21 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/06/2012
INDONESIA – FILIPPINE
Vescovi e laici in Indonesia in prima fila nella lotta contro la corruzione
di Mathias Hariyadi
A Jakarta una tre giorni di seminario promossa dalla Conferenza episcopale insieme alla Fondazione Bhumiksara. Come nel 2011, a guidare l’evento l’esperto filippino Ronnie V. Amorado, direttore dell’osservatorio EheM!, fondato dai gesuiti. Un modello in quattro punti e una rete di gruppi per monitorare il fenomeno corruzione e favorire il buongoverno.

Jakarta (AsiaNews) - La gerarchia ecclesiastica indonesiana e i movimenti laici hanno lanciato una campagna contro la corruzione nel Paese e all'interno della Chiesa stessa. In prima linea nell'iniziativa la Conferenza episcopale e la Fondazione Bhumiksara, che a distanza di oltre un anno dal primo appuntamento (cfr. AsiaNews 06/04/2011 Cattolici indonesiani, educare i giovani alla fede per combattere la corruzione) hanno organizzato in settimana a Jakarta un seminario di tre giorni intitolato "Ethical Leadership Workshop". A guidare l'evento, come nel 2011, è stato Ronnie V. Amorado, direttore dell'osservatorio filippino contro la corruzione EheM!, fondato dai padri gesuiti e attivo nella lotta contro il fenomeno in tutta l'area del Sud-est asiatico.

I promotori dell'evento spiegano che il seminario è nato e si è sviluppato a partire da una domanda di base: qual è il punto iniziale dal quale deve partire un movimento, o un ente, per promuovere una "guerra" contro la corruzione. Per rispondere in modo concreto al quesito, i partecipanti - in tutto 33 fra cui sacerdoti, studiosi, uomini d'affari e membri della società civile - hanno sottolineato l'esigenza di promuovere "buone abitudini" fra cui una governance e l'amministrazione della "cosa pubblica" all'insegna dell'onestà e della trasparenza.

Fra le iniziative prese durante la tre giorni, vi è il proposito di creare gruppi di lavoro collegati fra loro in una rete che si propone di "creare" modelli di lotta alla corruzione. Un movimento strategico, sostenuto con forza dalla Conferenza episcopale indonesiana (Kwi) in collaborazione con i responsabili della Fondazione Bhumiksara, ong fondata dal defunto sacerdote gesuita AM Kuylaars Kadarman Sj insieme a un gruppo di laici circa 20 anni fa. Nel suo intervento, l'attivista Ronnie V. Amorado ha presentato un modulo in quattro parti adottato dalla sua associazione nelle Filippine per combattere la corruzione: esperienza di prima mano, analisi, riflessione e azione.

La corruzione è uno dei più gravi problemi dell'Asia e in Paesi come Indonesia, Cambogia, Cina, Vietnam e Filippine è diffusa non solo nel settore pubblico e delle grandi aziende, ma anche a livello locale e costa agli Stati miliardi di euro. I governi di questi Paesi annunciano ogni anno nuove commissioni per combattere il problema, che però si tramutano a loro volta in espedienti per permettere a una parte politica di portare avanti i propri interessi.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/12/2012 INDONESIA
A Natale i cattolici indonesiani rilanciano la lotta contro la corruzione
di Mathias Hariyadi
06/11/2012 INDONESIA
Jakarta, cattolici indonesiani lanciano un movimento di massa anti-corruzione
di Mathias Hariyadi
27/01/2009 FILIPPINE
Vescovi filippini: combattere la corruzione e aiutare i contadini
di Santosh Digal
15/06/2010 FILIPPINE
Vescovi filippini contro l’apertura di nuovi casinò: “sono la porta della corruzione”
di Jekki Bryan D. Pascual
11/08/2009 FILIPPINE
Manila, la terra ai contadini poveri. Una battaglia – vinta – dei vescovi filippini
di Santosh Digal

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate