22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/03/2017, 13.15

    FILIPPINE

    Vescovo di Manila: è ‘vendetta politica’ l’arresto della senatrice De Lima



    La senatrice aveva indagato il presidente. Mons. Pabillo: “Vogliono fargliela pagare”. La Chiesa filippina unita contro una cultura di morte: “Educare le persone e raddoppiare gli sforzi per affrontare i problemi”.

    Manila (AsiaNews) – “De Lima ha attirato su di sé le ire di Duterte per via delle sue indagini. Vogliono fargliela pagare. E’ una vendetta politica”. “La Chiesa deve farsi sentire, non tanto come voce di critica alle politiche del presidente ma più per educare le persone al rifiuto della violenza”.  Sono alcune dichiarazioni che Mons. Broderick S. Pabillo, vescovo ausiliario di Manila, ha rilasciato in un’intervista ad AsiaNews. L’inizio del mandato del presidente Duterte, otto mesi fa, ha sconvolto la scena politica filippina contribuendo alla nascita di tensioni culminate con l’arresto per traffico di droga della senatrice Leila De Lima, avvenuto il 24 febbraio scorso. De Lima, già commissario per i diritti umani e segretario alla giustizia, è una fiera oppositrice delle violente politiche antidroga del presidente Duterte, che in soli otto mesi hanno portato all’uccisione di oltre 7 mila persone. La Chiesa cattolica, pur rimanendo estranea alla polemica politica, rafforza il suo impegno a difesa di una “cultura della vita” che vince le violenze. Si moltiplicano le iniziative su come affrontare il problema della droga, la criminalità e la disgregazione delle famiglie.

    Quali sono le Sue impressioni sull’arresto della senatrice De Lima? Cosa pensa sul suo conto? E’ solamente una rivale politica del presidente Duterte o è mossa da un vero spirito umanitario?

    Non credo che la senatrice sia solo una rivale politica. De Lima ha attirato su di sé le ire di Duterte per via delle sue indagini sulle uccisioni extra giudiziali e le sue condivisibili posizioni in materia di diritti umani. Non conosco i motivi legali per il suo arresto, ma c’è la forte percezione che Duterte e i suoi seguaci vogliano solo fargliela pagare. E’ una vendetta politica. Questo è comune nella nostra scena politica. Gli informatori e gli investigatori diventano le vittime. Qualora De Lima avesse commesso un reato, questo potrebbe essere l’aver permesso che il traffico di droga continuasse all’interno del Penitenziario Nazionale quando era a capo del dipartimento della giustizia. Ma in fondo tutti gli ex segretari al dipartimento della giustizia lo hanno permesso. Nessuno di loro ha mai fatto nulla per impedire nel penitenziario il traffico di stupefacenti, che così è diventato abitudine.

    I filippini stanno attraversando un momento di forti tensioni sociali. Secondo Lei, questo si riflette anche sull’unitàdella Chiesa cattolica?

    Non vedo tensioni all’interno della Chiesa nelle Filippine. Ci sono sacerdoti e religiosi che potrebbero sostenere il presidente Duterte, ma non ho mai sentito nessuno affermare in modo chiaro che le uccisioni extragiudiziari siano giuste. Ci sono persone all’interno della Chiesa che preferiscono non esprimersi in maniera pubblica perché reputano che questo non sia produttivo. Sarebbe più che altro una questione di strategia.

    In che modo la Chiesa filippina può opporsi alla violenza e alla “cultura di morte” espresso dale politiche sociali del president Duterte?

    Io sono convinto che la Chiesa debba farsi sentire – non tanto come voce di critica alle politiche di morte del presidente ma più per educare le persone al rifiuto dell’idea che uccidere sia la soluzione ai nostri problemi. La Chiesa dovrebbe usare i mezzi di comunicazione tradizionali e anche i social media per far emergere il suo messaggio che la morte genera solo altra morte, che la violenza non porta affatto alla pace. Ma la Chiesa dovrebbe anche raddoppiare i suoi sforzi per affrontare i problemi della società, come il problema della droga, la criminalità e la disgregazione delle famiglie. Ci sono iniziative intraprese da diverse diocesi e religiosi per affrontare alcuni di questi problemi, come gli sforzi per la riabilitazione su base comunitaria dei tossicodipendenti. Inoltre, la Chiesa tenta di far pressione contro la reintroduzione della pena di morte e l’abbassamento, ad appena nove anni, del limite di età della responsabilità penale. La Chiesa sostiene la conferma di Gina Lopez a segretario delle politiche ambientali per la sua forte presa di posizione sulla chiusura di compagnie minerarie che inquinano l'ambiente.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/09/2016 10:19:00 FILIPPINE
    Ausiliare di Manila: Ombre di Marcos sul Paese, ma la Chiesa vigila

    La “guerra alla droga” lanciata dal presidente Duterte nelle Filippine “ha scatenato un ampio dibattito. Non sappiamo neanche se le vittime fossero tutte davvero coinvolte in traffici illeciti, ma comunque non si può permettere una giustizia così sommaria”. Il vescovo ausiliare della capitale, mons. Broderick S. Pabillo, lancia attraverso AsiaNews un appello all’unità nazionale: “Abbiamo bisogno di essere compatti contro la deriva che sta prendendo il governo”.



    12/09/2017 14:45:00 FILIPPINE
    Manila, mons. Pabillo: ‘Ingiustificabile’ la guerra alla droga di Duterte

    “Non è altro che una serie di assassinii extragiudiziali”. Più di 12mila vittime nelle operazioni di polizia. Tossicodipendenti e famiglie, l’azione della Chiesa per l’assistenza ed il recupero. Gonfiati i dati del governo sull’utilizzo di droghe nel Paese.



    26/08/2016 11:38:00 FILIPPINE
    Vescovi filippini: Basta con gli omicidi impuniti, servono giustizia e unità

    La campagna contro la droga lanciata dal presidente Duterte è sfociata in una sanguinosa guerra senza alcun rispetto per il diritto e la democrazia. Oltre 2mila presunti spacciatori sono stati uccisi da poliziotti e vigilantes, rimasti del tutto impuniti. Il presidente della Conferenza episcopale: “Non possiamo mollare, una preghiera per curare i mali della nazione. Dio ci ascolterà”. I religiosi: “Il silenzio degli uomini buoni permette al male di prosperare”.



    03/03/2017 12:48:00 FILIPPINE
    Manila, in via di approvazione la pena di morte. L’ultimo appello dei vescovi filippini

    La proposta di legge è passata ieri in seconda lettura. Martedì 7 marzo la definitiva approvazione. La Chiesa richiama i parlamentari ai valori cristiani e ad opporsi al provvedimento. I vescovi chiedono la votazione nominale. Il cardinale Luis Antonio Tagle: “La vita umana è un dono di Dio, non possiamo far finta di essere dèi".



    15/07/2016 11:18:00 FILIPPINE
    Manila: Gli omicidi extra-giudiziari di presunti spacciatori sono un successo

    Una dichiarazione pubblicata dall’ufficio del neo-presidente Rodrigo Duterte loda la morte di quasi 200 trafficanti di droga – mai arrivati a giudizio – nei due mesi dalle elezioni. Deputato filippino: “La lotta al crimine sembra essere divenuta una copertura per una politica di uccisioni mirate”.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®