23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/12/2014, 00.00

    FILIPPINE

    Vescovi filippini con papa Francesco: Ogni cristiano fermi la "moderna schiavitù"



    Il presidente della Conferenza episcopale riprende la Dichiarazione firmata dal pontefice insieme ad alcuni leader religiosi mondiali. Mons. Villegas ricorda: "Gesù è morto sulla croce anche per liberare il suo popolo da quel male che va a caccia di ogni umana debolezza e della vulnerabilità del singolo e della società".

    Manila (AsiaNews/Cbcp) - "È compito di ogni cristiano fare di tutto per impedire che qualcuno sia vittima del traffico umano e per salvare quanti sono caduti nella tratta, affinché possano riprendere a vivere insieme alla propria famiglia, agli amici e alla comunità". Nella sua ultima lettera pastorale come presidente della Conferenza episcopale filippina (Cbcp), mons. Socrates B. Villegas riprende la Dichiarazione contro la schiavitù firmata da papa Francesco e da leader religiosi mondiali.

    Il prelato, vescovo di Lingayen-Dagupan, sottolinea che la carità e la compassione richiedono che "i cristiani esercitino ogni sforzo per liberare i trafficanti di esseri umani dai motivi e dalle seduzioni che li spingono verso il loro commercio illecito, per riportarli ad attività buone e benefiche".

    Riflettendo su un passaggio della Bibbia (Gen 4:19), in cui il Signore chiede a Caino dove sia Abele, suo fratello, Villegas domanda ai suoi fedeli: "Dove sono quei vostri fratelli e sorelle resi schiavi? Dove sono quei vostri fratelli e sorelle che ogni giorno uccidete nei magazzini clandestini, nelle spire della prostituzione, nello sfruttamento del lavoro in nero? Dove sono quei bambini usati per chiedere l'elemosina?".

    "Il Signore - ricorda il presidente della Cbcp - è morto sulla croce per liberare il suo popolo non solo dalle catene del peccato, ma anche da quel male che va a caccia di ogni umana debolezza e della vulnerabilità del singolo e della società".

    Secondo una stima dell'International Labour Organization (Ilo), ogni anno 1 milione di filippini (uomini e donne) emigrano in cerca di lavoro. Al momento sono 10 milioni le persone che vivono e lavorano all'estero. Un "numero significativo" è soggetto a condizioni di lavoro forzato in fabbriche, cantieri, pescherecci, piantagioni. In Asia e in Medio oriente, molti lavorano come dipendenti domestici, subendo spesso abusi fisici e sessuali.

    Anche all'interno del Paese il traffico umano resta un grave problema. Le Filippine sono una delle principali mete per il turismo sessuale, soprattutto di ragazze e bambini. Inoltre, il lavoro minorile è una piaga diffusa: nel 2009 un rapporto governativo ha stimato che più di 2,2 milioni di ragazzi tra i 15 e i 17 anni costretti a lavorare.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/07/2017 12:12:00 FILIPPINE
    Traffico di esseri umani in Asia: si mobilitano le donne di diverse religioni

    Per la prima volta il ruolo delle donne è evidenziato come chiave per impedire il traffico dei nuovi schiavi. Sono quasi 45 milioni le vittime della tratta in tutto il mondo, di cui quasi due terzi provenienti dall'Asia. Per Sr. Cecilian Espenilla di Talitha Kum, un'organizzazione di donne cattoliche, la schiavitù moderna è contraria a tutte le tradizioni religiose, è un crimine contro l'umanità ed è una grave offesa contro Dio.



    10/04/2014 VATICANO
    Papa: la tratta di esseri umani, "una piaga nel corpo dell'umanità contemporanea"
    Francesco ha ricevuto i partecipanti alla II conferenza internazionale Combating Human Trafficking: Church and Law Enforcement in partnership. "Sono qui riunite autorità di polizia, impegnate soprattutto a contrastare questo triste fenomeno con gli strumenti e il rigore della legge; e insieme operatori umanitari, il cui compito principale è di offrire accoglienza, calore umano e possibilità di riscatto alle vittime".

    24/06/2016 11:30:00 FILIPPINE
    La tratta di esseri umani “è il più crudele dei crimini. Ma non va punito con il patibolo”

    Il presidente della Commissione episcopale filippina per i migranti e gli itineranti, mons. Ruperto Santos, risponde al nuovo governo che vuole includere il traffico di uomini nella lista dei reati punibili con la morte. Il traffico “è un atto barbarico che viola la natura stessa dell’uomo. Ma lo si combatte con indagini serie e punizioni severe, fino all’ergastolo. Nessun uomo può uccidere un altro uomo in nome della legge”.



    25/06/2014 THAILANDIA
    Traffico di esseri umani, la Thailandia di nuovo fra i peggiori Paesi al mondo
    Il Rapporto 2014 del Dipartimento di Stato Usa declassa il Paese asiatico, che lo scorso anno invece aveva mostrato miglioramenti. Per il documento gli sforzi mostrati da Bangkok sono stati "insufficienti" data l'entità del problema e il coinvolgimento di civili corrotti e ufficiali dell'esercito "conniventi".

    29/10/2007 NEPAL
    Un progetto contro il traffico di esseri umani
    Dal 1992 la Caritas in Nepal lotta contro il traffico di esseri umani. Un flagello in aumento, spesso favorito dagli stessi parenti e spacciato per “lavoro”. Una serie di incontri a ogni livello per sensibilizzare sul problema i giovani, cattolici e non.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®