24/10/2008, 00.00
MALAYSIA
Invia ad un amico

Una fatwa malaysiana condanna le ragazze “maschiaccio”

Le giovani non debbono portare i capelli corti e camminare, vestire e comportarsi in generale come i ragazzi. Già l'anno scorso i musulmani furono invitati a non vedere il film con un'attrice che si era tagliata i capelli.

Kuala Lumur – (AsiaNews/Agenzie)  Il Consiglio nazionale della fatwa della Malaysia, ha da poco emanato un giudizio nel quale si condanna la condotta delle  donne che si comportano da “maschiaccio”. L’insolito provvedimento prende in esame e condanna in particolare le ragazze che, agendo in maniera poco femminile, "violano i principi dell’Islam".

L'organismo islamico ha preso il provvedimento durante un meeting nel nord della Malaysia, nel quale Harussani Idris Zacaria, muftì di Perak, ha espressamente stigmatizzato il comportamento delle ragazze che, a suo avviso, mancano di rispetto alla loro fede. Harussani, che fra le altre cose ha presieduto la riunione, ha presentato un rapporto nel quale ha messo in evidenza il numero crescente di queste “irrispettose”, aggiungendo che talvolta, tali modi di essere e di agire, si traducono nell’omosessualità. Pur non essendo esplicitamente proibita, quest'ultima è condannata in base alla norma per cui non è possibile praticare sesso contro l’ordine naturale. “Non importa che la proposta si trasformi in legge - ha spiegato il Muft - quando è sbagliato, è sbagliato. Si tratta di peccato -  ha insistito – i comportamenti da 'maschiaccio' sono proibiti dall'Islam".

Secondo la fatwa in questione, le ragazze non potrebbero portare i capelli corti, e camminare, vestire e comportarsi in generale come i ragazzi; questi ultimi sono chiamati a rispettare a loro volta la norma. Nel proseguo dell’intervento Harussani ha parlato del rispetto nei confronti di Dio, un obbligo per tutti, come d’obbligo è comportarsi secondo natura. La fatwa-maschiaccio arriva all’indomani di alcuni casi di bullismo e baldorie, diffusi poi come videoclip nel web; ancora, un anno fa, una famosa attrice musulmana si era tagliata i capelli per una interpretazione, e già allora il fatto destò numerose polemiche. In quella circostanza il muftì di Perak, insieme con altri religiosi, esortarono i musulmani a non guardare il film, condannando aspramente l’attrice che assumendo i tratti dell’uomo, aveva violato l’Islam.

La presenza musulmana in Malaysia conta circa il 60% dell’intera popolazione (27 milioni), ed essi sono soggetti agli editti del Consiglio, anche quando questi non sono inseriti nella legge della Sharia. Non è chiaro ciò che attende coloro i quali dovessero vietare l’editto-maschiaccio, raramente infatti i trasgressori vengono puniti, a meno che l’editto non sia inserito nella giurisdizione nazionale, o della Sharia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
A Teheran inaugurato un parco solo per donne
17/06/2008
Ricercatori sudcoreani: trovato il rimedio per la caduta dei capelli
22/11/2017 12:58
Corea, si rasano i capelli contro il sistema anti-missile Thaad: Il governo ci ascolti
16/08/2016 08:46
Spose pakistane scappano da mariti cinesi: gestivano un bordello
21/05/2019 11:28
Vendevano mogli cristiane pakistane a giovani cinesi: i primi arresti
09/05/2019 14:36