18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/01/2018, 08.56

    ASIA-ONU

    Un record gli investimenti stranieri in Cina nel 2017



    La Cina ha assorbito 144 miliardi di dollari: al secondo posto dopo gli Stati Uniti. L’India è al 10mo posto con 45 miliardi. Le economie asiatiche in via di sviluppo sono trainanti. Buone prospettive per il 2018.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – Lo scorso anno la Cina ha assorbito 144 miliardi di dollari Usa in investimenti stranieri diretti (Foreign direct investment, Fdi), la cifra più alta mai raggiunta. In tal modo la Cina si pone al secondo posto come destinazione dei Fdi, dopo gli Stati Uniti. L’India si piazza al 10mo posto mondiale con 45 miliardi di dollari.

    Le cifre sono fornite dall’Unctad (United Nations Conference on Trade and Development, Conferenza Onu su commercio e sviluppo). L’organismo fa notare che nonostante un rafforzamento dell’economia globale, nel 2017 il totale ammontare di investimenti verso Paesi stranieri e regioni è sceso del 16%, a 1520 miliardi di dollari. Questo è il secondo anno consecutivo in cui si registra una riduzione.

    L’Unctad attribuisce il restringimento dei Fdi globali a un rallentamento degli investimenti esteri verso le nazioni sviluppate, diminuito del 27%. L’America del Nord ha subito una riduzione del 33% e l’Europa del 27%.

    In compenso, l’Fdi è cresciuto del 2% nelle economie dei Paesi in via di sviluppo. I Paesi asiatici di questa categoria sono i maggiori recipienti nel mondo, con un assorbimento di 653 miliardi di dollari, seguiti da Unione europea e da Nord America.

    Secondo l’Unctad, le proiezioni di crescita economica, il volume dei commerci e i prezzi delle materie prime fanno pensare che nel 2018 vi sarà un potenziale incremento del Fdi globale fino a 1800 miliardi di dollari. Ma il tutto potrebbe subire un impatto negativo per rischi geopolitici e incertezze politiche.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2005 CINA
    Oltre 60 miliardi di dollari, record degli investimenti stranieri in Cina
    Per quest'anno si prevede un aumento del 33,4 % nel l'afflusso di capitali esteri. L'Europa fa crescere  i suoi investimenti del 43% rispetto allo scorso anno.

    20/05/2015 CINA
    Per far ripartire il Paese, Pechino punta sulle nuove tecnologie
    Il Consiglio di Stato presenta un ambizioso piano decennale, che affida al settore manifatturiero di alto livello – ingegneria oceanica e tecnologia aerospaziale – il compito di trainare la Cina fuori dallo stallo degli ultimi anni. Il governo non può evitare l’aumento del costo del lavoro e deve fare i conti in maniera seria con l’inquinamento ambientale. Analisti: “Bene, ma servono risorse dai privati e dai Paesi stranieri”.

    25/08/2004 CINA
    Cambio dollaro-yuan: economista americano dà ragione a Pechino


    18/10/2011 CINA
    Cina, la crescita economica rallenta ancora
    Nel terzo trimestre i dati sul Pil si assestano sul 9,1%, in calo rispetto alle previsioni di mercati e governo cinese. E Pechino decide di investire molto meno in valuta estera. Aumenta l’inflazione.

    20/03/2012 CINA
    Pechino alza il prezzo del carburante, ma rischia il picco inflattivo
    Per la seconda volta nel 2012, il governo decide di salvare le raffinerie (statali) e ritocca del 6 e 7 % i prezzi di benzina e gasolio. In questo modo fa alzare anche l'inflazione, da sempre causa di proteste sociali. Nel frattempo, il Fondo monetario "promuove" il governo ma avverte: "Basta investimenti azzardati".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®