26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2017, 11.55

    HONG KONG

    Vescovo di Hong Kong: La Quaresima, “camminare con Gesù” aiutando i poveri e le famiglie

    Card. John Tong

    La vita come un pellegrinaggio verso Dio. Matrimonio e famiglia al centro. L’importanza delle letture e della liturgia. Il messaggio di misericordia di Papa Francesco. Aiuto alle coppie e alle persone fragili. I fedeli devono essere profeti contro le ingiustizie.

    Hong Kong (AsiaNews) – Per la Quaresima, il vescovo di Hong Kong, il card. John Tong, ha indirizzato ai fedeli la tradizionale lettera pastorale. Nell’occasione, ha ribadito il ruolo della famiglia e del matrimonio, come luogo di costruzione della persona e di crescita nella comunione reciproca. Citando la Amoris Letitia di Papa Francesco, il cardinale esorta ad avere misericordia verso i feriti dalla vita. Misericordia non significa accettare le ingiustizie, ma avere un ruolo “profetico”, denunciando e correggendo quelle situazioni che schiacciano la vita degli individui e delle famiglie. Il card. Tong cita fra queste il rincaro dei prezzi degli immobili ad Hong Kong, come pure gli orari di lavoro troppo lunghi.

    “Cari fratelli e sorelli in Cristo

    Queste parole della Bibbia ci dicono che la Quaresima si sta avvicinando e ci ricordano di guardare alla vita come a un pellegrinaggio. Siamo cercatori in mente e spirito. Questo viaggio che inizia nel cuore ci porta a cercare la volontà di Dio nelle nostre vite.

    Un pellegrino non è un turista. Il traguardo di un pellegrinaggio supera ciò che ci può offrire qualsiasi luogo visitiamo. È l’esperienza di avvicinarci a Cristo – di dimorare in Dio – affinché possiamo portare avanti la missione che Dio ci ha affidato.

    Di recente, durante il periodo di Natale, abbiamo celebrato la gioia di Dio in mezzo a noi. Durante i 40 giorni della Quaresima dobbiamo fare un passo avanti e imparare come camminare con Gesù che è Dio incarnato.

    Il nostro cammino di conversione inizia questa Quaresima con il mercoledì delle Ceneri il primo di marzo. L’intera Chiesa ravviverà i suoi sforzi con preghiera, digiuno, astinenza, sacrificio e opere di misericordia – per prepararsi a celebrare il Mistero pasquale di Gesù Cristo.

    Per portare a compimento l’orientamento pastorale della diocesi Cura del matrimonio, famiglia e vita, quest’anno la commissione di preparazione per la Quaresima propone il tema Sostenere i valori della famiglia e del matrimonio con l’amore di Dio. Inoltre, promuove varie attività riguardo spiritualità e carità.

    Come il Vangelo della prima domenica di Quaresima spiega, “Non di solo pane vivrà l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio” (Matteo 4:4). Per questa ragione, imparare a camminare con Cristo inizia con l’ascolto della Parola di Dio.

    I Magi seguirono la stella per trovare il Santo Bambino nato nella mangiatoia; re Erode ordinò ai sacerdoti e agli scribi di cercare nelle scritture ebraiche il luogo dove il nuovo sovrano sarebbe nato, così allo stesso modo, se osserviamo da vicino e ci apriamo con umiltà, scopriremo che Dio ci sta mandando messaggi e illuminazione attraverso le persone e gli eventi che ci circondano.

    Leggere la Bibbia darà nutrimento alla nostra vita spirituale e ai nostri gesti di carità.

    La Quaresima e le ricche liturgie della Settimana Santa sono intese a preparare i catecumeni a ricevere i sacramenti di iniziazione nella Notte di Pasqua. Essi diventeranno i figli e le figlie di Dio, e membri della Chiesa.

    Quando l’intera Chiesa cammina con i catecumeni in questo cammino di fede, i fedeli faranno esperienza di Cristo nelle liturgie e nei sacramenti.

    Lasciamo che Cristo ci guidi a camminare con passo deciso sul sentiero della vita e a superare tutti i tipi di limiti e prove per arrivare salvi alla nostra eterna dimora in Paradiso.

    La conversione dei nostri cuori ci spinge, inoltre, a prestare attenzione a quelli intorno a noi. Se abbiamo familiarità con la Parola di Dio, avremo la forza di rispondere ai bisogni degli altri e diventare un cristiano che cammina con gli altri.

    Oltre a difendere il valore del matrimonio, della famiglia e della vita, la Chiesa dovrebbe anche seguire l’esortazione del Papa Francesco che dice, “il lavoro della Chiesa assomiglia a quello di un ospedale da campo” (Amoris Laetitia, 291).

    La Chiesa deve anche camminare con i figli di Dio deboli e feriti, ricostruendo loro fede e speranza. Chiedo a tutte le parrocchie, scuole e organizzazioni diocesane, in special modo quelle agenzie che offrono servizi sociali e di ascolto, di studiare con cura Amoris Laetitia, l’esortazione di Papa Francesco, e seguire i suoi consigli pastorali, accompagnando ogni coppia, ogni famiglia, e anche ogni individuo sofferente nell’affrontare i loro problemi. Dovremmo aiutarli ad attraversare le loro crisi e a trovare la via per superare le difficoltà.

    Nel recente Giubileo della Misericordia, abbiamo fatto esperienza del volto misericordioso di Dio Padre che ci aiuta a trovare la forza per rinnovarci e andare avanti. Ci è chiaro che, solo affidandoci alla misericordia di Dio e collaborando con la grazia di Dio, possiamo continuare a crescere e progredire nella fede.

    Possa ogni membro delle nostre diocesi estendere lo spirito di misericordia e raggiungere ogni bisognoso nella società, assistere i fragili e i poveri ed essere generosi nel sostenere le molte attività di raccolta fondi durante la Quaresima, servendo quelli che sono affamati e assetati.

    Vorrei ricordare a tutti che essere misericordiosi non significa tollerare comportamenti e condizioni ingiuste. Al contrario, la misericordia di Dio Padre ci impone di assumere un ruolo profetico, condannando con chiarezza ciò che ferisce la vita, il matrimonio e la famiglia.

    Solo un più retto ed equo contesto sociale può assicurare il bene comune e la felicità delle persone. Recenti studi mostrano che a Hong Kong i lunghi orari di lavoro e gli esorbitanti prezzi immobiliari sono in crescita. Tutto ciò sconvolge una normale vita familiare. Preghiamo che tutti i settori del territorio possano lavorare insieme per sviluppare istituzioni sociali che facciano il bene delle famiglie.

    La famiglia è dove una persona si riposa e si nutre, e dove la vita ha una crescita sana. Possa la Parola di Dio essere al centro di ogni famiglia, accompagnando i membri nel sentiero della loro vita, mentre lavorano con forza per favorire in casa la comunione e la reciproca fiducia. Nelle famiglie dove esiste calore e amore, tutti desidereranno tornare a casa.

    Il cammino della vita punta alla nostra eterna dimora in Paradiso. Là è dove davvero risiede l’eternità. Incoraggiamoci l’un l’altro, seguiamo le orme di Cristo e viviamo – a partire dal matrimonio e dalla famiglia – la cura e la comunione reciproca. 

    Siamo messaggeri d’amore, rispondiamo con prontezza alla chiamata di Dio e prendiamo parte nel santo obiettivo di costruire il Regno dei Cieli.

    Possa Dio concedere a voi e alle vostre famiglie grazie e pace!”

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/03/2017 11:48:00 HONG KONG - CINA
    Un Ufficio affari religiosi per Hong Kong? La diocesi protesta; la candidata Carrie Lam lo cancella, dopo averlo suggerito

    La proposta era contenuta nel programma elettorale di Carrie Lam, cattolica, candidata a capo dell’esecutivo. Timori di cattolici e protestanti per un possibile controllo sulle religioni. Il messaggio del card. Tong a Carrie Lam. La diocesi: Hong Kong non è come la Cina, dove il governo è ateo. A Hong Kong vi sono canali di comunicazione liberi fra religioni e governo. John Tsang, cattolico, anch’egli candidato a capo dell’esecutivo: Un ufficio inutile.



    20/02/2012 HONG KONG
    Le richieste del card. Tong ai fedeli e al governo di Hong Kong
    Il nuovo cardinale offre alla diocesi il suo messaggio quaresimale, sottolineando il valore della condivisione. E al futuro governatore chiede che Hong Kong abbia piena democrazia e venga corretto il liberalismo assoluto in cui è immerso il territorio, preoccupandosi delle case popolari, dell'educazione, della pensione, delle cure mediche degli abitanti più bisognosi.

    22/12/2015 HONG KONG
    Card Tong: Natale, senza la famiglia la società crollerà
    Nel suo messaggio per la nascita di Cristo, il vescovo di Hong Kong sottolinea come Gesù abbia scelto di venire al mondo attraverso una famiglia: “Attraverso questa scelta possiamo capire quanto la famiglia sia davvero importante non soltanto per la nostra fede, ma anche per la formazione della nostra società”. Per le feste “non limitiamoci ai messaggi sui social network, ma parliamo e abbracciamoci”.

    24/12/2012 HONG KONG
    Messaggio di Natale del card. Tong: suffragio universale e difesa della famiglia
    Il porporato domanda al governo maggiore sostegno nell'edilizia popolare, nella sanità, nelle pensioni, nell'educazione. Ribadita la famiglia come unità fra uomo e donna, aperta alla procreazione, per contrastare la crisi demografica del territorio e i tentativi di legalizzare il matrimonio gay. Quest'anno la Chiesa di Hong Kong ha accolto 3500 nuovi fedeli.

    03/04/2015 HONG KONG – CINA
    Card. Tong: Oltre 3.600 nuovi battezzati per la Pasqua di Hong Kong
    Nella sua Lettera pastorale, il vescovo del Territorio invita i fedeli a essere “gioiosi annunciatori del Vangelo” e a rispondere agli appelli per l’evangelizzazione lanciati da papa Francesco. La diocesi “vive in una società libera e può annunciare Cristo, e per questo dobbiamo essere felici e grati”. Due storie dalla Cina continentale, dove nonostante le difficoltà la fede continua a fiorire.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®