09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/01/2016, 00.00

    INDIA

    Vescovo di Vasai su attentati di Jakarta: La religione può essere solo uno strumento di pace

    Nirmala Carvalho

    Mons. Felix Machado presiede l’Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia. Profondo dolore per gli attentati di Jakarta, “atti codardi contro persone innocenti in nome della religione, che non aiutano né Dio né il popolo di Dio”. L’importanza del dialogo tra le religioni. Il valore della religione per “insegnare lo splendore e la dignità della persona e diffondere un senso più chiaro dell’unicità della famiglia umana”.

    Mumbai (AsiaNews) – La religione, “per sua stessa natura, non può che essere uno strumento di pace. Non può diventare pretesto per il conflitto, soprattutto quando le identità religiose, culturali ed etniche coincidono. Nessuno che si considera fedele a Dio ha il diritto di uccidere suo fratello in nome di quello stesso Dio”. Lo dice ad AsiaNews mons. Felix Machado, arcivescovo di Vasai, commentando gli attentati di ieri avvenuti nel centro di Jakarta (Indonesia). L’arcivescovo si dice molto addolorato per tali forme di violenza, che “non risolvono nulla. Anzi, la violenza intensifica e ingrandisce i problemi dell’umanità”.

    Secondo mons. Machado, che è anche presidente dell’Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia (Fabc-Oeia), “chiunque sia responsabile di questi atti codardi contro persone innocenti in nome della religione, non aiuta né Dio né il popolo di Dio. Non c’è giustificazione alla violenza”.

    La serie di esplosioni che hanno sconvolto una delle zone commerciali e turistiche più rinomate della capitale indonesiana sono stati rivendicati da un gruppo terrorista islamico legato dall’Isis, che cerca il predominio nella regione. Oggi le forze di sicurezza hanno arrestato tre sospettati, ma continua la caccia ad altri complici.

    L’arcivescovo sottolinea il valore del dialogo nei rapporti umani: “L’unico modo per risolvere le questioni”. La sua dinamica però, ha bisogno dell’esperienza di Dio: “Prima di tutto, il dialogo implica ascoltare Dio e rispettare l’altro. Non è il negoziato o semplicemente l’approccio umano nel fare le cose”. In Asia poi, dice, la prova che il dialogo è efficace è la rete di “amicizia quotidiana tra i fedeli di differenti religioni, che rompono i confini netti della religione”, gli incontri a vari livelli istituzionali, i colloqui nazionali e internazionali, le collaborazioni in atto per ribadire di rispetto reciproco delle pratiche religiose.

    L’arcivescovo di Vasai conclude con una riflessione sul ruolo odierno della religione: “Non deve essere sottostimato il ruolo della religione nel contribuire a creare pace e armonia all’interno della società moderna. Questo è il motivo per cui è necessario che le grandi religioni mondiali lavorino insieme per eliminare le cause sociali e culturali del terrorismo”. Esse possono svolgere questo compito “insegnando lo splendore e la dignità della persona e diffondendo un senso più chiaro dell’unicità della famiglia umana. Il desiderio di pace è radicato in modo profondo nella natura umana e appartiene a tutte le diverse religioni”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/09/2016 15:36:00 INDIA
    Vescovo di Vasai: Madre Teresa, la “santa dei bassifondi” che ha messo al centro i poveri

    Mons. Felix Machado afferma che prima della canonizzazione, tutti già veneravano Madre Teresa come santa. Lo spreco di tempo rimuginando sul passato, senza pensare cosa si può fare del presente. Il perdono delle offese, che rimangono a tormentarci solo perché “tu le mantieni vive”. Le persone tristi e depresse, quelle “troppo concentrate su se stesse ed egoisti nelle loro vite”.



    02/11/2016 15:38:00 INDIA – VATICANO
    Vescovo di Vasai: i 500 anni della Riforma per rafforzare i legami con i luterani

    “Dobbiamo ringraziare papa Francesco, che ha inaugurato una nuova fase nelle relazioni ecumeniche”. Capire il contesto storico in cui è avvenuta la Riforma. Non esiste ancora “una soluzione comune”, ma è stato aperto un cammino verso la “piena unità”. Non celebriamo la Riforma protestante, ma riscopriamo che la Chiesa è sempre da riformare.



    29/10/2015 INDIA
    Vescovo di Vasai: La Nostra Aetate è la via per “l’arte di vivere insieme” tra religioni diverse
    Mons. Felix Anthony Machado sottolinea ad AsiaNews l’importanza della dichiarazione conciliare sul dialogo interreligioso. La religione non è solo un affare privato, è anche in modo inevitabile una realtà pubblica. In Asia non c’è altro modo per dialogare se non attraverso il rispetto della persona. L’attualità del messaggio della “Nostra Aetate”, in un’epoca in cui i cristiani vivono in società conflittuali ma costruiscono ponti di amicizia per superare i confini di diffidenza tra le religioni.

    31/05/2016 12:25:00 INDIA – GERMANIA
    Un vescovo indiano al Katholikentag tedesco

    Dal 25 al 29 maggio si è svolta la 100ma edizione delle “Giornate dei cattolici tedeschi”. Alla manifestazione erano presenti 30mila partecipanti iscritti e altri 15mila visitatori. A Lipsia solo il 4% della popolazione è cattolica, il 12% protestante, il resto atea o non credente. Tanti momenti di preghiera, mostre, discussioni, conferenze, organizzati con cura.



    15/08/2009 INDIA
    Festa dell’Assunta e dell’indipendenza: “doppia gioia” per i cattolici indiani
    Mons. Felix Machado, arcivescovo di Nasik, parla ad AsiaNews della coincidenza della ricorrenza religiosa con quella civile che “si intrecciano nell’impegno per accrescere il bene delle persone e della nostra amata madrepatria”. Le radici religiose dell’India “sono la base e la risorsa per l’armonia e la pace” nel Paese dove “ il popolo è la costante ricerca del’assoluto e del divino”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®