30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  •    - Armenia
  •    - Azerbaijan
  •    - Georgia
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/06/2012, 00.00

    ASIA

    Vescovi asiatici ai leader globali: Fermate il traffico d’armi

    Santosh Digal

    La Federazione delle conferenze episcopali asiatiche (Fabc) esorta i capi di Stato a firmare il trattato multilaterale Onu sulla regolamentazione del commercio internazionale di armi convenzionali (Arms Trade Treaty). La spesa militare globale e il traffico di armi è di 1000 miliardi di dollari l’anno.

    New Delhi (AsiaNews) - Il traffico d'armi è "la prima causa di violazioni dei diritti umani" e per fermarlo "i vescovi dell'Asia devono esortare i leader di tutto il mondo a firmare l'Arms Trade Treaty". È l'appello che mons. Charles Bo, arcivescovo di Yangon (Myanmar) e presidente dell'ufficio per lo Sviluppo umano della Federazione delle conferenze episcopali asiatiche (Fabc) rivolge a tutti i prelati asiatici. Dal 2 al 27 luglio prossimi a New York, le potenze globali negozieranno l'adesione all'Arms Trade Treaty (Att), un trattato multilaterale voluto dalle Nazioni Unite, che dovrebbe regolare il commercio internazionale di armi convenzionali.

    La campagna lanciata dalla Fabc per la sottoscrizione dell'Att si articola nei seguenti punti: nessuna arma per atrocità, genocidi o violenze contro l'umanità; nessuna arma per la violazione dei diritti umani; trasparenza nel commercio; responsabilità e rispetto verso lo sviluppo sostenibile e la coesistenza pacifica.

    "Alcuni governi - spiega mons. Bo - investono di più in armamenti che in sviluppo sociale, infrastrutture e sanità. La spesa militare globale e il traffico di armi è di 1000 miliardi di dollari l'anno". Nel comunicato, l'arcivescovo sottolinea che il possesso, la produzione e il traffico di armi hanno profonde implicazioni etiche e sociali. "Per questo - aggiunge - deve esserci una regolamentazione che tenga conto dei principi di ordine morale e legale. Ogni pistola, nave da guerra o razzo - aggiunge - rappresenta un furto a quanti hanno fame e non hanno di che sfamarsi; a chi ha freddo, e non ha vestiti".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2009 ITALIA-G8
    I vescovi del G8 ai presidenti dei Paesi ricchi, non siano i poveri a pagare per la crisi
    Le conferenze episcopali dei Paesi del G8 chiedono ai leader dei Paesi più avanzati di prendere “iniziative condivise” per mantenere gli impegni presi a favore dei Paesi in via di sviluppo, proseguire nelle iniziative di peacekeeping e per non permettere ulteriori cambiamenti climatici, che i poveri vanno aiutati ad affrontare.

    14/08/2009 ASIA
    Vescovo Menamparampil: per vivere la fede la Chiesa in Asia deve essere missionaria
    L’intervento del vescovo indiano alla IX Plenaria della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (Fabc) in corso a Manila. L’Eucaristia e la Parola di Dio “sono la vera risorsa della nostra forza incrollabile”. Le comunità cristiane del continente hanno bisogno di persone animate da “una fede personale e profonda” che apre alle sfide della realtà quotidiana.

    12/08/2009 ASIA
    Vescovi dell’Asia: Eucaristia e “Chiesa locale”, fondamenti della missione nel continente
    A Manila, la nona plenaria della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche. 137 delegati, tra cardinali, vescovi e sacerdoti, in rappresentanza di 23 Paesi, si ritrovano dal 10 a 16 agosto sul tema “Vivere l’Eucaristia in Asia”.

    18/05/2006 THAILANDIA - ASIA
    Vescovi asiatici: Cristo e non la carriera sia l'ideale di sacerdoti e seminaristi

    Nel corso dei lavori della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche, il segretario generale mons. Quevedo invita il clero "ad imitare Cristo contro il carrierismo" ed a essere "la Sua viva testimonianza nella formazione dei seminaristi".



    25/03/2004 filippine - asia
    Mons. Quevedo: famiglia asiatica minacciata dalla globalizzazione




    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®