02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/06/2012, 00.00

    INDIA

    Vescovo del Karnataka: Dal Sacro Cuore, la nostra missione tra i dalit

    Henry D’Souza*

    Per mons. D’Souza, la diocesi di Bellary fonda il suo apostolato sull’educazione e sulla sanità, per valorizzare la dignità della sua popolazione. Una testimonianza del vescovo, in occasione della celebrazione del Sacro Cuore di Gesù.

    Bellary (AsiaNews) - Oggi la Chiesa cattolica celebra la solennità del Sacro Cuore di Gesù. Per l'occasione, mons. Henry D'Souza, vescovo della diocesi di Bellary (Karnataka), ha raccontato ad AsiaNews come la Chiesa locale testimonia "l'amore e la compassione di Cristo", attraverso l'apostolato dell'educazione e della sanità, occupandosi soprattutto di donne e bambini.

    L'amore e la compassione di Cristo ci esortano a servire i più poveri tra i poveri, i dalit e gli analfabeti; chi non ha un lavoro, né una casa; le donne vittime di abusi e le bambine della diocesi di Bellary. Tutti loro sono vicini al Sacro Cuore di Gesù. E grazie all'amore profuso da esso, questa diocesi ha fatto grandi passi in avanti per la valorizzazione e lo sviluppo integrale di tutti loro.

    Queste persone sono per lo più dalit, e tre dei nostri distretti - Bellary, Koppal e Raichur - sono tra i più poveri di tutto il Karnataka. La Chiesa deve affrontare molte sfide, e interviene per promuovere la salute della madre e del bambino; eliminare il lavoro minorile; valorizzare la donna; sensibilizzare sul problema del virus Hiv/Aids; sradicare la povertà; promuovere l'educazione. le nostre suore lavorano soprattutto con le donne sieropositive, aiutandole nelle cure e nel reinserimento sociale.

    La popolazione della zona vive una grande arretratezza economica, e donne e bambini sono le categorie più vulnerabili, anche dal punto di vista sociale. Negli anni, il dilagare dell'industraia mineraria, i cui operatori spesso non rispettano le leggi, ha aggravato questa situazione. Inoltre, di recente l'area è stata colpita da una grave siccità, che ha peggiorato le già cattive condizioni igieniche.

    L'apostolato dell'educazione è il più importante per la Chiesa di Bellary. Esso cerca di valorizzare i più poveri, soprattutto i bambini, per portare un cambiamento nelle loro vite. La diocesi di occupa anche di insegnare loro dei mestieri e sviluppare le loro capacità. Questo aumenta la stima in se stessi, e aiuta i più piccoli ad avere dignità e coraggio.

    Le famiglie sono sempre vicine al Sacro Cuore di Cristo. Il mese scorso, nella parrocchia di Hirenaganoor, 21 coppie si sono sposate in una cerimonia di gruppo. Quando si tratta di famiglie molto povere, la diocesi si occupa di tutti i preparativi. Questo era il secondo matrimonio di gruppo organizzato dalla parrocchia, e più di 5mila persone hanno partecipato alla celebrazione e al banchetto nuziale. Il contributo economico di alcuni generosi benefattori ha alleggerito le spese.

    In questi distretti, si sente il bisogno di maggior dialogo interreligioso. Come leader religiosi, dobbiamo lavorare insieme per promuovere il rispetto del credo e dei luoghi di culto di tutti. Non c'è spazio per la violenza in nome della religione. Solo un'India in pace può garantire dignità e prosperità a tutti i suoi cittadini. La violenza e l'odio possono solo esaurire le energie e ridurre le risorse.

    I nostri sforzi devono sostenere il pluralismo religioso del Paese e l'unità nella diversità. Possa Dio, il Padre di tutti, benedire questa grande nazione e tutto il suo popolo!

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

     

    *vescovo della diocesi di Bellary.

     


    Un rapporto di Human Rights Watch ha denunciato la totale mancanza di rispetto delle leggi da parte degli operatori del settore, incuranti dell'inquinamento delle acque e dello sfruttamento della popolazione. La situazione più grave si registra soprattutto nel Karnataka e a Goa.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/07/2011 INDIA
    Card. Gracias: La missione della Chiesa indiana sgorga dal Sacro Cuore
    Il cardinale di Mumbai mostra ciò che sta alla base dell’impegno dei cattolici nelle 25 mila scuole; nei 700 e più ospedali, case per lebbrosi, tubercolotici, malati di Aids. Le famiglie consacrano la loro casa al Sacro Cuore e sacerdoti e seminaristi sono invitati a seguire l’amore e la compassione di Gesù nella loro missione.

    10/09/2010 INDIA
    Vescovi indiani: scuole cattoliche aiutino i giovani poveri dei loro quartieri
    In un documento si chiede a tutti gli istituti cattolici di identificare i ragazzi in età scolare con difficoltà economiche e dare loro gratis un’educazione. L’educazione dei poveri è una delle 10 strategie promosse dalla Commissione, per combattere la povertà in India.

    03/05/2016 11:17:00 MALAYSIA
    Kampar: la cucina per i poveri, “piccolo segno della presenza di Dio”

    In occasione del Giubileo della misericordia la parrocchia del Sacro Cuore ha coinvolto fedeli, professori e studenti universitari nella preparazione di 200 pasti ogni sabato. Il cibo viene distribuito al mercato, dove i più poveri della città si mettono in fila per riceverne. P. Tan, ideatore dell’iniziativa: “Gli occhi dei volontari sono aperti sul bisogno dell’altro. Quelli che vengono una volta chiedono di tornare, anche i non cattolici”.

     



    23/11/2010 INDONESIA
    Sumatra: autorità locali chiudono senza spiegazioni una scuola cattolica
    L’istituto è gestito dalle Suore francescane del Cuore di Maria e Gesù e ha oltre 400 studenti, che in caso di chiusura salteranno l’anno scolastico. Il provvedimento non ha fondamento legale e per protesta le suore hanno scritto una petizione inviata a tutte le autorità, compreso il presidente indonesiano.

    25/08/2010 INDIA
    Sacerdote indù: Madre Teresa un esempio di amore per tutti noi
    Swami Shantatamanda ha conosciuto Madre Teresa 15 anni fa, poco prima della sua morte. Di lei ricorda la semplicità, l’amore verso i più poveri e conserva ancora un piccolo foglio con alcune preghiere scritte dalla religiosa. Membro di un'organizzazione filantropica indù, il sacerdote promuove il dialogo interreligioso attraverso l’aiuto ai bisognosi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®