18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/01/2016, 00.00

    BRUNEI

    Vicario apostolico del Brunei: nonostante i divieti, abbiamo festeggiato bene il Natale



    Secondo mons. Cornelius Sim le proibizioni del sultanato non sono molto severe e toccano in primo luogo i musulmani: “I cattolici hanno sempre potuto professare la fede in pubblico”. Non tutti i divieti sono da condannare: “La mancanza di Jingle Bells e Babbo Natale non impedisce ai cristiani di vivere questo periodo speciale”. Il 25 dicembre le parrocchie hanno potuto organizzare la festa annuale per migliaia di lavoratori migranti, soprattutto filippini.

    Bandar Seri Begawan (AsiaNews/Cbcp) – I cattolici in Brunei “hanno sempre potuto professare la loro fede in pubblico come comunità, e speriamo di continuare così in futuro”. Lo ha detto mons. Cornelius Sim, vicario apostolico del Brunei, commentando il “divieto” dei festeggiamenti natalizi imposto qualche settimana fa dal sultano del Paese, dove vige la sharia. La pena prevista per coloro che celebrano la festa in piazza o nei luoghi pubblici è di cinque anni di prigione, oppure una multa di 20mila dollari. Secondo il prelato, la proibizione non è così severa come è stato riportato dai media occidentali ed è rivolta soprattutto ai musulmani.

    “Siamo stati informati – spiega il vicario – che questi divieti sono indirizzati soprattutto ai musulmani. Il ministero degli Affari religiosi ha giustificato questo dicendo che è utile per non allontanare i musulmani dalla loro fede. Presumo che coloro che hanno deciso queste misure ci abbiano pensato a lungo, anche se non sono al corrente della loro linea di pensiero”.

    Secondo le direttive del sultanato, ai cristiani resta la facoltà di celebrare la ricorrenza del Natale, ma solo “in privato” e dopo aver “avvisato in via preventiva” le autorità. Inoltre, fra i gesti legati alla festa cristiana ritenuti “offensivi” e per questo dichiarati fuorilegge vi sono: indossare simboli religiosi, accendere candele, addobbare alberi di Natale, montare decorazioni, indossare cappelli di Babbo Natale, cantare inni religiosi e inviare auguri.

    Mond. Sim ricorda che la costituzione del Brunei riconosce la libertà di culto. Secondo il presule, inoltre, non tutti i divieti sono da condannare: “Essendo anche io un religioso di professione, capisco quelli che trattano questioni che possono confondere i membri della loro religione e compromettere la loro fede e la pratica religiosa”. “Per essere onesti – continua il vicario – non credo che la mancanza di ‘Jingle Bells’ o di ‘Frosty l’uomo di neve’ nei centri commerciali impedisca ai cristiani di vivere questo periodo in modo speciale. Babbo Natale, come è ritratto nella cultura popolare, non è affatto una rappresentazione adeguata di quello che è il Natale!”.

    Il presule afferma che quest’anno i cristiani non hanno avvertito alcuna differenza nel modo di celebrare il Natale rispetto agli anni passati. Le parrocchie del Paese hanno osservato la “messa del gallo” come sempre. A Bandar Seri Begawan i cattolici hanno partecipato alla messa di Natale la mattina del 24 dicembre per esplicita richiesta del ministero degli Affari religiosi e non sovrapporsi alla processione per la nascita di Maometto.

    In molte parrocchie la messa è stata celebrata il 25 dicembre. “Siccome il giorno di Natale è festa nazionale – spiega mons. Sim – molte persone hanno partecipato ai riti”. Inoltre, le parrocchie hanno aperto i propri edifici la notte per ospitare la festa annuale dei lavoratori migranti (v. foto), per la maggior parte filippini. “A Bandar Seri Begawa – racconta il vicario apostolico – più di 1500 lavoratori stranieri hanno partecipato all’evento. Hanno potuto scegliere fra una varietà di cibo indiano, cinese e filippino. Ci sono stati canti, balli e una lotteria con regali”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/12/2015 NEPAL
    Vicario apostolico del Nepal: Il Natale porti in tutto il mondo rispetto per le minoranze
    Mons. Paul Simick ha celebrato la Messa di Natale nella Cattedrale dell’Assunzione di Kathmandu. Migliaia di cattolici e non si sono scambiati gli auguri in tutto il Paese. Il Natale è festa nazionale dal 2007. Il messaggio del presidente: “Possa questa festa ispirare tutti a migliorare la Costituzione del Nepal e rafforzare i sentimenti di amore e unità in tutta la popolazione”.

    22/12/2015 BRUNEI
    Il Brunei vieta il Natale: cinque anni di carcere (e multe) per chi festeggia
    Il Sultano, col sostegno dei leader islamici, mette al bando simboli e celebrazioni della festa cristiana. Per chi viola la norma carcere e multe fino a 20mila dollari. Il Natale potrebbe “causare danni” alla fede islamica. Ma c’è chi si ribella e pubblica foto della festa secondo l’hashtag #MyTreedom.

    30/06/2014 NEPAL
    Nepal, il nuovo Vicario apostolico: "Cercherò di essere un vero pastore"
    La cerimonia di insediamento di mons. Simick si è svolta ieri in presenza di circa un centinaio di sacerdoti, 3mila laici e dei rappresentati di altre religioni. Alla fine della celebrazione il presule ha detto: "Sono molto felice. Prometto di prendermi cura della Chiesa del Nepal come un vero pastore, cercando di seguire l'esempio di San Paolo".

    03/01/2017 15:07:00 NEPAL
    Vicario apostolico del Nepal: Il 2017 sarà dedicato a rafforzare la famiglia

    Il vicario apostolico propone di puntare sulla spiritualità della famiglia, rendendola "attiva nel Vangelo". Nel Paese himalayano ci sono molte coppie miste e centinaia di conversioni al cristianesimo. Il tema della famiglia è stato anche il focus della Plenaria 2016 della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche.



    17/10/2017 14:03:00 MYANMAR - VATICANO
    Yangon, la gratitudine dei vescovi per ‘i tre doni’ di papa Francesco

    Celebrata una solenne messa di ringraziamento presso la cattedrale dell’Immacolata Concezione. il card. Charles Maung Bo: “È un momento storico per tutti noi e per la Chiesa in Myanmar”. Il nuovo nunzio mons. Paul Tschang In-Nam invita i cattolici a lavorare per la pace e la riconciliazione nazionale.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®