28/04/2017, 11.14
ISLAM-VATICANO-EGITTO
Invia ad un amico

Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

di Kamel Abderrahmani

L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.

Parigi (AsiaNews) – Un grazie per il coraggio ad andare in Egitto, nonostante gli attentati terroristi e per l’impegno di pace che il pontefice svolge nel mondo. Sono i primi sentimenti espressi nella lettera che presentiamo, scritta a papa Francesco alla vigilia del suo viaggio in Egitto. L’autore è Kamel Abderrahmani, giovane musulmano algerino, noto ai nostri lettori.  La lettera esprime “ammirazione” per il gesto del papa ad accogliere rifugiati siriani musulmani e si domanda come mai gli imam islamici non compiono alcun gesto verso i cristiani. Il giovane esprime anche una richiesta a spingere Al Azhar e le istituzioni musulmane a modernizzarsi: anzitutto condannando la violenza e riformando l’insegnamento sunnita, che porta alla violenza ; poi a condividere la vita con cristiani e membri delle altre religioni per rendere possibile una coesistenza mondiale nella pace.

 

Caro Papa Francesco,

prima di iniziare questa lettera, mi presento. Mi chiamo Kamel Abderrahmani, e sono un giovane musulmano algerino, studente in una università francese da circa due anni e mi interesso enormemente alle questioni di bruciante attualità che scuotono la vita degli uomini. Io cerco con i miei modesti contributi che pubblico sul sito di AsiaNews.it, di contribuire alla pace e all’avvicinamento religioso fra cristiani e musulmani, in occidente come in oriente.

Nonostante le difficoltà incontrate, la mancanza di mezzi e la mia penosa situazione personale e finanziaria, non smetto di credere in un mondo migliore, dove noi non possiamo che vivere in armonia, in pace e in piena fraternità.

All’inizio di questo mese, sono stato invitato a Roma dal mio amico, il p. Bernardo Cervellera, ed è grazie a lui che ho appreso della Sua intenzione di effettuare una visita in Egitto, alla fine del mese di aprile, non solo per incontrare i fedeli cristiani copti, ma anche gli alti responsabili musulmani dell’istituzione di Al Azhar.

E’ una bella notizia, viste le inquietanti condizioni in cui vivono oggi i copti, questi copti che continuano a resistere non solo agli attentati commessi dai pazzi di Allah, ma anche alla negazione dei loro diritti (come l’interdizione a costruire chiese) di cui sono oggetto da parte del governo egiziano. Vi è anche il problema della coesistenza messa a dura prova dall’attivismo islamista.

Tutti sanno che i copti e i musulmani hanno sempre coabitato insieme: una coabitazione pacifica durata per secoli, prima dell’avvento dell’islamismo devastatore che ha finito per essere una seria minaccia a tale vivere insieme. Questa situazione non è che un esempio di quanto vivono tutti i cristiani d’oriente. Tutti abbiamo visto le esecuzioni degli Yazidi in Siria e in Iraq, torturati, spinti all’esilio, almeno quelli che hanno potuto.

E’ un crimine, un disastro commesso davanti agli occhi del mondo, una cosa che Lei ha denunciato e condannato con fermezza, al contrario dei miei correligionari che non hanno fatto nulla. Non hanno levato nemmeno un dito per denunciare questo crimine contro l’umanità e contro Dio. E cosa più grave, anche Al Azhar, l’istituzione ufficiale che rappresenta l’islam, non ha osato prendere posizione in modo chiaro. Eppure questa istituzione si trova in una buona posizione per denunciare Daesh o anche scomunicarla; ma invece di ciò essa continua a considerare questi barbari come musulmani! Ma la barbarie può avere una religione? Si può convivere con il terrorismo? Io sono musulmano, ma questa istituzione, ai miei occhi e a quelli di milioni di musulmani, ha perduto ogni credibilità.

Ciò di cui io sono certo, caro Papa, è che l’odio non è innato; esso è inculcato e insegnato dai nostri teologi ed è qui tutto il problema. La maggioranza delle istituzioni musulmane, in effetti, continuano a considerare i cristiani e gli ebrei come dei miscredenti e ciò appare come un dare carta bianca ai “soldati di Allah” per infierire sui cristiani e tutti coloro che non la pensano come loro. Estrapolando, sono rimasto inebetito da una preghiera che l’anno scorso è stata fatta alla Mecca durante il ramadan, in cui l’imam ha pregato per Daesh e contro i “miscredenti” ebrei e cristiani. Tutto ciò è allucinante!

Mentre Lei accoglie famiglie musulmane siriane in Vaticano, caro Papa, lo Stato islamico le stermina in nome dell’islam senza che alcuna istituzione ufficiale abbia mai formulato una qualunque condanna. Ho notato che ogni volta che Lei interviene per spegnere il fuoco in Medio oriente, i nostri “ulema [dottori coranici]” intervengono per buttare benzina sul fuoco. Viviamo in un’anarchia teologica che non confessa il suo nome e che si traduce nel rigetto sistematico di coloro che pensano in modo differente. L’islam, caro Papa, ha bisogno di essere ripulito dalla giurisprudenza; esso è talmente malato e diviso che oggi noi abbiamo bisogno di una istituzione come la vostra. Sì, un’istituzione che lo attualizzi, modernizzi e lo strappi dalle mani degli ignoranti e dei barbari.

Rivolgendomi a Lei, caro Papa Francesco, non è per lamentarmi o criticare in modo gratuito le istituzioni musulmane. Lo faccio per trasmetterle la mia scontentezza e la mia collera di fronte a coloro che rappresentano l’islam ufficiale e che di destreggiano con discorsi doppi. Io credo in Lei, pur rimanendo musulmano, ma io non credo in loro! Io sono amante della pace e sogno un mondo in cui le religioni non siano che dei sentieri verso la coesistenza pacifica e la saggezza universale, al contrario dei nostri ulema.

Mi ricordo che una volta Lei ha detto: “La vita si ottiene e si matura nella misura in cui essa è devoluta per donare la vita agli altri. Questa è la missione”. In effetti, Lei ha fatto di questa missione il cuore del Suo impegno, senza timore di nessuno. La prova è che gli attentati che sono avvenuti di recente in Egitto non le hanno fatto paura e Lei ha mantenuto fede al suo viaggio che sarà senza dubbio un messaggio d’amore e di pace fra tutti gli elementi della società egiziana e del Medio oriente, cuore delle religioni monoteiste.

In questo breve viaggio che voi state effettuando con la benedizione del Signore, il musulmano che io sono augura che esso sia portatore di pace e di tolleranza, e soprattutto portatore di un messaggio chiaro al presidente al Sisi, che deve fare di tutto per la libertà di culto, di espressione e per l’autorizzazione alla costruzione di nuovi luoghi di culto cristiani.

Per quanto concerne Al Azhar, spero che Lei potrà convincerli sulla necessità di riformare la giurisprudenza islamica, i programmi insegnati agli allievi di questa istituzione e soprattutto a modernizzare e attualizzare il discorso religioso, dato che quello proclamato oggi non fa che preparare il terreno al terrorismo islamista. In altri termini, Al Azhar deve cessare di essere l’accademia del fondamentalismo nel mondo. Ciò implica una pressione molto forte su al-Sisi e su Al Azhar.

Caro papa Francesco, da musulmano ammiro il Suo coraggio e la Sua bravura. E d’altra parte, come potrei essere indifferente quando la domenica di Pasqua, davanti a più di 60mila fedeli in piazza san Pietro, nell’occasione della benedizione Urbi et Orbi, Lei ha chiesto l’aiuto di Dio per far finire i conflitti e le guerre nel mondo; per far finire il traffico di armi e le sofferenze sopportate dai più deboli. “Che Egli doni pace a tutto il Medio Oriente, a partire dalla Terra Santa, come pure in Iraq e nello Yemen”, senza dimenticare la denuncia, una volta di più, del dramma della Siria, dove la popolazione civile è “vittima di una guerra che non cessa di seminare orrore e morte”. Ancora una volta Lei si distacca dai nostri “ulema” per denunciare il vile attentato contro i rifugiati in fuga, che ha avuto luogo il giorno prima nella regione di Aleppo, in Siria, con il pesante bilancio di 110 morti.

Il 14 di questo mese, al Colosseo, Lei ha mostrato uno spirito molto critico verso tutti i crimini che si commettono un po’ ovunque nel mondo. “Vergogna per tutte le immagini di devastazioni, di distruzioni e di naufragio che sono diventate ordinarie nella nostra vita; Vergogna per il sangue innocente che quotidianamente viene versato di donne, di bambini, di immigrati e di persone perseguitate per il colore della loro pelle oppure per la loro appartenenza etnica e sociale e per la loro fede in Te”, ha detto in occasione del Venerdì Santo.

Ammiro le Sue prese di posizione, esse sono giuste, umane, sagge. Esse ispirano l’amore verso la Sua persona, verso i cristiani del mondo intero e verso la nobile istituzione che Lei rappresenta, il Vaticano.

Caro Papa Francesco, mi rivolgo a Lei in un linguaggio semplice e con un cuore sincero, pieno di fede e di speranza in Lei e nel Suo desiderio di propagare la pace in questo mondo. Il suo carisma, la sua saggezza, la sua alta spiritualità e sincerità mi fanno sperare in un mondo migliore, un mondo fraterno.

La saluto, e che Dio la benedica, l’accompagni e l’aiuti in tutto ciò che Lei intraprende per il bene dell’umanità!

Kamel Abderrahmani

Parigi 20 aprile 2017

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa in Egitto: entusiasmo e ammirazione dai commenti in rete e sui media
29/04/2017 09:53
Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente
28/04/2017 18:23
Patriarca cattolico di Alessandria: La visita di papa Francesco segnerà un rinnovamento della Chiesa in Egitto
25/04/2017 14:54
Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…
25/04/2017 12:25
Papa Francesco in Egitto, senza auto blindata. Il programma del viaggio
25/04/2017 11:18