08/02/2005, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Vescovi filippini: no a uno sviluppo contrario a uomo e ambiente

Manila (AsiaNews) – I vescovi delle Filippine si schierano in difesa delle fasce più povere della  popolazione minacciate da uno sfruttamento selvaggio delle risorse minerarie. È quanto scrive mons. Fernando Capalla, presidente della Conferenza episcopale delle Filippine (CBCP), in una lettera ufficiale al presidente Gloria Macapagal Arroyo.

La dichiarazione di mons. Capalla, arcivescovo di Davao, risponde alla decisone del presidente Arroyo di incentivare gli investimenti esteri nel settore minerario. Tali progetti, secondo la Arroyo, aiuterebbero ad alleviare la piaga della povertà che affligge il paese. Per questo aveva promosso il Mining Act, una legge del 1995 che favorisce lo sfruttamento del sottosuolo. Lo scorso dicembre in senato è stato presentato un disegno di legge che chiede l'abrogazione del Mining Act "per evitare ulteriori danni ambientali". 

Nella sua missiva mons. Capalla afferma: "Sarebbe uno spreco non usare le risorse del territorio a favore dei filippini, ma utilizzarle in modo scorretto sarebbe uno spreco ancora più grande". Pur dichiarandosi favorevole al potenziamento del settore minerario, il presidente della CBCP aggiunge che il governo "deve riconsiderare i costi ecologici e sociali dello sviluppo economico".

Della stessa opinione anche il vescovo di Dipolog, mons. Jose Manguiran. Secondo il vescovo operazioni senza scrupolo potrebbero creare  "tensioni sociali tra gli strati sociali più bassi", cioè le popolazioni indigene. Nelle Filippine molti depositi minerari non sfruttati si trovano in zone popolate da indigeni, come la Cordigliera centrale nell'isola di Luzon.

Mons. Capalla ha chiesto alla Arroyo di "prendere in considerazione" il rapporto delle Commissioni episcopali "Giustizia e pace" e quella delle "Popolazioni indigene". Il documento elenca le illegalità e i soprusi che accompagnano lo sfruttamento selvaggio in campo minerario a danno della comunità dei tribali e dell'ambiente.

L'arcivescovo di Davao e le due commissioni hanno avanzato alcune richieste specifiche per controllare che le compagnie estere rispettino gli standard sindacali e per rendere trasparenti tutte le operazioni nel settore.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sciopero della fame di Chiesa e tribali contro le miniere del Mindoro
19/11/2009
Tuguegarao, l’arcidiocesi chiede indagini rapide sull’assassinio di p. Ventura
30/04/2018 13:07
Cagayan, assassinato p. Mark Ventura, difensore dei tribali contro le miniere
29/04/2018 18:55
Filippine: vescovi chiedono ai fedeli di opporsi allo sfruttamento minerario
16/05/2005
Vescovi delle Filippine: l'attuale sistema minerario "distrugge la vita"
01/02/2006