3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/05/2006
VIETNAM
Un altro cristiano è morto per maltrattamenti nelle carceri vietnamite

E' un montagnard di 62 anni. Almeno 350 montagnard sono oggi detenuti e maltrattati. Il Governo reprime con minacce e carcere ogni richiesta di maggiore libertà e pluralismo politico e sindacale.



Washington (AsiaNews/agenzie) – Un altro cristiano è morto nelle prigioni vietnamite, per i maltrattamenti subiti. Il Governo si apre al commercio mondiale ma mantiene una politica di rigida repressione di diritti e libertà politica e religiosa.

Siu Liul, 62 anni, è morto il 24 aprile – riferisce l'International Christian Concern, gruppo per la tutela dei diritti umani - per la mancanza di cibo e acqua e le torture. Il montagnard del villaggio di Ploi Kueng, comune di Habong distretto di Cu Se provincia Gia Lai, dal 2004 era nel carcere della città di Ha Nam, dove è stato sepolto perché la famiglia non ha i soldi per pagare il trasporto fino al villaggio. Altri montagnard sono morti prima di Siu Liul nelle brutali prigioni vietnamite nelle quali ora ci sono almeno 350 cristiani.

Il Vietnam vuole entrare nell'Organizzazione mondiale del commercio, ma – denuncia il gruppo per la tutela dei diritti Human Rights Watch (Hrw) - prosegue le sistematiche violazioni dei diritti umani e della libertà religiosa. Rifiuta al Comitato per i diritti umani della Nazioni Unite l'incontro con i prigionieri di coscienza. Ad aprile, subito prima dell'inizio del 10mo Congresso nazionale del Partito comunista, centinaia di persone – sacerdoti cristiani, monaci buddisti, professionisti, ex comunisti, ex detenuti, professori e altri - hanno firmato un documento per chiedere il rispetto dei diritti umani fondamentali, un sistema politico multipartitico, sindacati indipendenti e la libertà di religione e di associazione politica. "In Vietnam la semplice firma di questo documento – osserva Brad Adams, direttore di Hrw per l'Asia – causa un'indagine di polizia e spesso la carcerazione".

La polizia, infatti, ha subito fermato e interrogato molti dei firmatari, tra i quali lo scrittore Do Nam Hai, il sacerdote mennonita rev. Nguyen Hong Quang e l'avvocato Nguyen Van Dai.

Chi usa internet per criticare il Governo o invocare la democrazia è imprigionato in forza di leggi poco chiare a tutela della "sicurezza nazionale". Dissidenti sono stati condannati ad anni di carcere per crimini di spionaggio o per "violazione della sicurezza nazionale".

"Il Vietnam non può ottenere legittimazione internazionale – prosegue Adams – se continua a impedire diritti umani, pluralismo politico e libertà religiosa". Oggi gli Stati Uniti lo considerano un "Paese di speciale preoccupazione" per le violazioni della libertà religiosa. Occorre – conclude – che il Governo rispetti queste libertà, se vuole ottenere maggiore credibilità internazionale. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/06/2005 VIETNAM-USA
Il premier vietnamita a Wall Street, cuore del capitalismo
16/05/2006 VIETNAM - STATI UNITI
Gli Stati Uniti d'accordo per il rapido ingresso del Vietnam nell'Omc
14/11/2006 VIETNAM – STATI UNITI
Gli Usa tolgono il Vietnam dai Paesi "di speciale preoccupazione" nella libertà religiosa
09/05/2006 VIETNAM - STATI UNITI
Il Vietnam negozia con gli Stati Uniti il suo ingresso nell'Omc
di Thanh Thao
18/04/2005 vietnam
Vietnam, continua la repressione contro i montagnard

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate