08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/08/2010, 00.00

    INDIA

    Un tribunale popolare per dare giustizia alle vittime dell’Orissa

    Santosh Digal

    La prima sessione del Tribunale nazionale del popolo (National People’s Tribunal) è iniziata ieri a New Delhi e durerà fino al 24 agosto. Tra i partecipanti ex giudici, attivisti, giornalisti e analisti politici. Essi ascoltano le testimonianze dei sopravissuti ai massacri, per far luce sui pogrom anticristiani scoppiati il 23 agosto 2008 e sollecitare l’arresto degli estremisti indù autori dei massacri a tutt’oggi impuniti.

    New Delhi (AsiaNews) – A due anni dai pogrom anti-cristiani, scoppiati il 24 agosto 2008, la popolazione del distretto di Kandhamal attende ancora giustizia e a tutt’oggi gli estremisti indù autori dei massacri restano impuniti. Per dare voce alle vittime il National Solidarity Forum (Nsf), ha allestito da ieri a New Delhi il Tribunale nazionale del popolo (National People’s Tribunal), che coinvolge ex giudici, attivisti, giornalisti e analisti politici. Fino al 24 agosto essi ascolteranno le testimonianze dei sopravissuti ai massacri, tentando di far luce sui 43 casi di violenza che tra dicembre 2007 e agosto 2008, hanno provocato 93 morti e costretto alla fuga oltre 56mila persone.  

    Dhinarendra Pandha, responsabile dell’Nsf, afferma: “Molto è cambiato in questi due anni, ma la vita dei sopravvissuti di Kandhamal non ha fatto che peggiorare. Essi sono ancora traumatizzati dalle violenze che hanno portato loro via dignità, abitazioni e  mezzi di sussistenza”. “ Il fallimento del sistema giudiziario indiano nel punire gli autori dei pogrom – aggiunge - ha vanificato le speranze di giustizia delle 56mila persone che hanno visto le loro case andare in fiamme”.

    Il processo in corso presso il tribunale distrettuale di Kandhamal vede implicati diversi esponenti del Bharatiya Janata Party (Bjp), principale partito di governo dell’Orissa al tempo del massacro. A tutt’oggi essi impediscono ai testimoni dei massacri di deporre in aula con continue minacce e aggressioni, creando un clima di panico tra la popolazione.   

    Mons. Raphael Cheenath, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar, afferma ad AsiaNews che “il Forum di tre giorni di solidarietà nazionale è la nostra richiesta di giustizia per la popolazione di Kandhamal”. L’arcivescovo sottolinea che i cristiani “hanno diritto ad esercitare la loro religione e avere accesso a sicurezza, mezzi di sostentamento e istruzione”. “Ma purtroppo – aggiunge – in questi due anni nulla è cambiato e il governo dell’Orissa non è ancora riuscito a fare luce sul caso e ad aiutare le vittime”.

      

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2011 INDIA
    Orissa, il governo non fa rispettare la legge. Continui casi di violenza contro i cristiani
    Nel 2010, 62 casi di violazioni dei diritti umani registrati dalla Commissione nazionale per i diritti umani (Nhrc). In visita nella capitale dello Stato, i responsabili dell’Nhrc sottolineano la necessità di un piano di sicurezza per evitare in futuro nuove violenze contro i cristiani.

    23/03/2011 INDIA
    Orissa, un altro cristiano ucciso in Kandhamal
    Angad Digal, cattolico di Mondasoro, è stato ucciso lo scorso 10 marzo. L’uomo si era recato in un villaggio vicino insieme a due conoscenti indù. La polizia ha arrestato uno dei due sospettati, ma non ha ancora trovato il corpo di Digal. Sacerdote denuncia il clima di impunità dovuto all’inerzia delle forze dell’ordine.

    02/09/2010 INDIA
    Leader cristiani: il governo dell’Orissa ha ignorato le vittime del pogrom
    Mons. Cheenath e il presidente dell’Orissa Minority Forum chiedono condanne per gli autori delle violenze, compensi alle vittime e iniziative di pace. Il movimento ha creato un’ala giovanile per far fronte ai bisogni della comunità. A oggi restano ancora 3500 alloggi da ricostruire.

    09/07/2010 INDIA
    Orissa, libero su cauzione politico indù condannato per i pogrom anticristiani
    Manoj Pradhan, accusato di diversi omicidi e atti vandalici, è in libertà grazie all’intervento dell’Alta corte dell’Orissa che ha accettato il ricorso in appello. Lo scorso 29 giugno il tribunale locale lo aveva condannato a sette anni di carcere con l’accusa di omicidio. Portavoce e avvocato della diocesi di Cuttack-Bunaneshwar: “Questo fatto farà deragliare la costruzione del processo di pace a Kandhamal”.

    13/09/2010 INDIA
    Commissione per le minoranze in Orissa, ma non vedrà i villaggi cristiani
    Arrivato oggi in Orissa, HT Sangliana, vice direttore della Commissione nazionale per le minoranze, visiterà il distretto di Kandhamal il prossimo 14 settembre per verificare la situazione a due anni dai pogrom anticristiani. Leader cristiani criticano il percorso organizzato dal governo locale, che evita i villaggi più colpiti dalle violenze. Arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar invita la delegazione ad ascoltare la voce delle vittime.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®