21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/01/2007
VIETNAM
Una scuola per i bambini di Bao Loc
di JB. Vu
I giovani della diocesi di Da Lat organizzano nel villaggio di Bao Loc corsi di lingue e matematica ed hanno sensibilizzato la comunità sull’importanza degli studi scolastici. Prevista la costruzione di una biblioteca.

Bao Loc (AsiaNews) – Un gruppo di volontari della diocesi di Da Lat, hanno organizzato corsi di studio nel villaggio di Bao Loc, a circa 100 chilometri da Dalat City, nel sud del Paese e stanno cercando di crearvi una biblioteca.
 
Uno di loro, Nguyen, racconta ad AsiaNews:”Abbiamo incontrato la gente della comunità ed abbiamo studiato i loro bisogni. Sono molto poveri e non possono permettersi di mandare i loro bambini a scuola. Abbiamo così organizzato un piccolo periodo di lezioni scolastiche, invitando la gente e le autorità a prendere parte all’iniziativa. L’educazione è necessaria per le persone del villaggio; è importante per loro anche la presenza dei rappresentanti locali del governo.
 
Casim, una giovane volontaria della minoranza etnica H’Mong, ha presentato un progetto per lo sviluppo della comunità realizzato dopo i suoi studi alla diocesi di Ho Chi Minh City. “La scorsa settimana – dice - abbiamo radunato 8 ragazzi della comunità affinché ci aiutassero a portare ai corsi 80 bambini”. “ Li abbiamo poi divisi in gruppi di 20 ed abbiamo attivato corsi di matematica, di lingua inglese e vietnamita. Inoltre sono state organizzate attività sociali per ragazzi, genitori ed autorità locali”.
 
Bien, uno studente che ha aiutato Casim nell’organizzazione dei corsi, racconta: ”Attraverso le attività culturali la gente del villaggio ha capito i propri doveri verso le nuove generazioni. Se gli avessimo dato soldi, li avrebbero sperperati, quindi abbiamo preferito discutere con i ragazzi a proposito della costruzione di una biblioteca, dove possano prendere in prestito i libri da leggere e studiare. I bambini potranno così imparare a leggere, scrivere e potranno cercarsi un lavoro o lavorare nei campi dalla comunità per guadagnarsi da vivere”.
 
Than, a capo del gruppo cattolico, ha dichiarato ad Asianews:”All’inizio abbiamo dovuto far fronte a molte difficoltà, lavorando qui, ma la partecipazione della gente ed il supporto delle autorità locali hanno risolto tutti i problemi. Stiamo lavorando con 500 famiglie, il 90% delle quali sono di religione cattolica. Anche se il governo nutre ancora dubbi verso di noi, stiamo lavorando, impegnandoci con tutto il cuore e tutta la nostra fede. Dio benedica sempre la nostra missione”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/03/2009 VIETNAM
Pesante crisi del modello tradizionale della famiglia vietnamita
di J.B. VU
03/08/2007 VIETNAM
Dalat, scuole cattoliche per i bambini più poveri
di JB. VU
31/03/2008 VIETNAM
Hanoi blocca lo sviluppo delle donne e delle minoranze etniche
di Nguyen Hung
13/10/2014 VIETNAM
Biên Hòa: Ascoltando Papa Francesco, centinaia di giovani vietnamiti studiano la Bibbia
di J.B. Vu
30/06/2006 vietnam
Ho Chi Minh City, la Chiesa festeggia una nuova parrocchia dedicata ai bambini
di JB. Vu

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate