08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/08/2008, 00.00

    VATICANO - INDIA

    Vaticano: solidarietà alle vittime dell’Orissa. Vescovo indiano: Una vergogna per lo Stato

    Nirmala Carvalho

    La Santa Sede chiede anche di ricostruire un clima di dialogo e di riconciliazione. Il card. Gracias, presidente dei vescovi indiani, accusa il governo di lentezze e la polizia di inefficacia. Dolore per la morte del fondamentalista indù Swami Laxamananda. “Diaboliche” le violenze contro suore e missionarie, che donano la vita per lo sviluppo sociale della popolazione. Sr Nirmala Joshi, succeduta a Madre Teresa: Non si può essere discepoli di Cristo senza pagarne il prezzo, che è la Croce.

    Mumbai  (AsiaNews) – Il Vaticano ha espresso “solidarietà alle Chiese e congregazioni religiose” dell’India, fatti oggetto di “violenze” e chiede a tutti di ricostruire “un clima di dialogo e rispetto vicendevole”. L’appello alla riconciliazione viene accolto anche dalla Chiesa indiana e dalle suore di Madre Teresa, mentre nell’Orissa crescono le azioni di distruzione e incendi contro case, chiese e istituzioni cristiane.

    La sala stampa della Santa Sede ha diramato oggi un comunicato in cui si riprovano “queste azioni che ledono la dignità e la libertà delle persone e compromettono la pacifica convivenza civile”.

    Da Mumbai, il presidente della Conferenza episcopale dell’India, card. Oswald Gracias, con “dolore e tristezza” segue gli eventi dell’Orissa, ma punta anche il dito contro il governo: “Come è possibile – dice ad AsiaNews - che esso non abbia previsto in tempo la situazione e preso tutte le misure per fermare questo caos ricorrente?”. Il porporato ricorda che anche nel dicembre scorso sono accaduti fatti simili nella regione, con villaggi assediati, chiese bruciate e uccisi. Per il presidente dei vescovi indiani, questi episodi sono “una vergogna per la nostra patria, una macchia sull’immagine dell’India. La comunità internazionale rischia di vederci come un Paese dove il governo tarda ad intervenire e dove la polizia è inefficace”.

    Il card. Gracias afferma di essere “triste” anche per la morte di Swami Laxamananda, la cui uccisione ha scatenato le violenze dei fondamentalisti indù, che affermano essere i cristiani i mandanti dell’assassinio. “La Chiesa indiana - continua - ha immediatamente condannato l’uccisione del Guruji. Ma la Chiesa non ha mai preso parte ad alcuna violenza. Queste vendette contro i cristiani sono pura follia”.

    Il prelato definisce “barbari e perversi” gli atti che hanno portato alla morte una laica missionaria bruciata viva in un orfanotrofio e allo stupro di una suora. “Il personale religioso femminile – spiega - ha donato tutta la vita per promuovere lo sviluppo di quelle persone che le hanno assalite; le nostre suore hanno dato dignità a queste persone con i loro servizi sociali e sono state brutalizzate. Tutto ciò è davvero diabolico”.

    Sr Nirmala Joshi, che è succeduta a Madre Teresa nella guida delle Missionarie della carità dice che “è doloroso che le persone che noi serviamo, a cui facciamo del bene, facciano queste cose… ma dobbiamo perdonare e andare avanti, con gli occhi fissi alla nostra missione”.

    Un ospedale per anziani, tenuto dai Missionari della Carità è stato distrutto (per la seconda volta); alcune suore di Madre Teresa sono state prese a sassate. Sr Nirmala è in continuo contatto con loro.

    “Papa Benedetto XVI ha detto che la beata Madre Teresa è stata una vera discepolo di Gesù Cristo.. Ma non c’è Gesù senza la croce. Non possiamo essere discepoli di Cristo, senza pagarne il prezzo, che è la Croce”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2008 INDIA
    Arcivescovo di Delhi: Violenze sui cristiani segnano la crisi della democrazia indiana
    Mons. Vincent Concessao sottolinea che l’estremismo indù nega non solo i diritti delle minoranze, ma la convivenza e il rispetto dei diritti umani, mettendo in crisi i pilastri costituzionali del Paese. A Delhi i radicali indù hanno occupato il giardino della chiesa cattolica di Trilokpuri perché vogliono costruirvi un tempio.

    25/08/2008 INDIA
    Vescovo dell’Orissa: Nazionalismo indù, “un cancro” dell’India
    Mons. Raphael Cheenath, arcivescovo di Cuttack-Bubaneshwar parla della situazione della sua Chiesa, dopo i nuovi attacchi contro chiese, auto e persone in Orissa. C’è un legame fra l’ideologia nazionalista indù e il nazismo. Ma il cristianesimo ha ormai “profonde radici” e la Chiesa è “luce” per molti tribali e fuori casta.

    25/08/2008 INDIA
    Orissa: violenze e distruzioni contro i cristiani, accusati di aver ucciso leader radicale indù
    Chiese, cappelle, un centro sociale e un centro pastorale, oltre a pulmini delle suore sono stati distrutti. La nuova ondata di violenze segue l’assassinio di Swami Laxanananda, principale responsabile di un guerra contro i cristiani dell’Orissa, che nel dicembre scorso ha prodotto 3 morti e 13 chiese bruciate.

    29/10/2008 INDIA
    La Chiesa indiana ricorda p. Bernard Digal, martire della fede in Orissa
    Mons, Cheenat, arcivescovo di Cuttack- Bhubaneshwar, sottolinea l’opera “instancabile” a favore dei “cristiani perseguitati” e la sua devozione per la Madonna. I confratelli ribadiscono le “virtù e la capacità di perdonare i suoi persecutori”. Venerdì 31 ottobre l’ultimo saluto della comunità al prete ucciso.

    28/10/2008 INDIA
    È morto p. Bernard Digal, l’India piange un nuovo martire dell'Orissa
    Il religioso era stato assalito la notte del 25 agosto da una folla di fondamentalisti indù che lo ha picchiato e abbandonato nella foresta per una notte intera. Ieri i polmoni hanno collassato ed è entrato in coma. Al suo capezzale mons. Raphael Cheenath.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®