20 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/03/2016, 11.15

    YEMEN

    Vicario d’Arabia: p. Tom è ancora vivo, false le voci di una sua crocifissione



    Ad AsiaNews mons. Hinder parla di segnali “forti” in base ai quali il salesiano sequestrato dai jihadisti è “nelle mani dei suoi rapitori”. Il presule respinge le notizie di una sua uccisione e definisce un “processo difficile” il lavoro in atto per il suo rilascio. Nel fine settimana blog e media hanno rilanciato la notizia (falsa) della crocifissione del sacerdote indiano. 

    Sanaa (AsiaNews) - Vi sono segnali “forti” in base ai quali p. Tom Uzhunnalil, il sacerdote indiano rapito dai jihadisti che hanno assaltato il compund delle missionarie della Carità di Aden, è “ancora vivo”. È quanto afferma ad AsiaNews mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale (Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen), il quale aggiunge che “dal 4 marzo scorso” il salesiano “è nelle mani dei suoi rapitori”. Il Vicariato respinge ancora una volta, con fermezza, le voci della scorsa settimana, e che hanno ripreso vigore nelle ultime ore grazie a notizie e foto (prive di fondamento) circolate sul web, secondo cui il sacerdote sarebbe stato crocifisso il Venerdì Santo. 

    Mons. Hinder smentisce con forza le voci “diffuse in modo incontrollato” in base alle quali p. Tom “sarebbe stato crocifisso” e aggiunge che “finora nessuno ha fornito prove attendibili” in base alle quali “egli sarebbe stato ucciso”. Il prelato aggiunge inoltre che “nessuna informazione” può essere diffusa in merito al lavoro in atto “per ottenere la liberazione” del sacerdote indiano, per il quale chiede di “continuare a pregare” perché “siamo all’interno di un processo difficile”. 

    Dal 4 marzo scorso p. Tom Uzhunnalil è nelle mani del gruppo jihadista, con tutta probabilità legato allo Stato islamico (SI), che ha massacrato quattro suore di Madre Teresa e altre 12 persone ad Aden, nel sud del Paese. Finora non vi sono state notizie ufficiali sulla sorte del 56enne sacerdote nato a a Ramapuram, vicino a Pala (Kottayam, Kerala), da una famiglia profondamente cattolica. Suo zio Matteo, morto lo scorso anno, anch’egli salesiano, è il fondatore della missione in Yemen.  P. Tom si trova in Yemen da quattro anni.

    All’inizio della scorsa settimana in India sono circolate voci - senza fondamento - di un piano elaborato dai rapitori che prevedeva la tortura, l’uccisione e la crocifissione del sacerdote lo scorso 25 marzo, in concomitanza con il Venerdì Santo in cui si ricorda la passione e morte di Cristo. Si tratta di voci per nulla confermate e smentite a più riprese dai salesiani e dal Vicariato d’Arabia, ma che hanno contribuito ad alimentare i timori sulla sorte del sacerdote indiano. 

    In risposta, la Famiglia salesiana ha chiesto di pregare per p. Tom in occasione del Giovedì Santo e nelle principali celebrazioni dedicate alla Pasqua.

    Nelle ultime ore diversi blog e media hanno diffuso in rete la notizia della uccisione di p. Tom Uzhunnalil, rilanciate durante le funzioni della Pasqua anche dal cardinale di Vienna Christoph Schönborn in base a informazioni errate. Immediata la precisazione del porporato, il quale ha poi corretto il tiro smentendo la notizia della crocifissione. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/03/2016 11:48:00 YEMEN
    Il martirio delle suore in Yemen nel racconto di suor Sally, unica sopravvissuta

    La superiora della comunità di Aden ha affidato a una consorella le drammatiche fasi dell’assalto alla casa di cura per anziani e disabili. Le suore sono morte per la “fedeltà” alla loro missione, facendosi trovare pronte “ad accogliere lo sposo”. Un sacrificio di sangue nella speranza che sia “germoglio di pace per il Medio oriente e perché serva a fermare l’Isis”. La lettera autografa (Pdf).



    23/01/2017 08:56:00 INDIA - YEMEN
    Cattolici e non in preghiera per la liberazione di p. Tom, salesiano indiano rapito in Yemen

    Celebrata la giornata di preghiera indetta dalla Conferenza episcopale. All’iniziativa hanno aderito anche comunità protestanti. Rev. Thomas Jacob: “Preghiamo perché possa tornare a casa presto a in tutta sicurezza”. Centinaia di fedeli alla fiaccolata organizzata dalla cattedrale di Santa Maria a Trivandrum. 

     



    18/01/2017 11:43:00 INDIA - YEMEN
    Chiesa indiana in preghiera per p. Tom, sacerdote salesiano rapito in Yemen

    Il 21 e 22 gennaio la Conferenza episcopale ha indetto una giornata di preghiera per il rilascio del missionario salesiano. Card. Cleemis: Aspettiamo con “angoscia e preghiera” la notizia del “rilascio”, che è “vivo e al sicuro”. Vicario salesiano: Nelle difficoltà la preghiera è “essenziale” per “tenere viva la speranza”. 



    27/12/2016 12:00:00 YEMEN - EAU - INDIA
    Mons. Hinder: elementi “positivi e negativi” dal video di p. Tom, lavoriamo per la liberazione

    Per il vicario apostolico è importante la conferma che il salesiano indiano è “ancora vivo”, sebbene oggetto di “pressioni” dei rapitori. Il prelato aggiunge che si sta operano “su diversi fronti” per ottenere il suo rilascio. L’appello a non rilanciare informazioni false o non confermate in rete. E a pregare per la salute del sacerdote.

     



    27/12/2016 08:54:00 YEMEN - INDIA
    P. Tom, rapito in Yemen, è vivo e chiede aiuto al Papa: “Dimenticato, ho bisogno di cure” (VIDEO)

    Dal 4 marzo scorso il salesiano indiano è nelle mani di un commando dello Stato islamico. Ieri i sequestratori hanno diffuso un filmato, in cui chiede aiuto a Francesco, al governo indiano e ai cattolici nel mondo. E aggiunge: “Ho bisogno urgente di cure mediche”. Delhi assicura: Contatti regolari con autorità locali e potenze regionali. 

     





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®