05/10/2004, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Una suora a Sang Timur: "Armi in pugno gli islamici vogliono chiudere la chiesa e la scuola"

di Mathias Hariyadi
L'arcidiocesi di Jakarta chiede l'intervento del governo per permettere la costruzione della chiesa.

Jakarta (AsiaNews) – Davanti alle minacce di decine di integralisti islamici armati, la madre superiora del complesso di Santa Bernadetta non ha avuto scelta: ha dovuto seguire gli ordini, chiudere la scuola e la chiesa guidati dal suo ordine. "Al momento dell'attacco, la mattina presto, non c'era nessuno in grado di affrontare gli aggressori. Non avevamo altra scelta che obbedire". Suor Anselma, delle sorelle di Gesù Bambino, ha raccontato ad AsiaNews l'attacco di domenica al complesso cattolico di Santa Bernadetta a Cileduk, Tangerang, Provincia di Banten (35-40 km a ovest di Jakarta). Militanti islamici del  FPI (Fronte dei difensori dell'Islam) con armi in pugno hanno invaso la chiesa e la scuola Sang Timur (di Gesù Bambino) all'interno del complesso, ordinando alle suore di Gesù Bambino la chiusura di entrambe. L'FPI accusa i cattolici di proselitismo, in quanto da 10 anni la comunità cristiana usa l'aula magna della scuola come chiesa temporanea. Questo perché l'amministrazione locale tarda a concedere  il permesso per far erigere una nuova chiesa sul territorio.  Le suore hanno dovuto scrivere una dichiarazione ufficiale nella quale affermano che l'aula magna non verrà più utilizzata come chiesa.

Alcuni cattolici testimoni dell'attacco, hanno denunciato il comportamento delle forze dell'ordine, che non sono intervenute in modo deciso contro gli attivisti del FPI quando hanno iniziato a cementare le entrate.

Suor Anselma ha raccontato che questo tipo di agitazioni si sono già verificate in passato. Attivisti del FPI portano avanti una propaganda anticristiana distribuendo opuscoli e volantini tra gli abitanti locali. Dopo violenze come quella di domenica, la maggior parte dei musulmani moderati ha reagito in modo negativo a questo tipo di messaggi, difendendo le sorelle di Gesù Bambino. "Il loro uso dell'aula magna come chiesa non ha niente a che fare con il proselitismo" hanno dichiarato alcuni musulmani del posto.

I leader cattolici della parrocchia di Santa Bernadetta hanno invitato la comunità a non cercare lo scontro con gli integralisti in quanto l'aggressione di domenica avrebbe "motivazioni politiche". Un gruppo di militanti cattolici dei dintorni di Jakarta si è proposto di sorvegliare il complesso: "Se occorrerà risponderemo agli attacchi dei fondamentalisti islamici". Sacerdoti e suore premono per una soluzione pacifica, anche a costo di sospendere le celebrazioni della chiesa e le lezioni della scuola per un certo periodo. Un rappresentante della comunità locale ha affermato che "con l'elezione di Susilo Bambang Yudhoyono come presidente le cose miglioreranno". Dopo il 20 ottobre, data dell'insediamento ufficiale del nuovo governo indonesiano, religiosi e laici insieme all'Arcidiocesi di Jakarta hanno intenzione di chiedere allo Stato sostegno per far pressione sulle autorità di  Cileduk, affinché concedano i permessi necessari per la costruzione di una chiesa.

Sono in molti coloro che apprezzano il lavoro delle suore di Gesù Bambino. In particolare il loro impegno nell'educazione, che prevede corso scolastici dall'asilo fino alle scuole medie. Le suore hanno fondato anche una scuola per disabili aperta a studenti di ogni religione. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Scuola di Sang Timur: rimangono le tensioni
26/10/2004
Madhya Pradesh, piano anti-cristiano dei fondamentalisti indù
06/02/2006
Mons. Fernandez: ci attaccano perché ignorano l'essenza del Cristianesimo
06/02/2006
Vescovo indiano: L'uccisione di mons. Nellickal, segno di escalation nelle violenze anticristiane
06/09/2005