21/02/2004, 00.00
Singapore
Invia ad un amico

Un reality show per fare più bambini

Singapore (AsiaNews) – Uno stravagante medico di Singapore, Wei Siang Yu, soprannominato Dottor Love, sta preparando un talk show televisivo per incoraggiare le coppie ad avere bambini. Il programma anticiperà un nuovo reality show dal titolo "Dr Love Superbaby Making Show", in cui 10 coppie di diverse nazionalità faranno a gara per essere le prime a fare un bambino.

Questa iniziativa originale ha l'ambizione di essere una risposta possibile al problema del calo della natalità, che da diverso tempo preoccupa le autorità di Singapore, dove la popolazione continua a invecchiare. Il medico ha dichiarato che gli incentivi del governo sono inadeguati: "non si può risolvere tutto con le politiche nazionali…i soldi non risolvono tutto. Bisogna considerare le emozioni delle persone".

Nel 2002, il tasso di fertilità della donna ha toccato il minimo storico dell'1,4, molto inferiore al 2,1 necessario per invertire la tendenza della popolazione. Era già calato sensibilmente nel corso degli anni, passando da 5,5 nel 1960 a 1,7 nel 1990. Le nascite sono state 43 mila. Su una popolazione di 4 milioni e138 mila abitanti, 1 milione e 46 mila aveva meno di 18 anni e 253 mila meno di 5. Le persone dai 60 in su sono circa il 12% della popolazione. Un aumento delle nascite si è verificato nel 2000, anno del drago, che nella tradizione cinese è considerato il segno più fortunato. In quell'anno, sono nati poco meno di 47 mila bambini. 

Gli inviti del governo a fare figli sono diventati sempre più frequenti e pressanti. Innumerevoli campagne e incentivi finanziari tentano di spingere le coppie ad avere più bambini: riduzione delle tasse dopo il 3º figlio, sussidi per l'assistenza dei bambini, facilitazioni per l'iscrizione a scuola dei bambini di famiglie numerose e nell'assegnazione delle case, maternità pagata fino a 4 anni. Nel 2001 è stato proposto il Baby Bonus, un assegno annuale di 500 dollari di Singapore (291 US$) per il secondo figlio e di 1000 (582 US$) per il terzo, fino al compimento del 6° anno di età. Nel caso del terzo figlio il bonus prevedeva anche la retribuzione durante il congedo per maternità.

In passato, Singapore lamentava il problema opposto e il governo ha tentato di controllare in ogni modo la crescita della popolazione. Tra il 1947 e il 1957, il calo del tasso di mortalità, l'aumento della natalità, l'immigrazione dalla Malesia hanno causato un tasso di crescita annuo del 4,4%. Dal 1949, la Singapore Family Planning Association ha iniziato a offrire consulenze di pianificazione familiare e dal 1960 poteva contare su fondi e assistenza del governo. Nel 1966, il governo ha istituto il Family Planning and Population Board, per garantire servizi sanitari e formazione pubblica sulla pianificazione familiare. In risposta a una nuova impennata della natalità, nel 1970 il governo ha legalizzato l'aborto e la sterilizzazione volontaria e tra il 1969 e il 1972, ha inaugurato una serie di politiche note come "disincentivi alla popolazione", che prevedevano l'aumento dei costi per le famiglie con più di 2 figli: maternità non pagata, rette ospedaliere e tasse sempre più alte per ogni figlio aggiuntivo. Le famiglie numerose non avevano più la priorità nell'assegnazione delle case, mentre nella scelta della scuola primaria erano favoriti i figli unici o quelli di genitori che si erano sottoposti a sterilizzazione prima dei 40 anni. La sterilizzazione volontaria era risarcita con 7 giorni pagati di malattia e facilitazioni sulla casa e l'istruzione. Campagne pubblicitarie esortavano i genitori a "fermarsi a due", ammonendo le famiglie sulla minaccia per il sostentamento e la sicurezza in futuro delle famiglie numerose. Le pene per i ceti poveri erano più severe. Il governo si giustificava dichiarando di incoraggiarli a concentrare le loro risorse limitate sui pochi figli che avevano, per sottrarli dalla povertà da adulti.

Negli anni '80, le autorità hanno cominciato a preoccuparsi del calo della popolazione, in particolare del tasso di fertilità delle donne istruite. Nel 1984, il governo ha introdotto alcuni provvedimenti per favorire le donne istruite con molti figli e l'unione tra persone che avevano una istruzione universitaria, mentre ha offerto un compenso di 10 mila dollari di Singapore (5820 US$) alle donne meno istruite che si facevano sterilizzare dopo il secondo figlio. Lo slogan "fermatevi a due" è stato sostituito con "fate 3 figli o più, se li potete mantenere". (MR)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Singapore: troppo lavoro, le coppie non fanno figli
07/12/2004
Chiesa indiana: più bambini e una migliore vita matrimoniale
08/08/2006
Più ferie ai lavoratori per fare più figli
22/12/2004
Filippine, cattolici pregano contro violenza e aborto
17/03/2005
Il neo primo ministro Lee: "Fondi statali per fare più figli"
26/08/2004