2 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/01/2007
VIETNAM
Una scuola per i bambini di Bao Loc
di JB. Vu
I giovani della diocesi di Da Lat organizzano nel villaggio di Bao Loc corsi di lingue e matematica ed hanno sensibilizzato la comunità sull’importanza degli studi scolastici. Prevista la costruzione di una biblioteca.

Bao Loc (AsiaNews) – Un gruppo di volontari della diocesi di Da Lat, hanno organizzato corsi di studio nel villaggio di Bao Loc, a circa 100 chilometri da Dalat City, nel sud del Paese e stanno cercando di crearvi una biblioteca.
 
Uno di loro, Nguyen, racconta ad AsiaNews:”Abbiamo incontrato la gente della comunità ed abbiamo studiato i loro bisogni. Sono molto poveri e non possono permettersi di mandare i loro bambini a scuola. Abbiamo così organizzato un piccolo periodo di lezioni scolastiche, invitando la gente e le autorità a prendere parte all’iniziativa. L’educazione è necessaria per le persone del villaggio; è importante per loro anche la presenza dei rappresentanti locali del governo.
 
Casim, una giovane volontaria della minoranza etnica H’Mong, ha presentato un progetto per lo sviluppo della comunità realizzato dopo i suoi studi alla diocesi di Ho Chi Minh City. “La scorsa settimana – dice - abbiamo radunato 8 ragazzi della comunità affinché ci aiutassero a portare ai corsi 80 bambini”. “ Li abbiamo poi divisi in gruppi di 20 ed abbiamo attivato corsi di matematica, di lingua inglese e vietnamita. Inoltre sono state organizzate attività sociali per ragazzi, genitori ed autorità locali”.
 
Bien, uno studente che ha aiutato Casim nell’organizzazione dei corsi, racconta: ”Attraverso le attività culturali la gente del villaggio ha capito i propri doveri verso le nuove generazioni. Se gli avessimo dato soldi, li avrebbero sperperati, quindi abbiamo preferito discutere con i ragazzi a proposito della costruzione di una biblioteca, dove possano prendere in prestito i libri da leggere e studiare. I bambini potranno così imparare a leggere, scrivere e potranno cercarsi un lavoro o lavorare nei campi dalla comunità per guadagnarsi da vivere”.
 
Than, a capo del gruppo cattolico, ha dichiarato ad Asianews:”All’inizio abbiamo dovuto far fronte a molte difficoltà, lavorando qui, ma la partecipazione della gente ed il supporto delle autorità locali hanno risolto tutti i problemi. Stiamo lavorando con 500 famiglie, il 90% delle quali sono di religione cattolica. Anche se il governo nutre ancora dubbi verso di noi, stiamo lavorando, impegnandoci con tutto il cuore e tutta la nostra fede. Dio benedica sempre la nostra missione”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/03/2009 VIETNAM
Pesante crisi del modello tradizionale della famiglia vietnamita
di J.B. VU
03/08/2007 VIETNAM
Dalat, scuole cattoliche per i bambini più poveri
di JB. VU
31/03/2008 VIETNAM
Hanoi blocca lo sviluppo delle donne e delle minoranze etniche
di Nguyen Hung
30/06/2006 vietnam
Ho Chi Minh City, la Chiesa festeggia una nuova parrocchia dedicata ai bambini
di JB. Vu
13/03/2006 Vietnam
Vietnam, l'aiuto della Chiesa per l'educazione dei disabili
di Vu Nhi Cong

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate