24 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/05/2017, 13.23

    VATICANO

    Vaticano: con cooperazione internazionale e controlli sono diminuite le attività economiche sospette



    Lo evidenzia l’Autorità di Informazione Finanziaria nel rapporto annuale sull’attività di informazione finanziaria e di vigilanza sia in ambito prudenziale, sia per la prevenzione e il contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Una più intensa cooperazione internazionale e l’incremento delle segnalazioni di attività sospette hanno caratterizzato il 2016 dell’Autorità di Informazione Finanziaria (AIF) della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, evidenziata nel rapporto annuale sull’attività di informazione finanziaria e di vigilanza, sia in ambito prudenziale, sia per la prevenzione e il contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, presentato oggi ai giornalisti.

    Fra i principali esiti del 2016, vi si afferma, vi sono stati: una significativa promozione della cooperazione internazionale dell’autorità competente del Vaticano con le sue controparti straniere nel contrasto delle attività finanziarie illecite e un consolidamento del sistema di segnalazione di attività sospette e del quadro regolamentare.

    “La cooperazione internazionale è condizione preliminare per contrastare i crimini finanziari ed il Vaticano è pienamente impegnato su questo fronte.”, ha affermato René Brülhart, presidente dell’AIF (a destra nella foto, insieme con di Ruzza). “Nel 2016 l’AIF ha registrato un incremento significativo della cooperazione bilaterale con le autorità competenti di altre giurisdizioni e continuerà ad essere un partner attivo per combattere le attività finanziarie illecite a livello globale”.

    “Il numero delle segnalazioni di attività sospette (SAS) da parte di diversi soggetti segnalanti è diminuito rispetto al 2015 (207 nel 2016, e 544 nel 2015). Ma il numero di SAS è stato comunque più elevato rispetto agli anni precedenti e indica una sempre crescente ed effettiva attuazione delle procedure di segnalazione da parte degli enti vigilati.”, ha affermato Tommaso di Ruzza, direttore dell’AIF. “Parallelamente, le SAS mostrano un miglioramento in termini di qualità con un impatto positivo sui rapporti inoltrati dall’AIF al Promotore di Giustizia Vaticano, dai quali sono scaturiti procedimenti penali, e sulla cooperazione internazionale con UIF estere, che ha avuto un notevole sviluppo”. Nel 2016, sono stati inoltrati 22 rapporti finalizzati allo volgimento di ulteriori indagini da parte dell’Autorità giudiziaria Vaticana. Il numero dei casi di cooperazione bilaterale fra AIF e UIF estere sono cresciuti da 81 nel 2013, a 113 nel 2014, a 380 nel 2015, ed a 837 nel 2016.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/12/2010 VATICANO
    Papa: nuove leggi per la trasparenza, l’onestà e la responsabilità in campo finanziario
    Benedetto XVI ha emanato disposizioni con le quali tutti gli enti connessi con il governo della Chiesa cattolica e con lo Stato della Città del Vaticano, vengono inseriti, in spirito di sincera collaborazione, nel sistema di principi e strumenti giuridici che la comunità internazionale sta edificando per il contrasto di attività illegali, come il riciclaggio di proventi di attività criminose e il finanziamento del terrorismo.

    18/07/2012 VATICANO
    Soddisfazione del Vaticano per la "promozione" dell'Europa alle sue misure antiriciclaggio
    Il rapporto Moneyval esprime un giudizio positivo soprattutto sulle misure antiriciclaggio e chiede di rafforzare il regime di vigilanza. Mons. Balestrero: "per la Santa Sede questo percorso rappresenta, anzitutto, un impegno morale e non strettamente tecnico". E' "un passo definitivo, ponendo le fondamenta di una 'casa'". "Ora vogliamo costruire compiutamente un "edificio" che dimostri la volontà della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano di essere un "partner" affidabile nella comunità internazionale".

    22/05/2013 VATICANO
    Il Vaticano prosegue l'azione per la prevenzione e il contrasto del riciclaggio
    Presentato il primo rapporto dell'Autorità di Informazione Finanziaria (AIF). Il sistema di controlli interni "va gradualmente migliorando": nel corso dell'anno, l'AIF ha ricevuto sei segnalazioni di "operazioni sospette", rispetto all'unica ricevuta l'anno precedente. Progressi nella cooperazione internazionale. Prevista per il 2013 l'attuazione delle raccomandazioni Moneyval.

    16/05/2013 VATICANO
    Papa: "il denaro deve servire e non governare"
    Rivolgendosi a un gruppo di ambasciatori, Francesco critica il ruolo che oggi hanno sulle persone e sulla società economia e finanza, che riducono l'uomo a consumatore e bene di consumo. Il rifiuto di Dio e dell'etica "considerata controproducente: come troppo umana, perché relativizza il denaro e il potere; come una minaccia, perché rifiuta la manipolazione e la sottomissione della persona".

    01/07/2011 VATICANO-FAO
    Papa: non si può speculare su chi ha fame
    Parlando ai partecipanti alla 37ma conferenza della Fao, Benedetto XVI sottolinea l’urgenza di un modello di sviluppo che a fianco dei problemi economici e delle soluzioni tecniche ponga la dimensione umana e quindi il principio di solidarietà. L’attenzione dovuta ai giovani e la tutela delle famiglie rurali.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®