25 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 12/01/2017, 09.14

    CINA

    Università del Guangzhou proibisce ai professori di criticare il Partito



    La prestigiosa università di Sun Yat-sen ha emesso 10 divieti per i docenti per "migliorare la qualità dell’insegnamento". I primi tre divieti sono “criticare la costituzione”, “criticare il Partito” e “diffondere religione e superstizione”.

     

     

    Pechino (AsiaNews) – La prestigiosa università Sun Yat-sen, considerata uno dei poli più liberali del Paese, ha proibito ai suoi docenti di criticare la costituzione e i leader del Partito comunista cinese (Pcc) in classe. Mercoledì, l’ufficio del rettore dell’università ha emesso una lista di 10 cose che ai docenti sarà proibito fare nelle classi. I primi tre divieti sono “criticare la costituzione”, “criticare il Partito” e “diffondere religione e superstizione”.

    Il mese scorso, il presidente cinese Xi jinping ha dichiarato la sua intenzione di trasformare le università in “roccaforti della leadership del Partito” il quale “sostiene con fermezza la giusta direzione politica”. Dopo i 10 nuovi divieti governativi sulle università, figurano anche le “sette regole” emesse nel 2013 per controllare la diffusione di notizie online.

    Altri divieti presenti nelle nuove linee guida dell’università di Sun Yat-sen includono “usare il cellulare durante le lezioni” e “entrare in classe dopo aver bevuto”. Tali nuove disposizioni di propongono l’obiettivo di “rafforzare gli standard professionali dei docenti, promuovere e infondere una buona morale di insegnamento e migliorare il senso di sacralità e ammirazione per l’insegnamento”.

    Molti professori che hanno osato criticare l’autorità comunista o i suoi leader sono stati puniti. Deng xiaochao, un professore d’arte della Shandong Jianzhu University, è stato costretto a licenziarsi per aver criticato l’ex leader comunista Mao Zedong sul social network Weibo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2012 CINA
    Per frenare scandali e corruzione, il Pcc vieta fiori e banchetti
    La nuova Commissione centrale del Politburo si riunisce e lancia una nuova campagna moralizzatrice per riguadagnare la stima della popolazione: basta allo sperpero di denaro pubblico per i tappeti rossi e le composizioni floreali in onore dei leader in viaggio. Ma il problema è la corruzione dilagante che colpisce a ogni livello il Partito e i suoi membri. Il Guangdong approva un regolamento anti-tangenti che non prevede meccanismi di controllo.

    19/05/2017 11:50:00 CINA
    Obor, sul mega progetto voluto da Xi Jinping l’ombra di corruzione e abusi ai diritti umani

    La corruzione non è solo il risultato di uno scambio di denaro. Essa emerge anche da una mancata trasparenza nel meccanismo di attuazione degli accordi. Da un governo che promuove repressione e abusi non è lecito aspettarsi il nuovo Vangelo. L’analisi di uno studioso cinese in esilio. Per gentile concessione di China Change.

     



    13/05/2017 08:50:00 CINA
    Con 'One belt, one road', la Nuova Via della Seta, la Cina dimostra la sua forza. Ma ne è capace?

    Xi Jinping porta avanti “dimostrazioni di forza” a livello economico e militare, ma molti dubitano che la Cina possa sostenere un simile carico finanziario. Per molti Paesi i grandi progetti in Asia centrale, in Asia del sud e nel Mar Cinese meridionale e orientale, nascondono sogni di egemonia molto pericolosa. Europa diffidente. Solo l'Italia partecipa all'incontro di "One belt, one road" a Pechino questo fine settimana. L’analisi dello studioso Willy Lam. Per gentile concessione di The Jamestown Foundation. Traduzione dall'inglese di AsiaNews.

     



    09/03/2017 15:12:00 CINA
    Wei Jinsheng: “Da liberale, Xi è divenuto un dittatore”

    L’atteggiamento di Xi porterà al collasso del regime comunista. Egli pensa di essere più forte di Mao Zedong, ma oggi come oggi, per Xi è del tutto impossibile ingannare i cinesi con il Marxismo-Leninismo. Una valutazione dei primi cinque anni di governo di Xi ad opera del grande dissidente.



    15/05/2017 12:05:00 CINA - INDIA
    La nuova Via della seta applaudita da 27 Paesi, sospettata da molti, boicottata dall'India

    New Delhi non ha partecipato al vertice di Pechino perché è contro il progetto del corridoio da 57 miliardi tra la Cina e il Pakistan che passa per il Kashmir. Il presidente Xi Jinping ha ottenuto la firma dell'accordo fra 27 Paesi per finanziare l'ambizioso piano infrastrutturale cinese. Egli garantisce "condivisione" e di non voler interferire nei modelli sociali dei Paesi interessati. Una nuova spinta alla globalizzazione.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®