18/04/2014, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Venerdì Santo in Pakistan: digiuno e preghiera per Asia Bibi, Sawan Masih e le vittime della blasfemia

di Jibran Khan
Comunità cristiana e società civile vicine alle vittime della “legge nera”. La solidarietà del vescovo di Islamabad. Attivista musulmano: uniti ai “nostri fratelli e sorelle cristiani nelle celebrazioni del Venerdì Santo”. Appello al governo: “serie iniziative per combattere l’intolleranza e l’abuso”.

Islamabad (AsiaNews) - "Preghiamo in modo speciale per Sawan Masih e Asia Bibi, entrambi nel braccio della morte in base all'accusa di blasfemia. Ci rivolgiamo alla comunità dei fedeli, perché si uniscano a noi nella preghiera per gli emarginati e oppressi". È quanto afferma ad AsiaNews mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad/Rawalpindi, che invita i fedeli a celebrare un Venerdì Santo di digiuno e preghiera per tutte le vittime della "legge nera". Le minoranze religione in Pakistan sono oggetto di persecuzione e discriminazione a causa della loro fede; oggi, in modo particolare, la comunità cristiana, assieme alla società civile e ai vertici della Chiesa, esprime la propria protesta pacifica contro condanne a morte basate su false accuse e dissapori personali. 

Asia Bibi, dal novembre 2010 nel braccio della morte, sottoposta a regime di isolamento in carcere per motivi di sicurezza, è ormai da tempo un simbolo della lotta contro la "legge nera". Il 26enne cristiano Sawan Masih, originario di Lahore, è stato invece condannato in primo grado, dietro false accuse che in realtà celano dissapori personali con la persona che lo ha denunciato. La sua vicenda aveva dato origine a un attacco mirato contro la minoranza residente nella Joseph Colony di Lahore, con centinaia di case e due chiese date alle fiamme dagli estremisti islamici.

Asia Bibi e Sawan Masih trascorreranno le feste di Pasqua lontani dalle loro famiglie, strappate ai loro affetti per una norma che è diventata nel tempo un pretesto per colpire le minoranze. 

Mirza Asad Khan, attivista musulmano, si unisce "ai nostri fratelli e sorelle cristiani nelle celebrazioni del Venerdì Santo, col digiuno e la preghiera per costruire assieme un cammino di pace". Chiediamo al governo, aggiunge, "serie iniziative per combattere l'intolleranza e l'abuso delle leggi sulla blasfemia". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nella Passione di Cristo, il riscatto delle sofferenze dei cristiani pakistani
07/04/2012
Abu Dabhi, Cattolici filippini in pellegrinaggio alle 7 chiese, sfidando deserto e distanze
22/04/2011
In Thailandia cattolici e musulmani uniti dalla Croce
25/03/2005
Vaticano: "La presenza dei cristiani in Terra Santa, fondamentale per la pace"
14/03/2006
Alta corte di Mumbai: il Venerdì Santo è festa. Mons. Mascarenhas: La Chiesa ha vinto
16/04/2019 09:01