un accordo annunciato oggi contemporaneamente in Vaticano, al Cairo, Londra e Perth. L'accordo, firmato per ora per conto di papa Francesco, del grande Imam di Al Azhar, dell'arcivescovo di Canterbury e eal fondatore della Walk Free Foundation,  inaugura il Global Freedom Network (GFN).

    In una dichiarazione comune i firmatari del Global Freedom Network evidenziano la violenta capacità distruttiva della schiavitù moderna e della tratta di esseri umani e invitano le altre Chiese cristiane e confessioni religiose del mondo a intervenire.

    Nel documento, presentato in Vaticano, si afferma che "la schiavitù moderna e la tratta di esseri umani sono un crimine contro l'umanità. Lo sfruttamento fisico, economico e sessuale di uomini, donne e bambini condanna 30 milioni di persone alla deumanizzazione e al degrado. Ogni giorno in cui continuiamo a tollerare questa situazione violiamo la nostra umanità comune e offendiamo le coscienze di tutti i popoli".

    "Ogni forma di indifferenza nei confronti delle vittime di sfruttamento deve cessare. Invitiamo tutti i fedeli e i loro leader, tutti i governi e le persone di buona volontà a aderire al movimento contro la schiavitù moderna e la tratta di esseri umani e a sostenere il Global Freedom Network".

    Il Global Freedom Network, si legge ancora nella dichiarazione "si avvarrà degli strumenti della fede: la preghiera, il digiuno e la carità. Ci sarà una giornata di preghiera per le vittime e per la loro libertà. Tutti i fedeli e le persone di buona volontà saranno invitati a meditare e ad agire. Delle reti di preghiera specifiche saranno costituite in tutte le parti del mondo.

    Nel quadro dell'accordo, tutte le parti si impegnano a percorrere tutte le strade possibili per stimolare l'azione globale e sradicare la schiavitù moderna e la tratta di esseri umani. Nel primo anno saranno messi a punto dei piani per invitare:

    - tutte le confessioni religiose a vigilare affinché le loro catene di approvvigionamento e investimenti escludano forme di schiavitù moderne e a adottare misure correttive, se necessario;

    - tutte le confessioni religiose a mobilitare le rispettive sezioni giovanili per sostenere progetti destinati a sradicare la schiavitù moderna;

    - famiglie, scuole, università, congregazioni e istituzioni a far conoscere la natura della schiavitù moderna e la tratta di esseri umani, a insegnare come denunciarla e a segnalare la capacità distruttiva di atteggiamenti sociali, pregiudizi e sistemi sociali nocivi connessi alla schiavitù moderna e alla tratta di esseri umani;

    - i leader politici a vigilare affinché le loro catene di approvvigionamento escludano forme di schiavitù moderne;

    - 50 grandi multinazionali i cui CEO sono persone di fede e di buona volontà a garantire che le loro catene di approvvigionamento escludano forme di schiavitù moderne;

    - 162 governi ad avallare pubblicamente l'istituzione del Global Fund per porre fine alla schiavitù con 30 capi di stato che lo sostengano pubblicamente entro la fine del 2014;

    - il G20 a condannare la schiavitù moderna e la tratta di esseri umani e a adottare un'iniziativa contro la schiavitù e la tratta di esseri umani, nonché a sostenere il summenzionato Global Fund".

    La dichiarazione comune conclude affermando che "Il nostro mondo deve essere liberato da questi mali terribili e crimini contro l'umanità. Ogni mano e ogni cuore devono unirsi per garantire questa libertà a tutti coloro che sono imprigionati e soffrono. Questo accordo segna un inizio e una promessa - le vittime della schiavitù moderna e della tratta di esseri umani non saranno dimenticate o ignorate: tutti conosceranno la loro storia. Cammineremo con loro verso la libertà".

    Nella definizione di schiavitù, il Global Freedom Network fa riferimento a una serie di accordi e strumenti internazionali che riguardano non solo la privazione sistematica della libertà, ma anche forme di sfruttamento umano, come la prostituzione forzata, il lavoro forzato, le peggiori forme di lavoro minorile e le azioni immediate in vista della loro eliminazione, i bambini-soldato, la vendita di bambini, la prostituzione dei bambini e la pornografia rappresentante bambini, la servitù per debiti e il matrimonio forzato.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/11/2004 FILIPPINE
    Famiglia e amici spingono i bambini verso la prostituzione

    Ricerca denuncia: 60 mila bambini dediti alla prostituzione. La cifra reale potrebbe arrivare a quota 100 mila.



    01/10/2015 VATICANO
    Papa: “l’indifferenza e il silenzio” divengono “complicità quando assistiamo come spettatori alle morti” dei migranti
    Nel messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, Francesco invita a trovare nel Vangelo della misericordia le risposte al fenomeno delle migrazioni. “Guardare ai migranti non soltanto in base alla loro condizione di regolarità o di irregolarità”, ma come persone che “possono contribuire al benessere e al progresso di tutti”. “La necessità di aiutare i Paesi da cui partono migranti e profughi”. “E’ indispensabile che l’opinione pubblica sia informata in modo corretto, anche per prevenire ingiustificate paure e speculazioni sulla pelle dei migranti”.

    02/12/2014 VATICANO
    Papa: la moderna schiavitù, ossia la sfruttamento delle persone, è "un delitto e spesso un delitto aberrante"
    Esponenti ortodossi, anglicani, ebrei, musulmani, buddisti, indù hanno firmato con Francesco la Dichiarazione di leader religiosi contro la schiavitù. "Questo crimine di 'lesa umanità' si maschera dietro apparenti abitudini accettate, ma in realtà fa le sue vittime nella prostituzione, nella tratta delle persone, il lavoro forzato, il lavoro schiavo, la mutilazione, la vendita di organi, il consumo di droga, il lavoro dei bambini".

    30/07/2017 12:25:00 VATICANO
    Papa: L’impegno di tutti contro la schiavitù moderna della tratta di persone. Il tesoro e la perla

    All’Angelus papa Francesco fa recitare un’Ave Maria “perché sostenga le vittime della tratta e converta i cuori dei trafficanti”. Alla tratta di esseri umani, “piaga aberrante”, sembra che il mondo si stia abituando: “questo è brutto, crudele, criminale!”. Le parabole del tesoro e della perla preziosa. La ricerca “è la condizione essenziale per trovare”. Quando il tesoro e la perla sono stati scoperti, occorre anche “sacrificio, distacchi e rinunce”. La gioia del contadino e del mercante delle parabole “è la gioia di ognuno di noi quando scopriamo la vicinanza e la presenza consolante di Gesù nella nostra vita”.



    11/06/2014 VATICANO
    Papa: corrotti, sfruttatori e fabbricanti di armi "dovranno rendere conto a Dio"
    All'udienza generale Francesco illustra il "timore di Dio", dono dello Spirito Santo. Appello contro il lavoro di "milioni di bambini costretti a lavorare in condizioni degradanti, esposti a forme di schiavitù e di sfruttamento, come anche di abusi, maltrattamenti e discriminazioni".



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®