31 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/01/2016, 00.00

    INDIA

    Vescovo di Vasai su attentati di Jakarta: La religione può essere solo uno strumento di pace

    Nirmala Carvalho

    Mons. Felix Machado presiede l’Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia. Profondo dolore per gli attentati di Jakarta, “atti codardi contro persone innocenti in nome della religione, che non aiutano né Dio né il popolo di Dio”. L’importanza del dialogo tra le religioni. Il valore della religione per “insegnare lo splendore e la dignità della persona e diffondere un senso più chiaro dell’unicità della famiglia umana”.

    Mumbai (AsiaNews) – La religione, “per sua stessa natura, non può che essere uno strumento di pace. Non può diventare pretesto per il conflitto, soprattutto quando le identità religiose, culturali ed etniche coincidono. Nessuno che si considera fedele a Dio ha il diritto di uccidere suo fratello in nome di quello stesso Dio”. Lo dice ad AsiaNews mons. Felix Machado, arcivescovo di Vasai, commentando gli attentati di ieri avvenuti nel centro di Jakarta (Indonesia). L’arcivescovo si dice molto addolorato per tali forme di violenza, che “non risolvono nulla. Anzi, la violenza intensifica e ingrandisce i problemi dell’umanità”.

    Secondo mons. Machado, che è anche presidente dell’Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia (Fabc-Oeia), “chiunque sia responsabile di questi atti codardi contro persone innocenti in nome della religione, non aiuta né Dio né il popolo di Dio. Non c’è giustificazione alla violenza”.

    La serie di esplosioni che hanno sconvolto una delle zone commerciali e turistiche più rinomate della capitale indonesiana sono stati rivendicati da un gruppo terrorista islamico legato dall’Isis, che cerca il predominio nella regione. Oggi le forze di sicurezza hanno arrestato tre sospettati, ma continua la caccia ad altri complici.

    L’arcivescovo sottolinea il valore del dialogo nei rapporti umani: “L’unico modo per risolvere le questioni”. La sua dinamica però, ha bisogno dell’esperienza di Dio: “Prima di tutto, il dialogo implica ascoltare Dio e rispettare l’altro. Non è il negoziato o semplicemente l’approccio umano nel fare le cose”. In Asia poi, dice, la prova che il dialogo è efficace è la rete di “amicizia quotidiana tra i fedeli di differenti religioni, che rompono i confini netti della religione”, gli incontri a vari livelli istituzionali, i colloqui nazionali e internazionali, le collaborazioni in atto per ribadire di rispetto reciproco delle pratiche religiose.

    L’arcivescovo di Vasai conclude con una riflessione sul ruolo odierno della religione: “Non deve essere sottostimato il ruolo della religione nel contribuire a creare pace e armonia all’interno della società moderna. Questo è il motivo per cui è necessario che le grandi religioni mondiali lavorino insieme per eliminare le cause sociali e culturali del terrorismo”. Esse possono svolgere questo compito “insegnando lo splendore e la dignità della persona e diffondendo un senso più chiaro dell’unicità della famiglia umana. Il desiderio di pace è radicato in modo profondo nella natura umana e appartiene a tutte le diverse religioni”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/10/2015 INDIA
    Vescovo di Vasai: La Nostra Aetate è la via per “l’arte di vivere insieme” tra religioni diverse
    Mons. Felix Anthony Machado sottolinea ad AsiaNews l’importanza della dichiarazione conciliare sul dialogo interreligioso. La religione non è solo un affare privato, è anche in modo inevitabile una realtà pubblica. In Asia non c’è altro modo per dialogare se non attraverso il rispetto della persona. L’attualità del messaggio della “Nostra Aetate”, in un’epoca in cui i cristiani vivono in società conflittuali ma costruiscono ponti di amicizia per superare i confini di diffidenza tra le religioni.

    31/05/2016 12:25:00 INDIA – GERMANIA
    Un vescovo indiano al Katholikentag tedesco

    Dal 25 al 29 maggio si è svolta la 100ma edizione delle “Giornate dei cattolici tedeschi”. Alla manifestazione erano presenti 30mila partecipanti iscritti e altri 15mila visitatori. A Lipsia solo il 4% della popolazione è cattolica, il 12% protestante, il resto atea o non credente. Tanti momenti di preghiera, mostre, discussioni, conferenze, organizzati con cura.



    15/08/2009 INDIA
    Festa dell’Assunta e dell’indipendenza: “doppia gioia” per i cattolici indiani
    Mons. Felix Machado, arcivescovo di Nasik, parla ad AsiaNews della coincidenza della ricorrenza religiosa con quella civile che “si intrecciano nell’impegno per accrescere il bene delle persone e della nostra amata madrepatria”. Le radici religiose dell’India “sono la base e la risorsa per l’armonia e la pace” nel Paese dove “ il popolo è la costante ricerca del’assoluto e del divino”.

    30/03/2015 INDIA
    Vescovo di Vasai: Suicidi di contadini, ferita profonda per la Chiesa
    Mons. Machado ha presieduto una manifestazione in onore degli agricoltori e delle loro famiglie. “Se la famiglia è intatta, allora siamo testimoni del progresso della comunità, della società e della nazione umane”.

    07/09/2015 INDIA
    Vescovo di Vasai: Interprete di due santi, testimone del loro linguaggio di amore
    Mons. Felix Machado, arcivescovo di Vasai, ricorda ad AsiaNews l’incontro fra Frère Roger e Madre Teresa: "Uno parlava solo francese, l'altra inglese. Ma entrambi parlavano con il cuore". Il fondatore della comunità di Taizé e il lavoro nella scuola per bambini aperta dalle Missionarie della Carità. La fedeltà alla missione dei due santi “il loro vero essere”.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®