4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/05/2006
VIETNAM
Un altro cristiano è morto per maltrattamenti nelle carceri vietnamite

E' un montagnard di 62 anni. Almeno 350 montagnard sono oggi detenuti e maltrattati. Il Governo reprime con minacce e carcere ogni richiesta di maggiore libertà e pluralismo politico e sindacale.



Washington (AsiaNews/agenzie) – Un altro cristiano è morto nelle prigioni vietnamite, per i maltrattamenti subiti. Il Governo si apre al commercio mondiale ma mantiene una politica di rigida repressione di diritti e libertà politica e religiosa.

Siu Liul, 62 anni, è morto il 24 aprile – riferisce l'International Christian Concern, gruppo per la tutela dei diritti umani - per la mancanza di cibo e acqua e le torture. Il montagnard del villaggio di Ploi Kueng, comune di Habong distretto di Cu Se provincia Gia Lai, dal 2004 era nel carcere della città di Ha Nam, dove è stato sepolto perché la famiglia non ha i soldi per pagare il trasporto fino al villaggio. Altri montagnard sono morti prima di Siu Liul nelle brutali prigioni vietnamite nelle quali ora ci sono almeno 350 cristiani.

Il Vietnam vuole entrare nell'Organizzazione mondiale del commercio, ma – denuncia il gruppo per la tutela dei diritti Human Rights Watch (Hrw) - prosegue le sistematiche violazioni dei diritti umani e della libertà religiosa. Rifiuta al Comitato per i diritti umani della Nazioni Unite l'incontro con i prigionieri di coscienza. Ad aprile, subito prima dell'inizio del 10mo Congresso nazionale del Partito comunista, centinaia di persone – sacerdoti cristiani, monaci buddisti, professionisti, ex comunisti, ex detenuti, professori e altri - hanno firmato un documento per chiedere il rispetto dei diritti umani fondamentali, un sistema politico multipartitico, sindacati indipendenti e la libertà di religione e di associazione politica. "In Vietnam la semplice firma di questo documento – osserva Brad Adams, direttore di Hrw per l'Asia – causa un'indagine di polizia e spesso la carcerazione".

La polizia, infatti, ha subito fermato e interrogato molti dei firmatari, tra i quali lo scrittore Do Nam Hai, il sacerdote mennonita rev. Nguyen Hong Quang e l'avvocato Nguyen Van Dai.

Chi usa internet per criticare il Governo o invocare la democrazia è imprigionato in forza di leggi poco chiare a tutela della "sicurezza nazionale". Dissidenti sono stati condannati ad anni di carcere per crimini di spionaggio o per "violazione della sicurezza nazionale".

"Il Vietnam non può ottenere legittimazione internazionale – prosegue Adams – se continua a impedire diritti umani, pluralismo politico e libertà religiosa". Oggi gli Stati Uniti lo considerano un "Paese di speciale preoccupazione" per le violazioni della libertà religiosa. Occorre – conclude – che il Governo rispetti queste libertà, se vuole ottenere maggiore credibilità internazionale. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/06/2005 VIETNAM-USA
Il premier vietnamita a Wall Street, cuore del capitalismo
16/05/2006 VIETNAM - STATI UNITI
Gli Stati Uniti d'accordo per il rapido ingresso del Vietnam nell'Omc
14/11/2006 VIETNAM – STATI UNITI
Gli Usa tolgono il Vietnam dai Paesi "di speciale preoccupazione" nella libertà religiosa
09/05/2006 VIETNAM - STATI UNITI
Il Vietnam negozia con gli Stati Uniti il suo ingresso nell'Omc
di Thanh Thao
18/04/2005 vietnam
Vietnam, continua la repressione contro i montagnard

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate