26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/08/2008, 00.00

    INDIA

    Vescovo dell’Orissa: Nazionalismo indù, “un cancro” dell’India

    Nirmala Carvalho

    Mons. Raphael Cheenath, arcivescovo di Cuttack-Bubaneshwar parla della situazione della sua Chiesa, dopo i nuovi attacchi contro chiese, auto e persone in Orissa. C’è un legame fra l’ideologia nazionalista indù e il nazismo. Ma il cristianesimo ha ormai “profonde radici” e la Chiesa è “luce” per molti tribali e fuori casta.

    Bubaneshwar (AsiaNews) – Il nazionalismo indù, che sta fomentando attacchi contro i cristiani, è un vero e proprio “cancro” che mette in crisi la convivenza fra comunità, che è alla base della società indiana. Le radici di questo nazionalismo – soprattutto attraverso la Rss (Rashtriya Swayamsevak Sangh, Organizzazione dei volontari nazionalisti) si possono trovare nel nazismo hitleriano. Mentre i suoi sacerdoti sono in fuga per salvarsi dalle folle di fanatici che stanno dando la caccia ai cristiani, l’arcivescovo di Bubaneshwar afferma: la Croce ha ormai radici molto profonde in Orissa…La Chiesa sarà luce per molte generazioni a venire”.

    Mons. Raphael Cheenath, verbita, arcivescovo di Cuttack-Bubaneshwar (Orissa) racconta ad AsiaNews la situazione dei suoi fedeli, dopo gli attacchi di questi ultimi due giorni da parte di radicali indù a chiese, centri sociali e pastorali, parrocchie e conventi:

    “P. Thomas, il direttore del nostro centro pastorale è nascosto nella foresta e guarda piangente e triste il centro pastorale che sta bruciando. Poco prima dell’attacco mi ha telefonato e gli ho detto: Prega e stai attento”, ma poi ha visto tutta la folla che arrivava e hanno dovuto fuggire nella foresta per salvarsi la vita. Il centro pastorale ci era costato oltre 15 milioni di rupie”.

    La nuova ondata di distruzioni è avvenuta dopo l’uccisione del leader radicale indù Swami Laxanananda, avvenuta il 23 agosto, di cui sono stati accusati i cristiani. “Noi cristiani – continua il vescovo – rifiutiamo la violenza e condanniamo ogni atto di violenza e terrorismo. E siamo anche contrari a coloro che vogliono farsi giustizia da sé. Appena saputa la notizia dell’assassinio di Swami Laxamananda Saraswati e di altri 5 suoi seguaci, ho diffuso una mia dichiarazione in cui condannavo con forza il vile attacco e le uccisioni. Ho chiesto a tutti di rimanere pacifici e in armonia. Noi vogliamo relazioni di amicizia con tutte le comunità”.

    Notizie di nuove violenze continuano a giungere da tutta la diocesi: una cappella bruciata a Sundergarh, un veicolo delle suore distrutto  a G. Udayagir,…

    “Siamo totalmente abbandonati. Questa mattina le autorità hanno mandato qui 3 poliziotti per vigilare il convento delle suore e la casa del vescovo. Non hanno neanche un bastone: come potranno proteggerci dalla furia della folla?”.

    Per mons. Cheenath l’origine di queste violenze contro i cristiani (e musulmani) sta nell’ideologia costruita attorno all’Rss (che ispira anche molti gruppi fanatici, legati politicamente al Bjp (Bharatiya Janata Party, il partito all’opposizione in India). “Golwalkar, un membro fondatore dell’Rss in un suo libro traccia un’idea di nazione presa in prestito dal nazismo di Hitler. La sua ammirazione per Hitler è nota. Egli rifiutava l’idea che l’India è un Paese laico, e proponeva al suo posto la Hindu Rashtra (“sistema indù”) che influenza una parte della popolazione indiana”.

    Nell’Hindu Rashtra non vi è spazio per le altre confessioni religiose.

    “Noi qui in Orissa – continua mons. Cheenath – siamo colpiti a causa della Croce”. In Orissa oltre il 94% della popolazione è indù. Il cristianesimo è praticato dal 2,4% degli abitanti. Ma si registrano molte conversioni fra i tribali, spesso abusati dalla popolazione delle città.

    “Qui – aggiunge il vescovo – la maggioranza vorrebbe eliminare la croce,… ma essa ha ormai radici molto profonde in Orissa e il cancro del nazionalismo non prevarrà. La Chiesa sarà luce per molte generazioni a venire”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2008 INDIA
    Arcivescovo di Delhi: Violenze sui cristiani segnano la crisi della democrazia indiana
    Mons. Vincent Concessao sottolinea che l’estremismo indù nega non solo i diritti delle minoranze, ma la convivenza e il rispetto dei diritti umani, mettendo in crisi i pilastri costituzionali del Paese. A Delhi i radicali indù hanno occupato il giardino della chiesa cattolica di Trilokpuri perché vogliono costruirvi un tempio.

    25/08/2008 INDIA
    Orissa: violenze e distruzioni contro i cristiani, accusati di aver ucciso leader radicale indù
    Chiese, cappelle, un centro sociale e un centro pastorale, oltre a pulmini delle suore sono stati distrutti. La nuova ondata di violenze segue l’assassinio di Swami Laxanananda, principale responsabile di un guerra contro i cristiani dell’Orissa, che nel dicembre scorso ha prodotto 3 morti e 13 chiese bruciate.

    29/10/2008 INDIA
    La Chiesa indiana ricorda p. Bernard Digal, martire della fede in Orissa
    Mons, Cheenat, arcivescovo di Cuttack- Bhubaneshwar, sottolinea l’opera “instancabile” a favore dei “cristiani perseguitati” e la sua devozione per la Madonna. I confratelli ribadiscono le “virtù e la capacità di perdonare i suoi persecutori”. Venerdì 31 ottobre l’ultimo saluto della comunità al prete ucciso.

    28/10/2008 INDIA
    È morto p. Bernard Digal, l’India piange un nuovo martire dell'Orissa
    Il religioso era stato assalito la notte del 25 agosto da una folla di fondamentalisti indù che lo ha picchiato e abbandonato nella foresta per una notte intera. Ieri i polmoni hanno collassato ed è entrato in coma. Al suo capezzale mons. Raphael Cheenath.

    13/09/2008 INDIA
    Orissa, il dramma dei rifugiati: conversioni forzate all'induismo o nuove violenze
    Secondo il governo la situazione è “sotto controllo”, ma rimanda le elezioni e vieta l’ingresso nel distretto di Kandhamal. Attivista cristiano denuncia nuove violenze contro i profughi, mentre i fondamentalisti indù stilano una lista di 140 cristiani “colpevoli” dell’assassinio dello Swami.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®