18 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/06/2012
ASIA
Vescovi asiatici ai leader globali: Fermate il traffico d’armi
di Santosh Digal
La Federazione delle conferenze episcopali asiatiche (Fabc) esorta i capi di Stato a firmare il trattato multilaterale Onu sulla regolamentazione del commercio internazionale di armi convenzionali (Arms Trade Treaty). La spesa militare globale e il traffico di armi è di 1000 miliardi di dollari l’anno.

New Delhi (AsiaNews) - Il traffico d'armi è "la prima causa di violazioni dei diritti umani" e per fermarlo "i vescovi dell'Asia devono esortare i leader di tutto il mondo a firmare l'Arms Trade Treaty". È l'appello che mons. Charles Bo, arcivescovo di Yangon (Myanmar) e presidente dell'ufficio per lo Sviluppo umano della Federazione delle conferenze episcopali asiatiche (Fabc) rivolge a tutti i prelati asiatici. Dal 2 al 27 luglio prossimi a New York, le potenze globali negozieranno l'adesione all'Arms Trade Treaty (Att), un trattato multilaterale voluto dalle Nazioni Unite, che dovrebbe regolare il commercio internazionale di armi convenzionali.

La campagna lanciata dalla Fabc per la sottoscrizione dell'Att si articola nei seguenti punti: nessuna arma per atrocità, genocidi o violenze contro l'umanità; nessuna arma per la violazione dei diritti umani; trasparenza nel commercio; responsabilità e rispetto verso lo sviluppo sostenibile e la coesistenza pacifica.

"Alcuni governi - spiega mons. Bo - investono di più in armamenti che in sviluppo sociale, infrastrutture e sanità. La spesa militare globale e il traffico di armi è di 1000 miliardi di dollari l'anno". Nel comunicato, l'arcivescovo sottolinea che il possesso, la produzione e il traffico di armi hanno profonde implicazioni etiche e sociali. "Per questo - aggiunge - deve esserci una regolamentazione che tenga conto dei principi di ordine morale e legale. Ogni pistola, nave da guerra o razzo - aggiunge - rappresenta un furto a quanti hanno fame e non hanno di che sfamarsi; a chi ha freddo, e non ha vestiti".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/06/2009 ITALIA-G8
I vescovi del G8 ai presidenti dei Paesi ricchi, non siano i poveri a pagare per la crisi
14/08/2009 ASIA
Vescovo Menamparampil: per vivere la fede la Chiesa in Asia deve essere missionaria
di Santosh Digal
12/08/2009 ASIA
Vescovi dell’Asia: Eucaristia e “Chiesa locale”, fondamenti della missione nel continente
di Santosh Digal
18/05/2006 THAILANDIA - ASIA
Vescovi asiatici: Cristo e non la carriera sia l'ideale di sacerdoti e seminaristi
16/08/2004 ASIA FABC - corea del sud
Famiglia, sfida pastorale per la chiesa in Asia

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate