23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/08/2008
VATICANO - INDIA
Vaticano: solidarietà alle vittime dell’Orissa. Vescovo indiano: Una vergogna per lo Stato
di Nirmala Carvalho
La Santa Sede chiede anche di ricostruire un clima di dialogo e di riconciliazione. Il card. Gracias, presidente dei vescovi indiani, accusa il governo di lentezze e la polizia di inefficacia. Dolore per la morte del fondamentalista indù Swami Laxamananda. “Diaboliche” le violenze contro suore e missionarie, che donano la vita per lo sviluppo sociale della popolazione. Sr Nirmala Joshi, succeduta a Madre Teresa: Non si può essere discepoli di Cristo senza pagarne il prezzo, che è la Croce.

Mumbai  (AsiaNews) – Il Vaticano ha espresso “solidarietà alle Chiese e congregazioni religiose” dell’India, fatti oggetto di “violenze” e chiede a tutti di ricostruire “un clima di dialogo e rispetto vicendevole”. L’appello alla riconciliazione viene accolto anche dalla Chiesa indiana e dalle suore di Madre Teresa, mentre nell’Orissa crescono le azioni di distruzione e incendi contro case, chiese e istituzioni cristiane.

La sala stampa della Santa Sede ha diramato oggi un comunicato in cui si riprovano “queste azioni che ledono la dignità e la libertà delle persone e compromettono la pacifica convivenza civile”.

Da Mumbai, il presidente della Conferenza episcopale dell’India, card. Oswald Gracias, con “dolore e tristezza” segue gli eventi dell’Orissa, ma punta anche il dito contro il governo: “Come è possibile – dice ad AsiaNews - che esso non abbia previsto in tempo la situazione e preso tutte le misure per fermare questo caos ricorrente?”. Il porporato ricorda che anche nel dicembre scorso sono accaduti fatti simili nella regione, con villaggi assediati, chiese bruciate e uccisi. Per il presidente dei vescovi indiani, questi episodi sono “una vergogna per la nostra patria, una macchia sull’immagine dell’India. La comunità internazionale rischia di vederci come un Paese dove il governo tarda ad intervenire e dove la polizia è inefficace”.

Il card. Gracias afferma di essere “triste” anche per la morte di Swami Laxamananda, la cui uccisione ha scatenato le violenze dei fondamentalisti indù, che affermano essere i cristiani i mandanti dell’assassinio. “La Chiesa indiana - continua - ha immediatamente condannato l’uccisione del Guruji. Ma la Chiesa non ha mai preso parte ad alcuna violenza. Queste vendette contro i cristiani sono pura follia”.

Il prelato definisce “barbari e perversi” gli atti che hanno portato alla morte una laica missionaria bruciata viva in un orfanotrofio e allo stupro di una suora. “Il personale religioso femminile – spiega - ha donato tutta la vita per promuovere lo sviluppo di quelle persone che le hanno assalite; le nostre suore hanno dato dignità a queste persone con i loro servizi sociali e sono state brutalizzate. Tutto ciò è davvero diabolico”.

Sr Nirmala Joshi, che è succeduta a Madre Teresa nella guida delle Missionarie della carità dice che “è doloroso che le persone che noi serviamo, a cui facciamo del bene, facciano queste cose… ma dobbiamo perdonare e andare avanti, con gli occhi fissi alla nostra missione”.

Un ospedale per anziani, tenuto dai Missionari della Carità è stato distrutto (per la seconda volta); alcune suore di Madre Teresa sono state prese a sassate. Sr Nirmala è in continuo contatto con loro.

“Papa Benedetto XVI ha detto che la beata Madre Teresa è stata una vera discepolo di Gesù Cristo.. Ma non c’è Gesù senza la croce. Non possiamo essere discepoli di Cristo, senza pagarne il prezzo, che è la Croce”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/09/2008 INDIA
Arcivescovo di Delhi: Violenze sui cristiani segnano la crisi della democrazia indiana
di Nirmala Carvalho
25/08/2008 INDIA
Vescovo dell’Orissa: Nazionalismo indù, “un cancro” dell’India
di Nirmala Carvalho
25/08/2008 INDIA
Orissa: violenze e distruzioni contro i cristiani, accusati di aver ucciso leader radicale indù
29/10/2008 INDIA
La Chiesa indiana ricorda p. Bernard Digal, martire della fede in Orissa
di Nirmala Carvalho
28/10/2008 INDIA
È morto p. Bernard Digal, l’India piange un nuovo martire dell'Orissa
di Nirmala Carvalho
Articoli del dossier
INDIA
La polizia indiana impone il silenzio alle suore di Madre Teresa
INDIA
P. Bernard: In Orissa, noi cristiani trattati peggio delle bestie
INDIA
Orissa: non c’è pace per i cristiani nemmeno nei campi di rifugio
INDIA
Giornata di preghiera e digiuno per i cristiani dell’Orissa, insieme a indù e musulmani
INDIA
Suore di Madre Teresa ancora sotto inchiesta per “sequestro di bambini”. Bruciata una chiesa
INDIA
India, suore di Madre Teresa assalite da radicali indù e arrestate dalla polizia
INDIA - VATICANO
Mons. Dabre: Fermare il fondamentalismo con il dialogo. Sull’esempio di Madre Teresa
INDIA
La Via crucis di p. Thomas in Orissa: Sono pronto a tornare e servire chi mi ha colpito
INDIA
Orissa: altre 6 chiese bruciate; centinaia di case distrutte
INDIA
Sr Nirmala Joshi: Gettiamo via le armi della violenza; la religione è opera di pace
INDIA
Pressioni sul presidente per fermare le violenze anti-cristiane in Orissa
INDIA
Orissa: migliaia di sfollati e nuove vittime, continua la strage dei cristiani
INDIA
India, chiuse 25mila scuole cattoliche per protesta contro i massacri in Orissa
INDIA
Solidarietà di indù e musulmani indiani ai cristiani dell’Orissa
INDIA
Orissa: uccidere i cristiani per fermare sviluppo e dignità di tribali e Dalit
INDIA
Fedeli uccisi, case e chiese bruciate, migliaia in fuga: il pogrom dei cristiani indiani (SCHEDA)
VATICANO
Papa: in India autorità religiose e civili operino per fermare la violenza
INDIA
Orissa: continuano incendi e razzie. Cristiani picchiati e tagliati a pezzi
INDIA
Orissa: indù bruciano case e chiese di cristiani. Tre morti per asfissia
INDIA
Orissa: suora bruciata viva da estremisti indù; un'altra stuprata
INDIA
Orissa: violenze e distruzioni contro i cristiani, accusati di aver ucciso leader radicale indù

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate