25 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 12/01/2017, 09.14

    CINA

    Università del Guangzhou proibisce ai professori di criticare il Partito



    La prestigiosa università di Sun Yat-sen ha emesso 10 divieti per i docenti per "migliorare la qualità dell’insegnamento". I primi tre divieti sono “criticare la costituzione”, “criticare il Partito” e “diffondere religione e superstizione”.

     

     

    Pechino (AsiaNews) – La prestigiosa università Sun Yat-sen, considerata uno dei poli più liberali del Paese, ha proibito ai suoi docenti di criticare la costituzione e i leader del Partito comunista cinese (Pcc) in classe. Mercoledì, l’ufficio del rettore dell’università ha emesso una lista di 10 cose che ai docenti sarà proibito fare nelle classi. I primi tre divieti sono “criticare la costituzione”, “criticare il Partito” e “diffondere religione e superstizione”.

    Il mese scorso, il presidente cinese Xi jinping ha dichiarato la sua intenzione di trasformare le università in “roccaforti della leadership del Partito” il quale “sostiene con fermezza la giusta direzione politica”. Dopo i 10 nuovi divieti governativi sulle università, figurano anche le “sette regole” emesse nel 2013 per controllare la diffusione di notizie online.

    Altri divieti presenti nelle nuove linee guida dell’università di Sun Yat-sen includono “usare il cellulare durante le lezioni” e “entrare in classe dopo aver bevuto”. Tali nuove disposizioni di propongono l’obiettivo di “rafforzare gli standard professionali dei docenti, promuovere e infondere una buona morale di insegnamento e migliorare il senso di sacralità e ammirazione per l’insegnamento”.

    Molti professori che hanno osato criticare l’autorità comunista o i suoi leader sono stati puniti. Deng xiaochao, un professore d’arte della Shandong Jianzhu University, è stato costretto a licenziarsi per aver criticato l’ex leader comunista Mao Zedong sul social network Weibo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2012 CINA
    Per frenare scandali e corruzione, il Pcc vieta fiori e banchetti
    La nuova Commissione centrale del Politburo si riunisce e lancia una nuova campagna moralizzatrice per riguadagnare la stima della popolazione: basta allo sperpero di denaro pubblico per i tappeti rossi e le composizioni floreali in onore dei leader in viaggio. Ma il problema è la corruzione dilagante che colpisce a ogni livello il Partito e i suoi membri. Il Guangdong approva un regolamento anti-tangenti che non prevede meccanismi di controllo.

    18/01/2017 11:47:00 COREA DEL NORD
    Pyongyang: Un manuale di divieti per diplomatici e visitatori stranieri

    Regole sul “corretto” uso dei dispositivi fotografici e sulle molte restrizioni della libertà di movimento a cui diplomatici e visitatori sono sottoposti durante la loro permanenza in Corea del Nord. 



    30/01/2015 CINA
    Cina, il governo all'attacco: Basta libri di testo a favore dei valori occidentali
    Il ministro dell'Istruzione Yuan Guiren ha chiarito che nelle aule dei licei e delle università i libri di testo che promuovono valori "non cinesi" non sono e non saranno ammessi. Prima di lui anche il presidente Xi Jinping ha attaccato la libertà di pensiero. Docenti non asserviti al sistema vengono cacciati, licenziati o persino imprigionati.

    03/02/2017 12:50:00 CINA
    Xi Jinping vuole 50mila scuole di calcio entro il 2025

    Il governo vuole aumentare il numero di scuole calcio a 20mila entro l’anno. Il presidente cinese ha espresso il desiderio di vedere un giorno la Cina con una potenza calcistica.



    12/01/2017 15:21:00 STATI UNITI - CINA
    Tillerson pone le basi per un confronto con Pechino sulle Isole del mar Cinese meridionale

    Il segretario di Stato nominato: “Costruire isole e trasformarle in una risorsa militare è simile all’annessione russa della Crimea. È prendere territori altrui e reclamarli come propri”.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®