09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/01/2016, 00.00

    FILIPPINE

    Vescovo filippino: Rimpatriate i lavoratori migranti in Arabia Saudita e Iran



    Preoccupa l’escalation di tensione in Medio Oriente e le frizioni fra Riyadh e Teheran. Mons. Santos, presidente della Commissione per la cura dei migranti: “Dobbiamo garantire la sicurezza dei nostri lavoratori all’estero ed essere pronti a rimpatriarli, offrendo un lavoro nelle Filippine”. Soddisfazione e gioia per l’amnistia concessa dal Qatar a 10 filippini incarcerati.

    Manila (AsiaNews/Cbcp) – Manila deve rimpatriare i lavoratori filippini emigrati in Arabia Saudita e Iran, a causa del deteriorarsi dei rapporti fra i due Paesi musulmani avvenuto negli ultimi giorni. È l’appello che mons. Ruperto Santos, vescovo di Balanga e presidente della Commissione per la cura dei migranti, ha rivolto oggi al governo di Benigno Aquino. Secondo il presule, l’escalation di tensione dovuta all’uccisione a Riyadh del dignitario sciita Nimr al-Nimr e al conseguente assalto alla sede diplomatica saudita a Teheran, metterebbe a rischio l’incolumità dei cittadini filippini e delle loro famiglie.

    “Dobbiamo essere pronti – ha detto mons. Santos – ad accogliere in patria i nostri lavoratori migranti, fornendo loro un lavoro qui e assistenza alle loro famiglie”. Il presule è “molto preoccupato” dalla situazione in Medio Oriente, complicata dalle nuove frizioni interne all’islam, e ha invitato tutti i fedeli a pregare per la pace e per la sicurezza dei filippini.

    Il dipartimento per gli Affari esteri di Manila ha assicurato di monitorare da vicino la situazione e di essere pronto ad utilizzare tutte le risorse per garantire l’incolumità dei filippini che lavorano in Medio Oriente.

    Mons. Santos ha anche espresso gioia e soddisfazione per la decisione del Qatar di concedere l’amnistia a 10 prigionieri filippini detenuti nelle sue carceri. Il vescovo ha ringraziato l’emiro Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani per gli “atti di benevolenza”.

    “In questo Giubileo della Misericordia – ha affermato – facciamo esperienza di atti di perdono e compassione. Delle vite sono state risparmiate dalla punizione. Delle vite sono state salvate. Dal perdono del Qatar dobbiamo imparare una lezione: dobbiamo mostrare gratitudine, più dedizione nel lavoro e disciplina nel rispettare le leggi e i costumi di questi Paesi”.

    Manila non ha ancora indentificato i 10 lavoratori filippini perdonati e le loro condanne. L’emiro del Qatar è solito concedere l’amnistia due volte l’anno: durante il Ramadan e a fine anno. A luglio 2015, durante il mese sacro dei musulmani, erano stati perdonati altri 12 filippini.

    I lavoratori filippini emigrati all’estero sono circa 10 milioni, di cui 2,2 milioni in Arabia Saudita. Di loro, 79 sono nel braccio della morte in varie parti del mondo, inclusi 41 in Malaysia e 27 in Arabia Saudita. Lo scorso 30 dicembre, un piastrellista filippino è stato decapitato in Arabia Saudita per non aver pagato il “prezzo del sangue”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/04/2015 FILIPPINE – INDONESIA
    Vescovo filippino: Preghiamo e speriamo che Mary Jane venga liberata presto
    Il presidente della Commissione per la cura dei migranti ad AsiaNews: “E’ un ostaggio, vittima di un traffico di esseri umani più grande di lei. Pensiamo che sopra la sua reclutatrice vi sia una rete più estesa, faremo di tutto per fermarla”. In agosto mons. Santos sarà in Kuwait e nei Paesi del Golfo: “Una missione per i nostri lavoratori all’estero. A loro dico: non date retta a chi promette soldi facili, ricordate sempre la vostra dignità di esseri umani”.

    30/12/2015 FILIPPINE – ARABIA SAUDITA
    Lavoratore filippino decapitato in Arabia Saudita: non ha pagato il “prezzo del sangue”
    Joselito Lidasan Zapanta, piastrellista di 35 anni, era stato condannato nel 2010 per l’uccisione del datore di lavoro. L’uomo ha sempre rivendicato la legittima difesa. Per la sua liberazione Riyadh chiedeva un milione di dollari. Mons. Santos: “Questo caso tragico e doloroso testimonia tutti i pericoli che i nostri lavoratori sono costretti ad affrontare all’estero”.

    17/03/2012 ARABIA SAUDITA – FILIPPINE
    Arabia Saudita, il 70% delle colf filippine subisce violenze fisiche e psicologiche
    Lo rivela una ricerca del Committee on Overseas Workers Affair. I casi di stupro subiti da giovani filippine sono all’ordine del giorno. Per evitare un aumento dei salari, il governo di Riyadh mette al bando i lavoratori non qualificati provenienti da Filippine e Indonesia.

    19/02/2007 ARABIA SAUDITA
    Bambini condannati a morte e adulti detenuti per anni senza accusa
    Una commissione di Human Rights Watch, in visita ufficiale in Arabia Saudita, riscontra gravi violazioni dei diritti umani per accusati e detenuti. Processi celebrati a porte chiuse e con pochi diritti di difesa. Donne sotto la costante “sorveglianza” di guardie maschili. La difficile situazione dei lavoratori migranti.

    28/01/2010 FILIPPINE - A. SAUDITA
    Migranti filippini cristiani costretti a convertirsi all’islam
    Infermiera filippina da 10 anni nel Paese Arabo racconta la drammatica situazione dei lavoratori cristiani, costretti ad abbracciare l’islam per paura di perdere il lavoro. Abusi e violenze non fermano i migranti che continuano a scegliere i Paesi del Medio Oriente per il facile impiego.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®