21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/08/2006, 00.00

    Filippine

    Vescovo filippino: "Non partecipo alla Commissione sugli omicidi politici"

    Santosh Digal

    Il vescovo di Batanes-Babuyanes ha motivato la sua scelta  per rispetto all'autonomia della Conferenza episcopale e a causa dei suoi impegni pastorali.

    Manila (AsiaNews) – Il vescovo di Batanes-Babuyanes, mons. Camilo Gregorio, ha rifiutato ieri l'offerta del presidente filippino di far parte della Commissione governativa d'indagine sulle uccisioni "extra-giuridiche" a causa dei suoi impegni pastorali e per rispetto all'autonomia della Conferenza episcopale.

    Il prelato ha motivato la sua decisione in un messaggio scritto a p. Juanito Figura, segretario esecutivo della Conferenza episcopale filippina. "Dopo molta preghiera ed attente riflessione – scrive – ho deciso di declinare l'offerta a causa dei molteplici impegni pastorali che mi attendono, ma anche per rispetto all'autonomia della Conferenza episcopale di cui sono membro".

    "Ringrazio il presidente Arroyo – conclude – per il suo invito, ma intendo servire la mia nazione in altri modi. Dio benedica la Commissione ed il giudice che la dirige".

    Il presidente Gloria Macapagal Arroyo, ha formato la Commissione il 20 agosto scorso con il compito di investigare sugli omicidi definiti "extra-giuridici" di giornalisti ed esponenti della sinistra politica del Paese. Il presidente è il giudice della Corte Suprema in pensione, Jose Melo.

    L'arcivescovo di Lingayen-Dagupan, mons. Oscar Cruz, dice di sostenere la decisione del suo fratello nell'episcopato: essa "risponde alle leggi della Chiesa". "Il diritto canonico – spiega - proibisce a diaconi, sacerdoti e vescovi di accettare incarichi pubblici, in special modo se essi conferiscono un effettivo potere sociale".

    "La Commissione di inchiesta – sottolinea – rientra in maniera particolare in questa definizione, dato che ha il potere di fare praticamente tutto".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2006 FILIPPINE
    Vescovo filippino accetta di entrare nella Commissione sugli omicidi politici

    Il vescovo di Butuan City, mons. Juan de Dios Pueblos, ha accettato di far parte della neonata Commissione di inchiesta sugli omicidi "extra giuridici" nonostante i richiami della Conferenza episcopale, che chiede ai presuli di rimanere indipendenti dalla politica.



    28/10/2008 FILIPPINE
    Vescovi filippini condannano la corruzione endemica del Paese
    Secondo il presidente della Conferenza episcopale essa rappresenta un “cancro morale” che va eliminato attraverso “riforme radicali”. Il prelato chiede nuove politiche “sociali, politiche ed economiche” per affrontare la crisi generale dei mercati.

    18/02/2004 filippine
    "Oratio Imperata" dalle Ceneri fino alle elezioni


    24/06/2009 FILIPPINE
    Anno sacerdotale nelle Filippine: la preghiera e l’aiuto dei laici
    I cattolici filippini organizzano veglie di preghiera e raccolta di offerte, per sostenere l'opera dei sacerdoti e lo studio dei seminaristi. Preghiera per le vocazioni.

    04/03/2014 FILIPPINE
    Quaresima, vescovi filippini: I fedeli devono imitare la povertà di Cristo, che “santifica”
    Il presidente della Conferenza episcopale invita a guardare all’esempio di Gesù, conducendo uno stile di vita improntato a “semplicità” e “santificazione”. Vi è una povertà che “degrada”, cui si contrappone il modello proposto da Cristo nelle Beatitudini. Condanna del consumismo e della corruzione, un “cancro sociale” che rovina il Paese.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®