26/11/2013, 00.00
MEDIO ORIENTE - ASIA
Invia ad un amico

Un ritiro spirituale a Dubai mantiene viva la fede fra i migranti in Medio Oriente

di Nirmala Carvalho
P. Errol Fernandes, sacerdote gesuita, racconta ad AsiaNews la testimonianza di fede dei lavoratori cristiani nei Paesi del Golfo Persico. In occasione dell'Anno della Fede, dal 4 al 6 novembre il sacerdote ha guidato un ritiro spirituale a Dubai per le Chiese locali nate grazie alla presenza dei migranti. Nei Paesi arabi dove vi è libertà di culto il cristianesimo è vivo e vibrante. Per il gesuita chi è perseguitato vive a imitazione di Cristo e con la sua testimonianza fa rivivere la Chiesa.

Mumbai (AsiaNews) - "I migranti asiatici cristiani mantengono viva la fede nel Medio Oriente". È quanto afferma ad AsiaNews p. Errol Fernandes, gesuita e preside del St. Xavier's College di Mumbai che in questi anni ha organizzato vari ritiri spirituali in tutto il mondo compresi i Paesi arabi e del Golfo Persico (eccetto l'Arabia Saudita). Il sacerdote descrive la sua esperienza fra i cristiani migranti, confrontandosi con l'invito del papa a non "rassegnarsi a pensare il Medio Oriente senza i cristiani" fatto lo scorso 21 novembre alla Plenaria del Dicastero per le Chiese orientali. Il sacerdote sottolinea che il papa ha a cuore la situazione dei cristiani che subiscono persecuzioni e restrizioni in Siria, Turchia, Egitto e altri luoghi. "La paura non deve mai governare le nostre vite - afferma citando Francesco - questo significa che tutti devono essere liberi e ovunque essi vivano devono avere la possibilità di praticare la loro fede". Dal 4 al 6 novembre, p. Fernandes ha guidato un raduno di preghiera a Dubai (Emirati Arabi Uniti) dal titolo "Ravvivare il fuoco". Per il sacerdote il ritiro a Dubai è stata un'occasione per vivere il tema generale dell'Anno della Fede che invita a rinvigorire il nostro credo e ritornare alle proprie radici guardando con fiducia e con coraggio il futuro.

Il grande numero di migranti asiatici cristiani in Medio Oriente e la loro risposta ai ritiri di preghiera può essere secondo lei un segno di speranza per il cristianesimo in Medio Oriente?

In questi mesi molte persone mi hanno scritto raccontando che erano state aiutate dai dialoghi e dalle attività avvenute durante i ritiri. Anche se molte lettere esprimevano una consapevolezza individuale, sono però convinto che in qualche modo queste esperienze filtrino anche all'interno della comunità nel suo insieme. Ho sempre pensato che, se lo lasciamo agire, Dio può fare dei grandi miracoli. Questo è il motivo per cui continuo a pregare affinché non mi faccia mai interferire con i suggerimenti dello Spirito Santo, che parla con un linguaggio che ciascuno può comprendere.  

Nel suo recente ritiro a Dubai che situazione ha trovato rispetto ai rischi vissuti dai cristiani in Siria ed Egitto?

Io sono stato in molti Paesi del Medio Oriente in tempi diversi, ma ho visitato soprattutto quelli del Golfo: Bahrain, Emirati Arabi, Qatar, Kuwait e Oman. In tutti questi Paesi il cristianesimo è vivo e vibrante. Ci sono molte strutture gestite dalla Chiesa e in questi anni i governanti sono stati tolleranti nei confronti del cristianesimo. Anche se non ho notizie circa la situazione reale dei cristiani in Siria ed Egitto, è un fatto storico che ovunque la religione di Cristo è stata perseguitata è sempre fiorita. Gesù ha vissuto la sua vita in mezzo a persecuzioni e difficoltà e chi vive nella stessa condizione ha la possibilità di imitarLo.

Come si è svolto il suo ritiro a Dubai?

Il tema era  "Ravvivare il fuoco" . Il fuoco è un simbolo potente e può significare molte cose. Può indicare lo Spirito Santo, spesso raffigurato come lingue di fuoco, oppure può rappresentare il fuoco di Gesù quando Egli ha scelto di iniziare la sua missione, come afferma il Vangelo di Luca: "Sono venuto a portare il fuoco sulla terra". Le fiamme possono rappresentare anche ciò che arde dentro al nostro cuore che deve essere sempre riacceso con la luce e il dono della fede. Il tema generale dell'Anno della Fede riguardava il ritorno alle nostre radici, invitandoci ad andare con fiducia e coraggio verso il futuro. Spero che questo ritiro  possa essere stato un punto di partenza per un tale viaggio.

Qual è la situazione dei migranti a Dubai? Le famiglie riescono a vivere la loro fede?

Negli Emirati Arabi, diversi migranti hanno trovato un lavoro decente e stipendi tali da poter vivere una vita confortevole. Le famiglie sono grate ai governanti dei Paesi in cui risiedono per la loro buona volontà e per i benefici che hanno ricevuto. Purtroppo, ci sono molte persone che hanno difficoltà a sopravvivere, tuttavia restano perché sono consapevoli che la loro situazione è comunque migliore che in patria. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I cristiani del Vicino Oriente e l’ideologia islamista
14/09/2011
Vescovo siro-malabarese: più attenzione per i migranti indiani nei Paesi Arabi
15/10/2010
Vescovi dell'Orissa: L'Anno della Fede sostegno ai cristiani perseguitati
04/02/2013
Gregorio III: "Cristiani arabi in dialogo con i musulmani e contro la guerra in Siria"
06/09/2013
Patriarchi delle Chiese orientali dal Papa per il futuro dei cristiani in Medio oriente
19/11/2013